BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

06/07/2022

marketing

Pagamenti B2B account-to-account: l'efficienza batte il risparmio sui costi

Giorgio Ferrero (Preta): un aspetto molto apprezzato della modalità A2A è la sua inclusività. Non solo la sua integrazione nei processi aziendali è semplice e conveniente, ma il suo utilizzo si adatta anche alle aziende B2B non attive sul web


Oggi i pagamenti e l'adozione di soluzioni digitali sono in cima alla lista delle priorità per chi gestisce un'azienda, a prescindere dal settore di attività.
A differenza di quanto si potrebbe pensare, la ragione principale che spinge le imprese a utilizzare i pagamenti elettronici non è il risparmio sui costi, bensì l'efficienza generata.
Questo fattore assume particolare rilievo nel B2B, che in Italia conta circa il 75% del fatturato totale delle imprese e nel quale il 55% delle aziende, con fatturato pari o superiore a 2 milioni di euro, è attivo nelle vendite online con un proprio sito eCommerce o tramite i marketplace B2B.

Pagamenti B2B account-to-account: l'efficienza batte il risparmio sui costi

In questo settore, anche in termini di pagamenti e gestione degli incassi, le esigenze delle imprese si differenziano enormemente anche all'interno di una stessa filiera, in quanto diversi sono i prodotti o i servizi offerti, diversi i canali di vendita utilizzati, diverso lo scontrino medio, diverso il livello di digitalizzazione e di familiarità con gli strumenti digitali tra la clientela.
Attualmente gli strumenti di pagamento nel settore B2B più diffusi in Italia risultano essere:
- il bonifico bancario, utilizzato sia in digitale dal 79% di grandi aziende e PMI, sia in forma tradizionale dal 58% del primo gruppo e dal 38% del secondo;
- la carta di pagamento fisica, preferita dal 38% delle grandi aziende e dal 28% delle PMI;
- la RiBa digitale, nel 36% delle grandi aziende e nel 35% delle PMI.
C'è dunque ancora molta strada da percorrere sul fronte della trasformazione digitale; tuttavia, è bene evidenziare che il pagamento elettronico non è automaticamente sinonimo di efficienza.

Nelle vendite B2B, per esempio, in cui il valore dello scontrino medio è più elevato rispetto a quello del B2C, i limiti di importo previsti dalle carte e da altri strumenti innovativi rappresentano una criticità.
Nel caso dei pagamenti tramite carta, vi è inoltre un maggiore rischio di incorrere in casi di frode e procedure di "chargeback" per compensare eventuali addebiti avvenuti senza autorizzazione, una vera piaga per qualsiasi business: soltanto nel 2021, in tutto il mondo, vi sono state oltre 600 milioni di procedure di compensazione.

Seguici: 

Anche a causa di questi fattori la scelta delle aziende B2B ricade principalmente sul bonifico bancario.
Tuttavia, nella sua "versione tradizionale" si pone il problema dei tempi di esecuzione del pagamento e della riconciliazione dei dati, cruciali anche nelle vendite business-to-business.
Le modalità che sembrano rispondere meglio alle esigenze del settore sono quelle basate sul sistema account-to-account (A2A), definito un vero e proprio megatrend per il 2022.
Metodo di pagamento alternativo basato sull'online banking, il sistema A2A consente di effettuare pagamenti digitali direttamente dal proprio conto bancario a quello del beneficiario: un banale bonifico, si potrebbe pensare.
In realtà, si tratta di una sua evoluzione in chiave smart che offre non pochi benefici in ambito B2B.
I pagamenti tramite MyBank, la soluzione che ha introdotto il sistema account-to-account in Italia e che non presenta alcun limite di importo, consentono per esempio di avere la certezza immediata del pagamento grazie alla transazione irrevocabile con conferma in tempo reale, di poter dunque gestire rapidamente l'ordine del cliente, di semplificare le operazioni di back-office grazie alla riconciliazione automatica al 100%, di ottimizzare la gestione del flusso di cassa e di vedere significativamente ridotto il rischio di frodi e chargeback.

Secondo Giorgio Ferrero, Executive Director di Preta, la società che detiene e gestisce la soluzione MyBank, "un aspetto particolarmente apprezzato della modalità account-to-account è la sua inclusività: non solo la sua integrazione nei processi aziendali è semplice e conveniente per le realtà che dispongono già di un canale di vendita online, ma il suo utilizzo si adatta anche alle aziende B2B non attive sul web".
Con la soluzione pay-by-link, infatti, le imprese hanno la possibilità di digitalizzare i pagamenti e incassare tramite il sistema A2A anche senza la necessità di un sito eCommerce o di particolari investimenti tecnologici: grazie all'invio di un link di pagamento tramite email, sms o QR code, anche per le vendite offline è possibile ottimizzare l'esperienza del cliente e, al tempo stesso, i processi amministrativi in azienda.

Infine, l'esperienza di pagamento offerta dal sistema A2A che avviene direttamente dal servizio di online banking della propria banca, è inclusiva per i clienti in quanto di semplice accesso e utilizzo anche per coloro che hanno meno familiarità con i nuovi strumenti presenti sul mercato.
L'interesse dei player B2B verso questa modalità è dunque in crescita, non soltanto per il risparmio che consente in termini di costi, ma soprattutto per l'efficienza e la significativa semplificazione che rende possibile in una varietà di contesti.


la copertina di BusinessCommunity.it


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it