Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 19/03/2014
Fare Business

Lavoro e #GenMobile. Un rapporto in costante evoluzione
Gibson (Aruba Networks): La nuova generazione di mobile worker sta modificando i modelli di lavoro tradizionali, sollecitando le aziende ad adeguarsi

Sempre connessi, sempre attivi e disponibili. Sono i rappresentanti della #GenMobile, oggetto di analisi da parte di Aruba Networks, leader nelle infrastrutture mobile aziendali di nuova generazione. Nel suo report – derivante dall’indagine rivolta ad aziende a livello mondiale sul tema “Sei pronto per la #GenMobile?” – L’azienda analizza il nuovo profilo del professionista moderno. Un profilo che sta cambiando l’ambiente di lavoro rispetto a come lo conosciamo ora.
Il report, frutto di una survey condotta su oltre 5.000 intervistati globalmente, rivela le caratteristiche della nuova #GenMobile, categoria di lavoratori definita dalla preferenza per la mobilità sia in termini di dispositivi che usano sia di approccio al lavoro. Persone che hanno una propensione per le ore di lavoro non tradizionali, richiedono luoghi di lavoro flessibili per le fasce di stipendio più alte, che internet sia affidabile e ci sia il Wi-Fi contro 4G, 3G o connessioni cablate.
La maggior parte delle persone #GenMobile si trova nelle prime fasi della carriera, possiede tre o più dispositivi collegati (62%) e si sente più produttivo quando lavora da casa (57%). La #GenMobile è così legata al proprio dispositivo mobile che è 15 volte più probabile che essa rinunci al caffè e 7 volte più probabile che rinunci al televisore piuttosto che all’amato smartphone.
Secondo il rapporto, la #GenMobile sta plasmando la propria vita intorno al dispositivo mobile, invece di trattarlo come un elemento di sostegno alla giornata lavorativa. Con la possibilità di lavorare efficacemente in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo e su qualsiasi dispositivo, queste persone si aspettano che i datori di lavoro adottino le policy e le modifiche strutturali necessarie per consentire loro la modalità di lavorare che preferiscono.

Tendenze globali relative alla #GenMobile nel mondo del lavoro
• Il Wi-Fi conta: quasi il 58% preferisce il Wi-Fi ad altre connessioni (4G, 3G o cablata) mentre il 51% dichiara che è il proprio dispositivo mobile ad aiutarlo a gestire la propria vita
• Il denaro non è tutto: oltre la metà (53%) preferirebbe lavorare da casa 2 o 3 giorni la settimana piuttosto che ricevere uno stipendio più alto del 10%; quasi un terzo (32%) preferirebbe che il datore di lavoro pagasse per lo smartphone di loro scelta a uno stipendio più alto del 5%
• Una nuova giornata di lavoro tipo sta emergendo: più di quattro su dieci (45%) ritengono di lavorare in modo più efficiente prima delle 9.00 o dopo le 18.00
• Tutto connesso: non è una sorpresa che quasi la metà (45%) voglia che l’auto sia connessa ma è interessante riscontrare che un quinto (20%) desideri che i vestiti o le scarpe siano connessi nei prossimi cinque anni
• Il Tech al lavoro è essenziale: il 38% preferirebbe essere in grado di portare il dispositivo al lavoro all'avere un ufficio con una finestra, il 53% preferirebbe che l’azienda pagasse per il dispositivo di loro scelta piuttosto che il pranzo
• Mobile a ogni pausa: il consumatore medio trascorre 21 ore a settimana sui propri dispositivi mobili facendo commissioni come quelle bancarie o vedendo film, il 37% si aspetta che il numero di ore di lavoro a distanza aumenti nei prossimi dodici mesi.

