BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

20/09/2023

fare

Anche in un momento di incertezza le multinazionali sanno affrontare le difficoltà

Jody Jonsson (Capital Group): le grandi organizzazioni sono attrezzate per gestire al meglio le diverse tensioni locali e internazionali, le difficoltà delle supply chain e sono in grado di adattarsi

In questo scenario turbolento, le società multinazionali sono le più vulnerabili? A nostro avviso è il contrario.
Le multinazionali godono in molti versi di un miglior posizionamento per navigare in un contesto incerto e sviluppare soluzioni efficaci per affrontare i cambiamenti destabilizzanti.
Il primo fra tutti è un approccio di business sempre più "multi-locale", che le avvicina ai consumatori di tutto il mondo.

Anche in un momento di incertezza le multinazionali sanno affrontare le difficolt

Ecco quattro motivi per cui siamo ancora ottimisti sul fatto che le multinazionali possano prosperare in tempi difficili.

1 - Le multinazionali sono in grado di adattarsi alle tensioni tra Stati Uniti e Cina

Le due principali economie mondiali si sono colpite a vicenda con dazi onerosi e altre restrizioni commerciali.
La Cina ha rafforzato gli scambi commerciali con la Russia, malgrado le sanzioni internazionali imposte da Stati Uniti ed Unione europea all'indomani dell'invasione dell'Ucraina lo scorso anno.
Tralasciando i problemi attuali, passerà ancora parecchio tempo prima che gli Stati Uniti e la Cina possano risolvere controversie più radicate in materia di furto di proprietà intellettuale e ingenti sussidi alle imprese statali cinesi.
Per risolvere questi problemi - se mai si riuscirà - potrebbero volerci anni o addirittura decenni.

Seguici: 

Nel frattempo, tuttavia, le aziende che operano in tutto il mondo stanno facendo quello che sanno fare meglio: trovare nuovi modi per adattarsi e avere successo a prescindere dai crescenti ostacoli.
Per esempio, nel settore dei chip per computer, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) e il produttore di chip ASML stanno ampliando le proprie attività in tutto il mondo.
A balzare particolarmente all'occhio è l'impresa di TSMC, che sta costruendo nuovi impianti produttivi in Arizona e Giappone, mentre la controparte con sede nei Paesi Bassi, ASML, sta investendo più silenziosamente nel consolidamento delle proprie attività in Germania, Connecticut e California.

La costruzione di nuovi stabilimenti potrebbe favorire Caterpillar, il più grande produttore mondiale di attrezzature per l'edilizia, che sembra destinato a registrare una maggiore domanda di prodotti per impieghi gravosi.
Questi sono esempi delle tipologie di società che ci piace chiamare "campioni globali".
Considerate nel loro insieme, tendono a mostrare un buon andamento in quasi tutti gli scenari: possono senz'altro affrontare i momenti difficili, ma possono anche riposizionarsi per avere successo quando la situazione migliora.

2 - Team di gestione esperti sanno gestire le sfide

Non è un caso se le multinazionali sono arrivate a dominare l'economia e i mercati finanziari globali.
Nella maggior parte dei casi, queste realtà sono gestite da manager brillanti, resilienti ed esperti.
Hanno operato in qualsiasi tipo di contesto commerciale, dai più favorevoli ai più ostili.

A mio avviso, queste società temprate dall'esperienza godono di un posizionamento favorevole per sopravvivere e persino prosperare in condizioni avverse.
Nestlé è un buon esempio di come una multinazionale possa attingere a soluzioni high-tech per semplificare le operazioni della sua catena di fornitura.
Negli ultimi anni, il gigante del settore alimentare si è affidato sempre più alla blockchain - meglio conosciuta come la base della tecnologia legata al bitcoin - per garantire una consegna dei prodotti più rapida, trasparente e conveniente.
I dati della blockchain disponibili pubblicamente non solo consentono all'azienda di monitorare il sourcing della catena di fornitura in modo più efficiente, ma specificano anche l'origine esatta dei prodotti che i clienti desiderano acquistare.
Per sapere ad esempio da dove provengono dei chicchi di caffè, basterà scannerizzare un codice a barre.

la copertina di BusinessCommunity.it

Per gli investitori è importante evitare di prestare troppa attenzione alle speculazioni su commercio, protezionismo e conflitti geopolitici.
Può essere facile perdersi nei proclami politici sull'acciaio o sui semiconduttori o su qualunque altro prodotto finisca nel mirino.
Pressoché ogni giorno vengono pubblicati dati contrastanti e perlopiù irrilevanti.
Se questi conflitti commerciali dovessero allontanare gli investitori dalle multinazionali, vorrebbe dire che un'eccessiva preoccupazione per i proclami retorici sta impedendo alle persone di investire con successo nel lungo termine.

