BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

25/01/2023

sport

DAZN: conti in rosso ma il futuro è rosa

La società riporta una perdita operativa di 1,36 miliardi di dollari nel 2021, i ricavi raggiungono 2,3 miliardi di dollari nel 2022

Il gruppo DAZN ha registrato una perdita complessiva di 2,33 miliardi di dollari nel 2021, portando le perdite totali della società negli ultimi tre anni finanziari dichiarati a 5 miliardi.
Lo rileva un'analisi di SportBusiness.
I risultati finanziari dell'emittente multipiattaforma globale e del gruppo multimediale per il 2021 sono le perdite più pesanti dell'azienda fino ad oggi secondo qualsiasi parametro.
Tuttavia, la perdita operativa di DAZN - forse l'aspetto più importante dei risultati annuali - è stata di gran lunga inferiore alla perdita totale del gruppo, attestandosi a 1,36 miliardi di dollari.

DAZN: conti in rosso ma il futuro  rosa

Questo era ancora 200 milioni superiore rispetto alla perdita operativa di DAZN nel 2020, che si attestava a 1,15 miliardi.
"Chiaramente non è bello perdere 1,3 miliardi di dollari.
Ma d'altra parte, è un viaggio
", ha detto a SportBusiness l'Amministratore Delegato del gruppo DAZN Shay Segev.
"Questa è probabilmente una delle pietre miliari necessarie in questo viaggio.
Sono arrivato dopo che miliardi erano già stati investiti in DAZN e c'era già un'infrastruttura consolidata che consentirà al business di passare alla fase successiva.
Questi soldi sono andati per un buon scopo: costruire la piattaforma che abbiamo attualmente
".
L'enorme disparità tra la perdita totale e la perdita operativa dell'azienda è dovuta alla conversione dei prestiti in essere - dalla società madre Access Industries - in azioni alla fine del 2021.

Seguici: 

Un totale di circa 737,6 milioni di dollari di interessi cumulativi su tali prestiti è stato convertito in azioni per Access Industries, che viene rilevato come perdita nel bilancio della società.
In totale, i prestiti del Gruppo DAZN per circa 3,3 miliardi di dollari sono stati annullati dalla ricapitalizzazione, con il risultato che la società non doveva più denaro alla sua società madre fino al 2022.
La "perdita totale complessiva" di DAZN per il 2021 è stata di 2,18 miliardi di dollari.

Tale dato include gli effetti di cambio delle valute estere.
I ricavi del gruppo DAZN sono aumentati drasticamente nel 2021 a 1,56 miliardi di dollari - secondo i risultati finanziari visti da SportBusiness - aumentando di circa il 79% rispetto agli 872 milioni di dollari guadagnati nel 2020, un anno che è stato gravemente colpito dalla pandemia di Covid-19.
Di questo importo, 1,46 miliardi sono stati guadagnati dall'attività Consumer Platform di DAZN, che comprende le sue principali attività di trasmissione e streaming, nonché l'ex attività di portali multimediali di DAZN, l'ultima delle quali è stata venduta nel 2021.
I ricavi per 101,4 milioni dall'attività dei portali multimediali hanno contribuito al totale DAZN Consumer Platform nel 2021.
I ricavi pubblicitari sono anch'essi riconosciuti nella categoria DAZN Consumer Platform.
Altri 94,6 milioni di dollari sono stati guadagnati dalla sua divisione Broadcast Partnerships, che serve le joint venture dell'azienda con la International Basketball Federation (Fiba), la Women's Tennis Association (WTA) e la European Handball Federation (EHF).

Tuttavia, anche i costi sono aumentati in modo significativo poiché DAZN ha aumentato gli investimenti in una quota maggiore dei diritti nazionali della Serie A italiana e l'accordo con la Uefa Champions League in Germania è entrato in vigore nel 2021.
I costi operativi della società sono stati di 2,9 miliardi nel 2021, in aumento di circa il 44% rispetto 2 miliardi di dollari spesi nel 2020.
Anche i ricavi sono aumentati notevolmente nel 2022 con circa 2,3 miliardi di dollari generati lo scorso anno, ha affermato DAZN.
Per quanto riguarda i costi, i dati 2022 mostreranno un anno intero di maggiori investimenti per i diritti della Serie A e il primo anno di diritti nazionali LaLiga in Spagna.
La spesa dell'azienda per i diritti sportivi durante il 2021 è stata di gran lunga la spesa maggiore, con oltre 1,92 miliardi di dollari pagati ai titolari dei diritti e alle agenzie nel corso dell'anno finanziario.

