Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 11/10/2017
Sport Business

Anche l'NBA apre agli sponsor sulle divise di gioco
Una patch di 6cm per 6cm genera introiti milionari per le squadre della lega di basket nordamericano. Ma non tutte hanno trovato lo sponsor

E' la nuova frontiera per l'NBA. Una patch della dimensione di circa 6 cm per 6 cm da applicare sulle divise di gioco con il marchio dello sponsor. Una nuova fonte di introiti per le franchigie NBA e allo stesso tempo uno specchio del loro appeal commerciale.
Gli ultimi arrivati sono i Los Angeles Lakers, che hanno firmato un accordo di patch con la società di commercio elettronica S.F. Wish. L'accordo triennale, secondo una fonte, è tra i 12-14 mln di dollari all'anno, mettendoli al livello top delle offerte per le patch.
La patch di Warriors recentemente trattata con Rakuten (la stessa del Barcellona calcio) vale 20 milioni di dollari all'anno, ma include anche i diritti di denominazione per la struttura della squadra.
Wish, fondata nel 2011, è un "centro commerciale digitale" che vende merce scontata attraverso una piattaforma di eCommerce. Secondo il sito web della società, è la sesta più grande società di commercio elettronico al mondo.
Il Presidente delle Business Operations dei Lakers Tim Harris ha affermato che altri elementi dell'accordo con Wish includono una sponsorizzazione nel centro di allenamento della squadra, insieme a segnaletica e ospitalità allo Staples Center. Il logo Wish sarà anche sul franchising della G-League South Bay Lakers.
"Abbiamo parlato con un gruppo di aziende", ha detto Harris. "Cercavamo una società che molto mobile, in senso tecnologico, perché ci aiuta a continuare a connetterci con i fan più giovani".
Ma non solo Lakers. I Miami Heat hanno annunciato di aver firmato un accordo di patch con il software Ultimate per la Florida.
Vediamo gli accordi di patch squadra per squadra (ad oggi). Gli accordi sono tutti triennali salvo dove indicato e sono espressi in dollari. Le cifre sono indicative e soggette a bonus.
Philadelpia 76ers: StubHub (Secondary ticketing), 15 mln;
Milwakee Bucks: Harley-Davidson, 8 mln
Cleveland Cavaliers: Goodyear (pneumatici), 30 mln;
Boston Celtics: General Electrics, 24 mln;
Atlanta Hawks: Sharecare (assicurazioni), valore non dichiarato, ma 5 anni di accordo;

Miami Heat: Ultimate (Software), valore non dichiarato;
Utah Jazz: Qualtrics (Tecnologia), 12 mln;
Sacramento Kings: Blue Diamond (Food), 15 mln;
Los Angeles Lakers: Wish (eCommerce), 40 mln;
Magic: Walt Disney World, valore non dichiarato 3 anni
New York Nets: Infor (software), 24 mln;
denver Nuggets: Western Union, valore non dichiarato;
Detroit Pistons (Flagstar Bank), 15-30 mln;
Toronto Raptors: Sun Life (assicurazioni) 15-20 mln;
Minnesota Timberwolves: Fitbit (fitness), valore non dichiarato;
Golden State Warriors: Rakuten (eCommerce) 60 mln.



Sport Business


Condividi su LinkedIn numero di 11/10/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI