Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 19/03/2014
Fare Business

Building Energy apre una sede a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
Zago (BE): La nuova sede rafforza ulteriormente la nostra presenza internazionale, che ci vede oggi operare direttamente in Italia, Sud Africa, Stati Uniti, Repubblica Domenicana, Giappone e, appunto, Medio Oriente e Nord Africa

Building Energy, produttore indipendente di energia da fonti rinnovabili in Italia e all’estero, ha aperto una nuova sede a Dubai, dalla quale saranno sviluppate e gestite le attività del gruppo nella regione Medio Oriente e Nord Africa.
La nuova sede sarà guidata da Cornelius Matthes, che arriva dal consorzio industriale Dii/Desertec, e consentirà a Building Energy di cogliere il forte potenziale del settore nell’area: questi mercati già da alcuni anni hanno avviato un’ampia diversificazione del mix energetico investendo sulla produzione di energia da nuove tecnologie, innanzitutto impianti fotovoltaici, ma anche termodinamici, eolici e a biomasse. Complessivamente i paesi dell’area MENA hanno definito piani energetici nazionali ufficialmente dichiarati volti a raggiungere una capacità complessiva di 50 GW da fonti rinnovabili entro il 2020.
Durante il recente World Future Energy Summit 2014 di Abu Dhabi - in occasione del quale Building Energy ha presentato, alla presenza dell’Ambasciatore Italiano Giorgio Starace, la propria expertise come EPC contractor e produttore di energia indipendente su scala internazionale - le istituzioni locali hanno confermato questa strategia energetica.
La scommessa sul segmento delle fonti rinnovabili nasce da diversi obiettivi: Arabia Saudita e Algeria intendono ottimizzare la gestione delle risorse di gas e petrolio, destinandole all’esportazione e rispondendo alla domanda domestica di energia attraverso fonti alternative; dall’altro lato il Marocco, che importa il 96% delle proprie risorse energetiche, si pone l’obiettivo di diversificare il mix; a queste esigenze, inoltre, si sommano le positive ricadute in termini occupazionali, soprattutto nelle fasce più giovani della popolazione.
“Le autorità governative dell’area - commenta Fabrizio Zago, CEO di Building Energy – hanno previsto ingenti investimenti: i paesi del Golfo hanno complessivamente stanziato 116 miliardi di euro per i soli progetti a energia solare. L’Arabia Saudita intende raggiungere la capacità di 54 GW da fonti rinnovabili entro il 2032, e il Marocco prevede di generale il 42% dell’elettricità da queste tecnologie entro il 2020”.

“La sede di Dubai - prosegue Zago - rafforza ulteriormente la nostra presenza internazionale, che ci vede oggi operare direttamente in Italia, Sud Africa, Stati Uniti, Repubblica Domenicana, Giappone e appunto Medio Oriente e Nord Africa. Anche in questa regione intendiamo affermarci come partner di grande expertise e affidabilità per gli operatori energetici locali interessati a crescere nel segmento delle fonti energetiche rinnovabili”.



Fare Business

numero di 19/03/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>