BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

31/05/2023

economia

Che cosa fare della liquidità degli italiani?

La bolla del risparmio cash ha cominciato a sgonfiarsi (20 miliardi in meno nell'ultimo anno). Ma l'educazione finanziaria dei risparmiatori continua a essere scarsa.
Per il 37,4% un investimento remunerativo e? solo un colpo di fortuna


Fine della cash-mania.
Nel 2022 il contante nel portafoglio delle attività finanziarie delle famiglie italiane si è ridotto di oltre 20 miliardi di euro rispetto all'anno precedente: -1,6% in termini reali.
Nel mese di marzo 2023 il valore dei depositi sui conti correnti bancari era diminuito del 6,1% rispetto al marzo 2022.
L'inflazione (all'8,7% nel 2022) ha ridotto l'attrattività del contante, che nei dieci anni precedenti era aumentato complessivamente di quasi 470 miliardi di euro (+61,8%).

Che cosa fare della liquidit degli italiani?

Oggi 4 risparmiatori su 10 dichiarano che nell'ultimo anno, a causa della fiammata inflattiva, hanno cambiato le proprie idee su come impiegare i risparmi.
Il 33% dei consulenti finanziari ha registrato in corso d'anno una più alta propensione dei propri clienti a liberarsi della liquidità accumulata.
Questi sono i principali risultati del 4° Rapporto Censis-Assogestioni "I risparmiatori oltre la crisi" presentato al Salone del Risparmio di Milano da Giorgio De Rita, Segretario Generale del Censis, e commentato con Alessandro Rota, Direttore Ufficio studi di Assogestioni (entrambi nella foto).
Vediamo il report nel dettaglio.
La diseducazione finanziaria
L'intenzione di riallocare il cash in portafoglio apre una stagione di decisioni sul risparmio per gli italiani.
Ma le competenze dei risparmiatori su risparmi, investimenti e processi economici sono molto deboli.

Seguici: 

Sono stati somministrati quattro quesiti a un campione per verificare la reale conoscenza dell'inflazione, dell'effetto di tassi attivi sui depositi, di tassi passivi sui prestiti, della differenza tra azioni e obbligazioni.
Il 40,9% dei risparmiatori italiani non conosce l'effetto dell'inflazione sul potere d'acquisto dei redditi, il 35% non sa come opera il tasso di interesse attivo su un conto corrente, il 47,8% non comprende gli effetti del tasso di interesse passivo su un prestito bancario, il 41,6% non sa distinguere tra azioni e obbligazioni.

Sui quattro quesiti di verifica della reale educazione finanziaria, il 26,2% degli italiani ha risposto correttamente a due quesiti, il 16,2% ha risposto correttamente a un solo quesito, il 9,1% a nessun quesito.
Il gap tra quello che i risparmiatori pensano di sapere e quello che sanno veramente.
Tra le persone che dichiarano di sapere che cos'è l'inflazione, 4 su 10 non sanno che riduce il potere d'acquisto dei redditi.
Vale per il 34,2% dei laureati, il 38,2% dei diplomati e il 63,2% di chi detiene titoli di studio più bassi.
La verifica delle reali conoscenze finanziarie smentisce l'autovalutazione positiva di molti risparmiatori.
Tra coloro che pensano di avere adeguate conoscenze finanziarie, il 25,4% ha risposto bene a due quesiti, il 15,4% a un solo quesito, il 7,1% a nessun quesito.
I danni della presunzione di sapere
La presunzione di sapere espone al rischio di fare scelte finanziarie sbagliate.

Il 40,2% di chi è convinto di possedere adeguate conoscenze finanziarie ha sperimentato perdite sui propri investimenti rispetto al 29,8% di chi pensa di non avere adeguate conoscenze in materia.
L'eccesso di fiducia nelle proprie competenze porta ad abbassare la guardia e ad esporsi di più.
Tra chi pensa di possedere ottime o buone conoscenze finanziarie, il 14,3% è pronto a prendersi alti rischi per ottenere subito rendimenti elevati rispetto al 7,9% di coloro che pensano di non avere sufficienti competenze.
L'irrazionale nel risparmio: un buon investimento è solo questione di fortuna
Il 37,4% dei risparmiatori pensa che gli investimenti remunerativi siano dovuti solo al caso, che i rendimenti dipendano dalla fortuna.
Lo pensa il 43,9% di chi è in possesso di un basso titolo di studio, ma anche il 39,2% dei diplomati e il 32,5% dei laureati.
L'irrazionale nel rapporto con il risparmio e con gli investimenti è ancora molto diffuso.

la copertina di BusinessCommunity.it

Per tanti risparmiatori investire è come giocare al superenalotto: contano solo il caso e la buona sorte.
Il 46,6% di chi non possiede adeguate competenze finanziarie pensa che i buoni investimenti dipendano dalla fortuna, ma anche il 30,8% di chi dichiara di essere competente in materia.
Il parere dei consulenti finanziari
Il 55,9% dei consulenti finanziari intervistati ritiene che il termine che descrive meglio lo stato d'animo attuale dei loro clienti è «cautela».
Seguono il disorientamento (40,0%), l'ansia (24,3%) e la speranza (16,5%).
In merito alle conoscenze finanziarie dei propri clienti, meno dell'1% dei consulenti le definisce ottime, il 21,3% le giudica buone, il 50% sufficienti, il 28,2% insufficienti.
Solo al 7,1% dei consulenti capita spesso di incontrare clienti con una educazione finanziaria elevata.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - intelligenza artificiale - AI - IA - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2023 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it