BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

25/01/2023

idee

World Economic Forum: The Global Risks Report 2023

Ogni anno vengono presentati a Davos i principali rischi globali. Vediamo qual è il contenuto del Report


Abbiamo letto il Global Risks Report 2023, il Report che viene presentato a Davos in occasione del World Economic Forum.
Anche quest'anno vengono presentati i risultati dell'ultima indagine sulla percezione dei rischi globali.
Il rapporto utilizza tre orizzonti temporali per comprendere i rischi globali: i rischi attuali che stanno già avvenendo, i rischi a lungo termine che si prevede possano accadere nei prossimi 10 anni e come i rischi che possono evolversi in una "policrisi" legata alle carenze di risorse naturali entro il 2030.
Il rapporto conclude esaminando le percezioni della preparazione per questi rischi mettendo in evidenza gli elementi che possono contribuire a creare un mondo più resiliente

Crisi ambientali e sociali

Il prossimo decennio sarà caratterizzato da crisi ambientali e sociali, guidate da tendenze geopolitiche ed economiche sottostanti.

World Economic Forum: The Global Risks Report 2023

La "crisi del costo della vita" è classificata come il rischio globale più grave nei prossimi due anni, con un picco a breve termine.
La "perdita di biodiversità e collasso degli ecosistemi" viene considerata uno dei rischi globali in deterioramento più rapido nei prossimi dieci anni e tutti i sei rischi ambientali figurano nei primi 10 rischi nei prossimi 10 anni.
Nove rischi sono presenti nei primi 10 classifiche sia a breve che a lungo termine, tra cui "confronto geoeconomico" e "erosione della coesione sociale e polarizzazione sociale", insieme a due nuovi ingressi nei primi posti: "cybersicurezza e cybercrime diffusi" e "migrazione involontaria di grandi dimensioni".

La "guerra" economica tra potenze

Sebbene parlare di guerra in un periodo come questo sia quanto mai antipatico, il report parla dell'intensificarsi della "guerra economica" tra potenze globali e l'intervento dello stato nei mercati nei prossimi due anni. Le politiche economiche saranno utilizzate sia difensivamente per costruire l'autosufficienza e la sovranità rispetto alle potenze rivali, ma anche offensivamente per limitare la crescita degli altri.

World Economic Forum: The Global Risks Report 2023

Quella che viene definita come la "weaponizzazione geoeconomica" evidenzierà le vulnerabilità di sicurezza causate dalla dipendenza commerciale, finanziaria e tecnologica tra economie globalmente integrate, rischiando un ciclo crescente di sfiducia e disaccoppiamento.
A lungo termine, il panorama globale dei rischi potrebbe essere definito da conflitti multi-dominio e guerre asimmetriche, con il il dispiegamento mirato di armi tecnologiche potenzialmente più distruttive di quelle viste negli ultimi decenni.

Seguici: 

I meccanismi di controllo delle armi transnazionali devono adattarsi rapidamente a questo nuovo contesto di sicurezza per rafforzare i costi morali, reputazionali e politici condivisi che fungono da deterrente per l'escalation accidentale e intenzionale.

L'ambiente può trasformarsi in un problema

Il report racconta i rischi ambientali e climatici che saranno al centro dell'attenzione nei prossimi dieci anni.
La mancanza di progressi significativi nell'affrontare questi rischi ha mostrato la divergenza tra ciò che è scientificamente necessario per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni e ciò che è politicamente fattibile.
Viene anche evidenziato che le richieste crescenti di risorse pubbliche e private a causa di altre crisi ridurranno la velocità e la portata degli sforzi di mitigazione nei prossimi due anni e che l'insufficiente progresso verso l'adattamento richiesto per le comunità e i Paesi sempre più colpiti dalle conseguenze del cambiamento climatico non è adeguato.

Viene anche suggerito che la perdita della natura e il cambiamento climatico sono intrinsecamente legati e che senza cambiamenti significativi nella politica o investimenti, la relazione tra gli impatti del cambiamento climatico, la perdita di biodiversità, la sicurezza alimentare e il consumo di risorse naturali accelererà il collasso degli ecosistemi, metterà a rischio le scorte alimentari e le fonti di reddito in economie vulnerabili al clima e limiterà ulteriori progressi nella mitigazione del clima.

Il costo della vita è in crescita e diventa un elemento di possibile crisi

Il Report del World Economic Forum descrive come le crisi stanno colpendo sempre più persone e destabilizzando più economie nel mondo, causando una crisi globale del costo della vita.
Molti Paesi a basso reddito stanno affrontando più crisi contemporaneamente, come il debito, i cambiamenti climatici e la sicurezza alimentare.

La crisi del costo della vita potrebbe trasformarsi in una crisi umanitaria nei prossimi anni in molti mercati dipendenti dalle importazioni.
L'instabilità sociale e politica non sarà limitata ai mercati emergenti, poiché le pressioni economiche continueranno a indebolire la fascia di reddito medio.
La crescente frustrazione dei cittadini per le perdite nello sviluppo umano e la diminuzione della mobilità sociale rappresentano una sfida esistenziale per i sistemi politici in tutto il mondo.
La possibilità di una crisi globale di risorse naturali a causa della mancanza di cooperazione geopolitica è descritta come una delle principali preoccupazioni per i prossimi anni

L'economia mondiale sta cambiando

Il Global Risks Report 2023 parla della situazione attuale e futura in cui le crisi in corso stanno causando cambiamenti strutturali nell'economia e nella geopolitica, e di come questo stia accelerando i rischi che affrontiamo.

la copertina di BusinessCommunity.it

La maggior parte dei partecipanti al sondaggio prevede una volatilità costante nei prossimi anni, con più shock che accentuano le traiettorie divergenti.
Tuttavia, i partecipanti sono generalmente più ottimisti a lungo termine, con solo la metà che prevede un futuro negativo e quasi uno su cinque che prevede una limitata volatilità con stabilità relativa nei prossimi dieci anni.
Esiste ancora una finestra per creare un futuro più sicuro attraverso una maggiore preparazione, affrontando l'erosione della fiducia nei processi multilaterali e sfruttando l'interconnessione tra i rischi globali per ampliare l'impatto delle attività di mitigazione dei rischi.

Trovate il Report cliccando qui.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2023 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it