3 - Alcune società potrebbero beneficiare della rilocalizzazione delle supply chain

Molte società globali stanno operando con successo sui mercati locali, anziché lasciarsi intimidire delle barriere commerciali.
Sta diventando sempre più importante per le multinazionali che luogo di produzione e vendita coincidano.

Per poter avere successo, devono muoversi velocemente e reagire in maniera efficace alla concorrenza locale.
Non è tutto: molte aziende globali stanno abbandonando le catene di approvvigionamento basate su un'unica fonte.
Affidabilità e resilienza sono più importanti dei costi e dell'efficienza. Ciò significa riportare "in patria" alcune attività manifatturiere (il cosiddetto "reshoring") e spostarne altre all'estero, ad esempio in India, Vietnam e Messico.
Nike, il colosso dell'abbigliamento sportivo, ottimizza questo approccio con le sue iniziative di vendita "iper-locali".
Ad esempio, ha aperto un negozio le cui scorte di calzature si basano sui dati relativi alle tendenze d'acquisto online nelle zone limitrofe.
In Europa, Nike ha avviato un progetto di filiera produttiva "lampo" che consente di personalizzare colori e materiali in base alle preferenze dei singoli clienti in tutte le città in cui è presente. Visa e Mastercard stanno adottando un approccio per molti versi simile nel mercato dell'elaborazione elettronica dei pagamenti, personalizzando le soluzioni non solo in base alle preferenze dei clienti locali ma anche alle norme finanziarie vigenti nel mondo.

Entrambe le società sono cresciute a ritmi salutari, evolvendosi e adattandosi all'arrivo di concorrenti sempre nuovi nel settore del fintech.
Le società che hanno superato con successo la crisi del COVID sono riuscite a espandere rapidamente le proprie offerte online, localizzare le fonti di approvvigionamento, produrre più vicino a dove vendono e attingere a più fornitori in tutto il mondo.
Questo contesto imprevedibile ha contribuito a rafforzare le multinazionali che disponevano delle competenze, delle risorse e della liquidità necessari ad adattarsi con la massima velocità.

4 - I campioni globali prosperano nei mercati emergenti

Sotto molti aspetti, questa strategia multi-locale è cruciale per le aziende di Stati Uniti, Europa e Giappone che siano determinate a rimanere rilevanti o a espandersi in mercati emergenti più dinamici.

Molti di questi Paesi - Cina, India, Brasile - stanno nutrendo i propri colossi multinazionali ma anche concorrenti di minori dimensioni concentrati su singoli Paesi, lasciando indietro i protagonisti globali del passato.
Un esempio è Mercado Libre: spesso chiamato "l'Amazon.com dell'America Latina", ha svolto un encomiabile lavoro di difesa del proprio territorio proprio dall'azienda con cui viene spesso confrontato.
Uno dei principali vantaggi di Mercado Libre è il ricorso più intensivo a venditori terzi - molti con sede in America Latina - il che offre ai clienti locali un maggiore accesso a beni provenienti dalla zona attraverso una piattaforma online rapida ed efficiente.
Un rischio significativo per alcune multinazionali di grandi dimensioni è che potrebbero soffrire la concorrenza di realtà più piccole, ma meglio radicate nei mercati locali.

A nostro avviso, questa dinamica rappresenta una minaccia molto più rilevante di qualunque problema geopolitico o commerciale. I consumatori dei mercati emergenti ricercano marchi di cui potersi fidare e aziende che conoscano la realtà locale.
Pertanto, le grandi multinazionali in grado di scomporsi, pensare localmente, muoversi agilmente e lanciare prodotti velocemente dovrebbero avere maggiori chance di successo nel lungo termine.
Al contempo, questo mutamento del panorama globale è una buona notizia per gli addetti alla selezione dei titoli, che si concentrano sulla ricerca fondamentale.
Non tutte le aziende ottengono i risultati auspicati, ed è nostro compito "separare il grano dal loglio".
Se siete disposti ad accettare qualche turbolenza a breve termine per ottenere benefici nel lungo periodo, questo è il momento ideale per investire in modo attivo.

Jody Jonsson, Gestore di portafoglio azionario di Capital Group



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - intelligenza artificiale - AI - IA - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2023 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it