Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 25/10/2017
Finanza e investimenti

Strategie basate sui dividendi? Meglio un approccio a olistico
Rosti (UBS AM): è opportuno incorporare sia il dividend yield sia i buyback. Focalizzarsi solo su uno di essi introdurrebbe inoltre significativi distorsioni settoriali

Le strategie basate sui dividendi sono molto popolari tra gli investitori e si basano sul presupposto che gli asset che generano rendimenti più elevati tendono a sovraperformare.
L’attenzione degli investitori, però, è fortemente focalizzata sulle azioni high dividend, cioè su quei titoli che distribuiscono elevati dividendi.
Ma questo è solo uno dei modi in cui i profitti generati dalla società possono essere restituiti agli azionisti.
Un’altra modalità, molto utilizzata soprattutto in America, è data dai programmi di riacquisto delle azioni proprie (buyback). Pertanto, quando un investitore desidera perseguire una strategia azionaria che garantisca elevati rendimenti, è opportuno adottare un approccio olistico e incorporare sia i dividendi sia i buyback.
Focalizzarsi solo su uno di essi introdurrebbe inoltre significativi bias settoriali, in quanto alcuni settori tendono a distribuire dividendi (per esempio, le società di servizi di pubblica utilità) mentre altri privilegiano i buyback (per esempio, le società del settore informatico).
L’indice MSCI Total Shareholder Yield è costruito per rispettare esattamente questa logica e nella selezione dei titoli tiene conto sia del dividend yield che del rendimento da buyback.
Naturalmente il rendimento deve provenire dagli utili delle imprese e non deve essere il risultato dell’accumulo di debito. Gli investitori che ricercano rendimento vogliono infatti investire in società che generano abbastanza profitti per restituirli agli azionisti.
L’MSCI Total Shareholder Yield tiene conto anche di ciò, penalizzando le società che si indebitano eccessivamente per restituire il capitale agli azionisti e premiando, invece, quelle che effettuano politiche di buyback in modo sostenibile.
La bontà di questo approccio a 360° è confermato dalle performance di questo indice, che storicamente ha dato dei risultati eccellenti rispetto a quelli dei principali indici concorrenti.
Guardando al mercato azionario americano, ad esempio, su un arco temporale di 10 anni, l’MSCI USA Total Shareholder Yield Index ha sovraperformato l’indice madre (l’MSCI USA) di oltre 100 pb l’anno e ha registrato un rendimento corretto per il rischio (indice di Sharpe) superiore sia agli indici che si limitano a individuare i titoli che offrono dividendi più elevati, sia a quello che invece seleziona le società che hanno realizzato operazioni di buyback.

Simone Rosti, Head of Passive & ETF Specialist Sales Europe, UBS Asset Management



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 25/10/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI