Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 30/07/2014
Fare Business

Shopping di lusso per Stone Italiana in Russia e Qatar
Doppia commessa da oltre 8 milioni di euro per l'azienda veronese, che con i suoi raffinati materiali per edilizia in quarzo ricomposto rivestirà i centri commerciali da record Avia Park di Mosca e Tawar Mall di Doha

Un 35esimo compleanno con il botto per Stone Italiana. L’azienda veronese classe 1979, famosa a livello internazionale per i suoi raffinati materiali per edilizia e arredo in quarzo e marmo ricomposto, si è aggiudicata una doppia commessa del valore complessivo di oltre 8 milioni di euro per la fornitura di circa 100 mila mq di pavimenti e rivestimenti destinati ai centri commerciali Avia Park di Mosca, in Russia, e Tawall Mall di Doha, in Qatar; due avveniristici progetti, del valore complessivo di oltre 1,3 miliardi di dollari.

Situato nella parte nord-ovest della città di Mosca (una delle più sviluppate sia dal punto di vista immobiliare che imprenditoriale), l’Avia Park – cui Stone Italiana fornirà circa 68 mila mq di pavimenti in quarzo ricomposto in colori e formati speciali, per un valore di oltre 3 milioni di euro – sarà il primo centro commerciale a livello europeo per superficie coperta e il secondo a livello mondiale. Progettato dallo studio di architettura di fama mondiale Callison Architects e realizzato dalla nota impresa costruttrice turca Renaissance Construction, questo avveniristico shopping mall da 800 milioni di dollari si svilupperà su 4 piani più 2 di parcheggi, per un totale di 463.000 mq di superficie, e conterrà oltre 500 negozi, un cinema con 19 sale, un bowling center, aree dedicate ai bambini, sport bar e ristoranti.

Il Tawar Mall di Doha – cui Stone Italiana fornirà circa 40 mila mq di pavimenti e rivestimenti in agglomerato di quarzo in 5 colori personalizzati e dal design tecnologicamente innovativo, per un valore di oltre 5 milioni di euro – sarà invece il primo Shopping Mall Green del Qatar, perché caratterizzato dalla presenza sul tetto di un giardino a tema orientale indoor e outdoor. Realizzato dall’impresa costruttrice locale Kittco Contracting, questo innovativo centro commerciale da 500 milioni di dollari si svilupperà su 3 piani più 2 di parcheggi, per una superficie totale di 106.000 mq e conterrà 265 negozi di marchi prestigiosi, un'offerta completa di ristoranti e caffè, un cinema con 12 sale 3D e ampi spazi di intrattenimento per famiglie e bambini. Inoltre sarà dotato di un ipermercato da 7 mila mq e dell’unico hotel 4 stelle della zona.

“Non è stato facile ottenere queste prestigiose commesse in Paesi extra Ue”, spiega Roberto Dalla Valle, amministratore delegato di Stone Italiana. “Gli elevati dazi che i BRICS impongono ai prodotti italiani e le procedure di dumping sui mercati esteri sono per noi ostacoli spesso duri da affrontare. Siamo comunque riusciti a vincere contro un’agguerritissima concorrenza internazionale grazie all’elevato livello qualitativo Made in Italy dei nostri prodotti, alla nostra flessibilità e alla nostra capacità produttiva in grado di soddisfare tempistiche molto strette ed esigenze di personalizzazione spesso molto elevate, oltre all’assistenza tecnica e di riprogettazione che sempre offriamo ai nostri clienti per garantire loro un servizio completo chiavi in mano”.

Per quanto riguarda l’Avia Park di Mosca aggiunge Della Valle - la straordinaria rilevanza del progetto è stata un ulteriore elemento che ha favorito la scelta di un’azienda come la nostra in qualità di fornitore privilegiato. Molto importante in questo è stata la stretta partnership con Callison Architects e con Renaissance Construction, realtà particolarmente forte in Russia, Est Europa, Medio Oriente e Africa, con la quale abbiamo già avuto l’onore di collaborare per il progetto Europolis a San Pietroburgo, cui Stone Italiana ha fornito circa 2.000 mq di pavimentazione in quarzo ricomposto”.

Grazie anche a queste due prestigiose commesse, Stone Italiana, che ogni anno investe mediamente 1,5 milioni di euro in Ricerca & Sviluppo, prevede di chiudere l’anno in corso mettendo a segno un +10% sul 2013.



Fare Business

numero di 30/07/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>