Come individuare appartenenti alla #GenMobile

Il tipico appartenente alla #GenMobile si attiene ai principi di lavoro flessibile “sempre e ovunque”, dove le ore di ufficio non sono più vincolate alla giornata lavorativa tradizionale.
Aruba Networks ritiene che la comprensione e la cura delle esigenze della #GenMobile possano essere la chiave per una forza lavoro produttiva e nel contempo possano garantire alle aziende di mantenere competitività. Per esempio, è più probabile che la #GenMobile piuttosto di altre categorie acceda ad applicazioni mobili come Facebook (17%) e Twitter (14%). Ma c’è anche il 20% in più di probabilità che acceda e risponda a email di lavoro sul dispositivo mobile. Per la #GenMobile, il mobile è una seconda natura sia al lavoro sia nel privato.
Nella vita di un #GenMobile rimane tuttavia spazio per l'interazione umana. Quasi due terzi (63%) ha indicato che apprezza ancora il momento in cui può staccare il dispositivo, suggerendo che le aziende devono essere in grado di offrire tempi di inattività veri quando è necessario.
"Abbiamo visto il lavoro flessibile, il BYOD e la connettività always-on crescere per qualche tempo ma il rapporto mostra che tutto questo è ormai diventato uno stile di vita nel mondo del lavoro moderno", dichiara Ben Gibson, Chief Marketing Officer di Aruba Networks. "Ciò che questo rapporto suggerisce è che la #GenMobile non avrà pazienza con le aziende che non possono ospitare la vita mobile. Per attrarre e mantenere i migliori dipendenti, le aziende devono iniziare a cercare soluzioni per garantire livelli di empowerment e produttività in questo nuovo scenario. Molti dovranno ridefinire completamente gli ambienti di lavoro tradizionali".
Oltre che alla domanda di maggiore mobilità della #GenMobile, il rapporto suggerisce di prestare attenzione alle esigenze tecnologiche associate. Per esempio, se la maggioranza (70%) del tipico # GenMobile chiede connessione Wi-Fi o connettività mobile a banda larga (12% più della media), le tecnologie più familiari come 3G e 4G sono preferite rispettivamente solo dal 7% e dal 5%.
"Portare le modifiche necessarie all’ambiente di lavoro è una politica che deve essere supportata da scelte tecnologiche solide; i datori di lavoro riusciranno a motivare la #GenMobile se questa avrà la security e le connessioni disponibili per facilitare il cambiamento", aggiunge Gibson.

Dati in sintesi

La domanda di modelli di lavoro flessibili è rappresentata al meglio negli Stati Uniti dove il 79% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi più efficace quando lavora a casa.
Gli intervistati nel Regno Unito sono sopra la media, con il 72% che afferma che l’home office è il luogo dove è più produttivo.

La combinazione tra lavoro e utilizzo di dispositivi personali è rappresentato al meglio in Sud Africa, dove il 54% degli intervistati utilizza smartphone o tablet per controllare le email di lavoro e il 46% utilizza lo stesso dispositivo per effettuare shopping mobile. Questa regione ha anche la più alta percentuale di possessori di smartphone (80%).
Dimostra bene la rilevanza dei dispositivi personali per il lavoro la Germania, dove l’83% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare il proprio smartphone o tablet per controllare l’email.
In Svezia, il 76% ha affermato di utilizzare il dispositivo personale per il banking spiegando che i prodotti mobile sono diventati centrali per attività precedentemente svolte di persona.
L'importanza dei dispositivi personali nella vita di tutti i giorni è meglio illustrata in Francia, dove il 62% ha dichiarato che i dispositivi rendono più facile gestire la vita personale e professionale.
L'acquisto di nuovi dispositivi connessi ha mostrato una crescita forte di recente in Spagna, dove il 63% ha acquistato uno smartphone l’anno scorso. Oltre un quarto degli intervistati qui (27%) già possiede un tablet.
Infine, in Medio Oriente, la diffusione di prodotti mobile in generale è superiore a qualsiasi altra regione - l'84% degli intervistati negli Emirati Arabi Uniti possiede tre o più dispositivi connessi (l’82% in Arabia Saudita) - e così anche la diffusione di tablet (42% negli Emirati Arabi Uniti, 31% in Arabia Saudita).



Fare Business

numero di 19/03/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->