Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 02/07/2014
Finanza e investimenti

Gli investitori riassaporano la propensione al rischio
Hartnett (BofA Merrill Lynch): Ma crescita globale sotto trend e sopravvalutazione delle azioni europee causano qualche preoccupazione

Secondo la BofA Merrill Lynch Fund Manager Survey di giugno, gli investitori globali hanno riguadagnato appetito per il rischio, sullo sfondo di una forte liquidità e una prospettiva economica abbastanza positiva.

Il 66% degli intervistati si aspetta un rafforzamento dell'economia globale il prossimo anno. Questa lettura rialzista è invariata rispetto al sondaggio del mese scorso. Tuttavia, la preoccupazione per il ritmo di espansione è in aumento. Il 78% ora vede una crescita sotto tendenza per i prossimi 12 mesi. Per contro, gli investitori (63%) più che mai chiedono alle imprese di aumentare la loro spesa in conto capitale.

Le azioni godono ora di un maggior favore che in qualsiasi momento dall'inizio dell'anno. Il 48% degli asset allocator sono sovrappeso in questo comparto, più 11 punti percentuali mese su mese, anche se il 15% adesso lo considera come l'asset class sopravvalutata, la risposta più forte su questo dato dal 2000. Anche l’interesse per il real estate è aumentato. Il 6% in sovrappeso è il dato più alto in otto anni.

Al contrario, le posizioni sottopeso in obbligazioni (oggi considerate sopravvalutate dal 75% degli intervistati) hanno raggiunto il loro livello più alto dalla fine del 2013.

La prospettiva di default del debito in Cina ha rafforzato il rischio più significativo all'orizzonte per gli investitori. Ora è citato dal 36% degli intervistati. Il 20% si preoccupa di più sulla potenziale “asset mania”, una nuova categoria introdotta nel sondaggio di questo mese.

Comunque, gli investitori hanno ridotto le loro riserve di liquidità. Anche se ancora un po' alte, l’ammontare medio è del 4,5%, al livello più basso da gennaio.

"Anche se la raccolta dei fondi e i prezzi del petrolio sostengono il consolidamento a breve termine, il caso di un  salita estiva rimane più forte rispetto a un tracollo, grazie all’elevata liquidità e alla bassa crescita che forzano verso il basso i livelli di contante degli investitori," ha affermato Michael Hartnett, chief investment strategist di BofA Merrill Lynch Global Research.

"L'Europa è stata un modo a basso costo per ottenere un'esposizione azionaria, ma gli investitori non vedono più l'Europa a buon mercato. Questo, insieme a qualche incertezza sul livello di crescita, può essere il motivo dell’ottimismo che sta cominciando a svanire", ha detto Obe Ejikeme, European equity and quantitative strategist.

 

Rinviato il QE europeo

 

Gli investitori non vedono più il quantitative easing da parte della BCE come imminente. Il 42% degli intervistati vede un eventuale programma BCE in arrivo nel Q4 o addirittura 2015, dal 19% del mese scorso. Un ulteriore 22% non si aspetta alcuna azione. In questo contesto, la convinzione a più lungo termine verso titoli azionari europei ha cominciato a scendere. Il 21% ora vede l'Europa come il mercato azionario con più probabilità di sovrappeso nel prossimo anno, in calo di sette punti percentuali su mese.

Tuttavia, le allocazioni correnti suggeriscono che gli investitori globali non sono ancora pronti a rinunciare alla regione. I soggetti in sovrappeso sono aumentati per il secondo mese consecutivo fino al 43%.

Altrove, gestori di fondi regionali stanno già mostrando segni di cautela. Il 6% considera le azioni europee come sopravvalutate, la percentuale più alta dal 2000. Recentemente, in aprile, il 16% vedeva questo mercato come sottovalutato.

 

Il Giappone risale la china

 

L’azionario giapponese è diminuito del 7% quest'anno, sottoperformando altri mercati globali. L'indagine mostra che gli investitori globali considerano questa come una opportunità di acquisto. Il 21% sono ora in sovrappeso, contro il 7% in maggio.

Inoltre, il 10% sovrappesa il Giappone preferendolo a tutti gli altri mercati azionari nel prossimo anno.

Questi cambiamenti hanno origine poichè i gestori di fondi regionali sono diventati significativamente più positivi sulle prospettive del Giappone. Il 73% si aspetta che l'economia del Paese si rafforzi nei prossimi 12 mesi. Questo rappresenta un aumento del 20% nel giro di due mesi.

 

Domina il dollaro

 

La tendenza al rialzo del dollaro è riemersa con forza. Il 79% degli intervistati ora aspetta che la valuta si apprezzi il prossimo anno. Questa è una delle letture più forti su questo tema negli ultimi 15 anni.

Al contrario, il 28% e il 48% si aspettano che l'euro e lo yen giapponese si indeboliscano nello stesso periodo. La lettura della valuta europea è scesa di sette punti percentuali mese su mese. Questo sembra riflettere una combinazione della posizione accomodante della BCE e di alcuni dati macro più deboli dell’Europa.



Finanza e investimenti

numero di 02/07/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>