BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

31/05/2023

idee

Come combattere la perdita di biodiversità?

Stephanie Maier (GAM): proteggere la natura è una componente fondamentale nella creazione di un futuro più sostenibile, a parità di condizioni e inestricabilmente interconnessa con il raggiungimento di una giusta transizione verso il net zero

Le popolazioni di fauna selvatica sono diminuite del 69% dal 1970 e un milione di specie rischia attualmente l'estinzione.
I mercati finanziari si stanno rendendo conto che i sistemi economici dipendono dalla natura e dal suolo fertile, dall'aria fresca e dall'acqua pulita che essa fornisce.
Se è vero che non cambiare approccio mette a rischio metà del PIL mondiale, ovvero 44.000 miliardi di dollari, stiamo giocando con il fuoco.
Lungimiranti esponenti della finanza in tutto il mondo si stanno facendo avanti per affrontare la sfida sistemica del degrado e della perdita di risorse naturali.

Come combattere la perdita di biodiversit?

Ciò si riflette nella pressione del settore privato che ha contribuito all'importante Quadro Globale per la Biodiversità (GBF) firmato a Montreal lo scorso anno.
Questo framework traccia una chiara direzione per le autorità di regolamentazione, come ha fatto l'Accordo di Parigi nel 2015, e impegna le nazioni a proteggere il 30% della Terra entro il 2030, insieme ad altri 22 obiettivi.
Come evidenziato alla COP26 e alla COP27, la perdita di risorse naturali e il cambiamento climatico sono intrinsecamente collegati: un fallimento in una sfera si ripercuoterà a cascata sull'altra e per raggiungere il net zero sarà necessario affrontarli entrambi.
Sappiamo che ecosistemi fiorenti contribuiscono a rallentare il riscaldamento globale, in quanto gli oceani e la terraferma fungono da importanti serbatoi di carbonio.
Allo stesso modo, il riscaldamento del pianeta aggrava la perdita di biodiversità, allontanando gli animali dai loro habitat e distruggendo gli ecosistemi sani.

In un mercato che riconosce il valore della tutela della natura, molti settori dovranno cambiare.
Il settore alimentare, per esempio, è forse attualmente il maggiore responsabile della perdita di risorse naturali a livello mondiale, oltre ad essere responsabile di un terzo delle emissioni globali.
Il settore finanziario può svolgere un ruolo di guida per un cambiamento significativo nel modo in cui gli alimenti vengono prodotti e venduti lungo tutta la catena di approvvigionamento, incoraggiando la tracciabilità e altre iniziative intelligenti dal punto di vista climatico.

Seguici: 

Possiamo aspettarci che strumenti e metodi di rendicontazione e divulgazione simili a quelli elaborati per il clima aiutino ad affrontare la perdita di risorse naturali, sebbene le metriche sulla natura siano intrinsecamente più complesse.
Lo stiamo già vedendo con il nuovo quadro della Task Force on Nature-Related Financial Disclosures (TNFD) per aiutare le aziende e i finanziatori a valutare e ad agire sul loro impatto sulla natura, come hanno fatto con la Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD), la cui pubblicazione è prevista per settembre.
Anche negli standard di rendicontazione dell'International Sustainability Standards Board (ISSB) è stato indicato che sarà rispecchiato il valore "fondamentale" della natura.
L'engagement giocherà senza dubbio un ruolo chiave nel guidare il cambiamento: un'iniziativa per gli investitori sul modello di Climate Action 100+ sarà lanciata a giugno e si chiamerà Nature Action 100.

Dal punto di vista dei finanziamenti, dobbiamo anche considerare il potenziale dei green bond e delle obbligazioni sostenibili per allocare il capitale, nonché le opportunità di innovazione, da modalità alternative di coltivare il cibo all'uso del telerilevamento e dell'intelligenza artificiale.
Inoltre, vediamo un mercato della biodiversità in crescita che emula gli attuali mercati dei crediti di carbonio.
L'Australia ha già fatto il salto e ospita un sistema in cui i certificati di biodiversità possono essere scambiati in modo simile ai crediti di carbonio: una recente ricerca di PwC stima un valore di 137 miliardi di dollari entro il 2050.
È chiaro che l'economia deve cambiare, dal cibo che mangiamo al modo in cui viaggiamo.
Non possiamo sopravvalutare la dipendenza dalla natura dei nostri sistemi alimentari, degli edifici e delle infrastrutture, dei medicinali e di molti servizi essenziali.

Se non diamo priorità all'ambiente e alle specie che lo abitano, rischiamo un collasso dell'intero sistema.
Proteggere la natura è una componente fondamentale nella creazione di un futuro più sostenibile, a parità di condizioni e inestricabilmente interconnessa con il raggiungimento di una giusta transizione verso il net zero.
Solo così potremo creare un'economia veramente costruita per durare.

Stephanie Maier, Global Head of Sustainable and Impact Investment di GAM Investments

 


la copertina di BusinessCommunity.it


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2023 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it