Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 06/03/2019
Fare Business

Il reward program esclusivo per i manager quando vanno al ristorante (anche stellato)
Travaglia (AdvisorEat):  consigliamo i ristoranti che noi abbiamo selezionato, oggi già in più di 40 città italiane, e abbiamo creato un reward program sulle spese della ristorazione

AdvisorEat è il primo club esclusivo riservato ai consulenti e manager del mondo corporate. Il club, attraverso un'App, offre un reward program dei ristoranti più ricercati: gli iscritti scelgono di mangiare nei ristoranti selezionati e accumulano crediti con cui effettuare donazioni benefiche o riscattare gift card dei principali e-shop.
"L'idea di AdvisoryEat nasce durante la precedente esperienza lavorativa, quando facevo il consulente aziendale ed ero spesso in trasferta per lavoro", ha dichiarato Stefano Travaglia, CEO e Founder di AdvisorEat. "Mi capitava di non sapere dove mangiare perché esistono mille strumenti che ti consigliano dove dove andare, ma nessuno dedicato a un professionista, che talvolta vuol mangiare stellato e talvolta vuol mangiare un hamburger. Poi c'è una seconda esigenza, quella di raccogliere punti fedeltà".
Nonostante si tratti di un'esigenza del tutto effimera, non si capisce perché si possano accumulare miglia aeree e non punti nel momento in cui si sfruttano determinati servizi. "Con i punti si possono fare donazioni benefiche, non solo avere dei vantaggi personali", ha proseguito Travaglia. "Noi siamo un club esclusivo, non aperto al pubblico, ma riservato ai dipendenti e professionisti di alcune aziende selezionate. Consigliamo i ristoranti che noi abbiamo selezionato, oggi già in più di 40 città italiane, e abbiamo creato un reward program sulle spese della ristorazione. Questi manager possono andare a mangiare, magari anche solo in pausa pranzo e non solo in trasferta, ma anche nel tempo libero e accumulano punti che possono riscattare o devolvere in beneficienza".
Un servizio quindi che offre un'opportunità di marketing per i ristoranti, visto che vengono selezionati e non ci si può iscrivere al programma, e la fidelizzazione è gestita in modo trasparente, non si deve indicare nulla al ristoratore. "Il progetto è partito da pochi mesi - ha proseguito Travaglia -, ma ha già successo sia lato ristoranti sia lato aziende che offrono AdvisorEat ai propri dipendenti. Le aziende vedono il nostro servizio come una parte di welfare che possono offrire ai loro dipendenti . I ristoranti hanno accolto in maniera molto favorevole perché esistono mille strumenti che permettono di attrarre clientela, ma sono dedicati a un pubblico eterogeneo, mentre noi andiamo a convogliare una clientela business che è sicuramente alto spendente. Inoltre, è una clientela che usa i ristoranti durante la settimana, perché spesso in trasferta per lavoro e anche qui abbiamo avuto un importante successo.

Uno strumento nuovo per le aziende e i ristoratori

Non è facile innovare in questo segmento, molta strada è stata fatta da AdvisorEat, ma questa startup non intende fermarsi. "Vogliamo spingere di più sul tema del consiglio del ristorante - ha concluso Travaglia -, attraverso una selezione ancora più accurata. Oggi il team è formato da sette persone, ma intendiamo assumerne altre grazie al round di finanziamenti che stiamo chiudendo e che ci permetterà appunto di consolidare il mercato italiano. Dal 2020 vorremmo espanderci in tre Paesi europei, Germania, Francia e Inghilterra e dopo vorremmo sbarcare negli USA, un mercato potenzialmente che per noi può essere molto importante. Sarà necessario arrivarci e preparati. I nostri punti forza sono rappresentati dalla clientela business, ma anche dal funzionamento semplice per l'accumulo dei punti. Il processo è demandato all'utente che deve inviare, tramite l'App, la foto dello scontrino o la ricevuta, mentre il ristoratore non dovrà fare niente e questa è una qualità molto apprezzata. I primi clienti, sostanzialmente società di consulenza, hanno accolto favorevolmente il nostro servizio per la facilità d'uso e la discrezione, ma soprattutto diventa un piccolo regalo, un picoclo benefit per se stessi o per i propri cari".



Fare Business

numero di 06/03/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>