24/02/2021

fare

Sarà eterogenea la ripresa globale post pandemia

 

Ernesto De Martinis (Coface): anche se la Cina e altri Paesi asiatici vanno bene, non tutte le principali economie avanzate torneranno ai livelli di PIL pre-crisi nel 2021

Ormai è passato un anno dallo scoppio della pandemia a livello globale e la recessione che ha provocato è ormai ben evidente in tutte le rilevazioni degli istituti internazionali, dall'FMI all'OCSE, dalla Commissione Europea fino ad ogni banca centrale. A guardare i dati, solo la Cina (e un pugno di piccoli Stati come il Vietnam) si è salvata, e con le sue performance - unitamente ad altre economie asiatiche - sta rafforzando la crescita globale. Secondo la Commissione UE, l'Italia è in fondo alla classifica (-8,8%) e peggio di noi ci sono solo Spagna (-11%), Grecia (-10%) e Malta (-9%).

Sar eterogenea la ripresa globale post pandemia

Tutti gli osservatori sono concordi che le principali economie avanzate non ritorneranno ai livelli di PIL pre-crisi nel 2021, e probabilmente neanche nel 2022.
Ai problemi delle economie va poi aggiunto il fattore sociale: l'aumento delle disparità, insieme al diffuso malcontento per la gestione della pandemia da parte dei governi in molti Paesi, può incoraggiare una maggiore frequenza di proteste e violenze potenziali quest'anno. La disoccupazione si aggiunge all'emergenza sanitaria che sembra non finire.
A distanza di un anno dall'inizio della pandemia di COVID-19, e dalla recessione globale più forte dalla fine della seconda guerra mondiale, Coface stima che la crescita mondiale potrebbe attestarsi a +4,3% in media nel 2021, mentre il commercio globale dovrebbe aumentare del 6,7% in volume (dopo -5,2% nel 2020).
Queste previsioni presuppongono che le principali economie avanzate siano in grado di vaccinare almeno il 60% della popolazione entro l'estate. Ma i ritardi sulle consegne e alcuni dubbi sollevati sulla reale efficacia di alcuni vaccini rendono il percorso più complicato. Infatti, la conseguente immunità di gregge potrebbe segnare la fine dei cicli "a singhiozzo", cioè periodi alterni di confinamento dannosi per l'attività economica.

Sar eterogenea la ripresa globale post pandemia

Il calo dei fallimenti d'impresa nel 2020 in tutte le regioni del mondo (-12% a livello globale, -22% nell'eurozona, -19% in Asia-Pacifico e -3% in Nord America), può essere attribuito ai piani di supporto da parte dei governi, la cui prosecuzione permetterà a molte imprese di sopravvivere quest'anno.
Da questo punto di vista vedremo come si comporterà il governo Draghi, alle prese con il blocco dei licenziamenti che scade a fine marzo, con la moratoria sui mutui e 30 milioni di cartelle esattoriali in arrivo, senza contare interi settori ancora completamente bloccati dai vari lockdown, come il turismo e la ristorazione.
Inoltre, malgrado l'impatto dei diversi piani di sostegno dei governi, Coface prevede che lo shock registrato nel 2020 porterà a un aumento delle insolvenze nel 2022, in particolare in Spagna (16% rispetto al 2019), Francia (13%), Italia (9%) e Germania (6%).

Seguici: 

Una ripresa economica eterogenea
Coface ha messo in luce tre fattori che potrebbero orientare l'andamento economico internazionale. Il primo sono le forti disparità tra Paesi. Mentre la performance della Cina e delle altre economie asiatiche (per esempio Taiwan, la cui valutazione rischio Paese migliora) rafforza la crescita globale, le principali economie avanzate non ritorneranno ai livelli di PIL pre-crisi quest'anno. E tra queste, i Paesi fortemente dipendenti dalle attività di servizi (come Spagna e Regno Unito) o quelli in ritardo con la campagna di vaccinazione impiegheranno più tempo per la ripresa.
Il secondo riguarda le disparità settoriali. Tra i 23 miglioramenti delle valutazioni settoriali di quest'anno, quasi la metà è attribuibile al settore automobilistico, la cui crescita ha sorpreso positivamente nella seconda metà del 2020, seguito da costruzioni e chimica. Molte attività di servizi risulteranno inevitabilmente indebolite dalla pandemia nel lungo periodo: il settore dei trasporti è il più colpito, con 9 declassamenti delle valutazioni di rischio settoriale.

A questi si aggiungono le crescenti disuguaglianze di reddito nei Paesi. Rispetto al resto della popolazione, la perdita di posti di lavoro ha colpito maggiormente i lavoratori meno qualificati, i giovani e le donne, queste categorie sono particolarmente presenti nelle attività di servizi più penalizzate. Inoltre, come le precedenti epidemie del 21° secolo insegnano, questo aumento di disparità di reddito durerà a lungo e porterà a maggiori tensioni sociali, che si verificheranno, in media, un anno dopo l'attuale pandemia.
"L'ultimo trimestre del 2020 evidenzia una ripresa eterogenea trascinata dalla Cina e dai Paesi asiatici, non tutte le principali economie avanzate però torneranno ai livelli di PIL pre-crisi nel 2021", sottolinea Ernesto De Martinis, CEO di Coface in Italia e Head of Strategy Regione Mediterraneo & Africa. "Se da una parte arrivano segnali positivi da settori come quello automobilistico, chimico o da costruzioni, dall'altra parte la difficoltà del settore dei servizi potrebbe rallentare la ripresa di Paesi dipendenti da questi, come Spagna e Regno Unito. Una rapida campagna di vaccinazione risulta quindi fondamentale, anche in Italia, per evitare gli 'stop and go' di aperture-chiusure che danneggiano fortemente le economie già indebolite da molti mesi di pandemia".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Sommario di questo numero
Copertina BusinessCommunity.it