BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager

31/03/2021

idee

Siamo disposti a pagare di più per salvare il pianeta?

 

Produzioni più responsabili implicano un aumento dei prezzi al consumo dall'1 al 4%, un importo relativamente contenuto, tale da non pregiudicare la competitività dell'impresa

La crisi da coronavirus ha spezzato le catene di produzione e offerto l'occasione di ricomporle con anelli più sostenibili. Nel 2020 le emissioni di CO2 sono scese del 5-10% rispetto al 2019, ma per raggiungere l'obiettivo di limitare a 1,5° C il riscaldamento globale urge un cambiamento strutturale e permanente.
Secondo il report "Net-Zero Challenge: The Supply Chain Opportunity" realizzato da Boston Consulting Group (BCG) per il World Economic Forum, gli strumenti per azzerare le emissioni delle catene di produzione sono già in gran parte disponibili per le imprese che, con un'adeguata strategia, possono superare gli ostacoli (aumento dei costi, inerzia dei governi, concorrenza sleale di rivali inquinanti, mancanza di dati affidabili) e trasformarli in vantaggio competitivo.

Siamo disposti a pagare di pi per salvare il pianeta?

Obiettivi di decarbonizzazione ambiziosi per la supply chain, però, comportano necessariamente un aumento dei prezzi sui consumatori che BCG stima fra l'1 e il 4%, relativamente contenuto, tale da non pregiudicare la competitività dell'impresa.
"L'opportunità che ci viene offerta di 'ricreare' il mondo post pandemia è assolutamente da non perdere", commenta Laura Alice Villani, Managing Director e Partner di BCG e responsabile per la practice Energy in Italia (nella foto). "Le grandi aziende possono diventarne protagoniste, spingendo i propri fornitori a imboccare con convinzione la via della decarbonizzazione e sostenendoli in questa transizione".
Decarbonizzazione e aumento dei prezzi. Energie rinnovabili, economia circolare, cattura dell'anidride carbonica, efficienza energetica e dei processi. Sono tutte soluzioni, più o meno mature, in grado di portare se combinate a zero l'impatto delle catene di produzione più inquinanti.

Seguici: 

Già, ma oltre che per l'ambiente sono sostenibili anche economicamente? In larga parte sì.
Il 40% delle emissioni potrebbe essere abbattuto con misure che consentono risparmi o che comportano un dispendio inferiore ai 10 euro per tonnellata di CO2 eliminata.
L'onere salirebbe fra i 10 e i 100 euro a tonnellata per un'ulteriore riduzione del 40% a causa del costo delle tecnologie che però potrebbe rapidamente scendere in caso di adozione su ampia scala.
In quasi tutte le industrie, comunque, la decarbonizzazione totale resta ancora finanziariamente proibitiva, a meno di condividerne il peso con i clienti. Non sarebbe eccessivo. Materie prime e componenti rappresentano una quota modesta del prezzo finale di un bene, circa il 10% di un'auto, fra il 10 e il 20% di un paio di scarpe da tennis. Anche fissando obiettivi di emissione ambiziosi per la propria catena di produzione, dunque, l'impatto sui prezzi sarebbe relativamente basso, fra l'1 e il 4%, e non tale da danneggiare la competitività dell'impresa sul mercato. Anzi: sempre più consumatori sono disposti a pagare di più pur di avere un prodotto sostenibile dalla culla alla tomba.

Otto industrie producono il 50% delle emissioni globali

Gli impianti delle grandi aziende e l'energia per alimentarli hanno un peso significativo sulla quantità di CO2 immessa nell'ambiente (cosiddette Scope 1 e 2 di emissione). Il resto è frutto delle attività dei loro fornitori (Scope 3).

Per ottenere risultati significativi, perciò, le grandi società dovrebbero puntare a ridurre l'impatto dei propri prodotti lungo l'intera catena di produzione e per l'intero ciclo di vita. Considerata la dispersione geografica dei fornitori delle multinazionali, ciò potrebbe avere un impatto climatico favorevole su Paesi meno attenti alla sostenibilità, evitando la delocalizzazione delle emissioni.
Inoltre, l'impegno dei produttori di beni finali potrebbe anche aiutare la decarbonizzazione dei produttori di componenti e materie prime che hanno margini troppo bassi per sostenere un processo tanto oneroso.
I primi possono, come dicevamo, scaricare una parte dei costi sopportati dai secondi sui consumatori senza che i loro profitti ne risentano significativamente. D'altra parte, se si guarda all'intera catena di produzione, sette delle otto industrie responsabili per il 50% delle emissioni globali hanno una relazione diretta con il cliente finale (alimentare, costruzioni, moda, beni di largo consumo, elettronica, auto e servizi professionali), settori a cui si aggiunge il trasporto merci.

Nove consigli per rimuovere gli ostacoli alla sostenibilità

Poche aziende vogliono o sono in grado di rivelare il proprio impatto ambientale di Scope 3 e, anche qualora lo facciano, devono ricorrere a stime più o meno approssimative. I confini dello Scope 3 non sono peraltro univoci: finiscono alla consegna del prodotto o arrivano sino al suo smaltimento/riciclo?

"Le barriere alla decarbonizzazione delle catene produttive - spiega Villani - non sono soltanto di natura economica, ma anche informativa. Considerato che, al momento, le multinazionali fanno fatica a conoscere l'identità di tutte le migliaia di fornitori e subfornitori sparsi per il globo, diventa ancora più difficile per queste avere piena contezza delle emissioni di ognuno".
Per rimuovere questi ostacoli serve una strategia in nove azioni-chiave:
1. Stabilire una linea di contenimento delle emissioni e assicurare trasparenza sui dati condivisi con i fornitori;
2. Disegnare obiettivi complessivi di riduzione;
3. Rivisitare i prodotti secondo criteri di sostenibilità
4. Disegnare la catena di valore riconsiderando le fonti di approvvigionamento anche dal punto di vista geografico;
5. Integrare le metriche delle emissioni negli standard di approvvigionamento e monitorare le prestazioni;

la copertina di BusinessCommunity.it

6. Lavorare con i fornitori per lavorare alla diminuzione delle loro emissioni;
7. Impegnarsi in iniziative di settore per essere aggiornati sulle best practice e le certificazioni;
8. Aumentare i "gruppi di acquisto" per ampliare gli impegni dal lato della domanda;
9. Inserire una governance a basse emissioni, coordinare gli incentivi interni e responsabilizzare l'organizzazione.

 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it