la copertina di BusinessCommunity.it

Anche i costi di contenuto e marketing sono aumentati a dismisura, con DAZN che ha speso quasi 510 milioni di dollari nel 2021 in contenuti, marketing e miglioramenti delle sue capacità di produzione rispetto ai 118,6 milioni di dollari durante il 2020 colpito dal Covid.
Ciò è avvenuto durante il passaggio di DAZN al settore dei documentari sportivi.
Secondo i conti del 2021, DAZN ha una spesa per i diritti impegnata di 3,2 miliardi di dollari fino alla fine del 2028, un importo che potrebbe aumentare se la società tentasse di rinnovare i suoi diritti nazionali sulla Serie A italiana.
Le perdite di DAZN sono state assorbite dalla società madre della società Access Industries, di proprietà del miliardario Len Blavatnik.
Nonostante le pesanti perdite, si prevede che Blavatnik continuerà a finanziare l'attività fino a quando non saranno attratti investimenti esterni nel 2024 o 2025, probabilmente attraverso un'offerta pubblica iniziale (IPO).

È improbabile che quest'anno arrivino investimenti esterni.
Sempre SportBusiness rileva che i conti 2022 di DAZN mostreranno anche perdite significative, ma anche miglioramenti tanto necessari sui conti 2021 dell'azienda.
Si pensa che se la performance del quarto trimestre 2022 di DAZN fosse estrapolata su un intero anno finanziario, la perdita operativa della società sarebbe compresa tra 300 milioni e 400 milioni di dollari.
I conti del 2022 saranno anche i primi a riflettere i forti aumenti dei prezzi degli abbonamenti nei mercati principali di DAZN.
Segev e il direttore finanziario di DAZN, Darren Waterman, non hanno commentato l'esatta natura dell'attuale situazione finanziaria dell'azienda.
Tuttavia, entrambi erano desiderosi di concentrarsi sull'anno più recente della società e sulla summenzionata traiettoria al rialzo, che includeva l'acquisizione dei diritti nazionali per LaLiga spagnola e la serie di forti aumenti di prezzo in tutto il mondo e nei mercati europei chiave di Germania, Italia e Spagna per incrementare i ricavi.

Segev ha dichiarato: "DAZN è un prodotto premium per chi ama lo sport.
La cosa importante è l'ulteriore penetrazione come servizio in abbonamento e l'aumento delle entrate medie per utente.
Avrete visto i nostri aumenti di prezzo in Italia, dove costa 55 euro al mese per un account che ospita due streaming e 45 al mese con un contratto stagionale.
Siamo molto tranquilli che questo di per sé colmerà il divario tra costi e ricavi durante il 2023, e faremo lo stesso in Spagna ora e in Germania per colmare questo divario
".
Waterman ha aggiunto: "La visione dell'azienda non è quella di essere semplicemente un servizio di streaming.
Abbiamo iniziato come servizio di streaming ed è un ottimo punto di partenza da cui partire.
Ma l'obiettivo finale è quello di essere una piattaforma in cui puoi interagire con tutto ciò che desideri sullo sport e tutti i profitti che ruotano intorno a quell'attività vengono aggregati in un unico posto.

Possiamo farlo in tutti i nostri mercati esistenti e possiamo farlo man mano che ci espandiamo geograficamente.
Quindi, l'attività non è davvero finita fino a quando non l'abbiamo fatto
".
DAZN sta anche cercando scommesse, fantasy sport e un mercato di token non fungibili (NFT) per diversificare il proprio mix di entrate.
Ha anche accordi di distribuzione di canale nei suoi principali mercati europei.
Nei risultati sono presenti anche i dettagli esatti dell'acquisizione da parte di DAZN di Eleven Sports, l'emittente televisiva multinazionale a pagamento con operazioni significative in Belgio, Portogallo e Italia.
DAZN ha ora una presenza significativa in 10 mercati in tutto il mondo: Canada, Germania, Austria, Svizzera, Italia, Spagna, Giappone, Stati Uniti, Belgio e Portogallo.
Ha anche un servizio di streaming globale disponibile in altri 190 mercati, servendo principalmente ai clienti contenuti sportivi da combattimento.

Waterman afferma che il ridimensionamento dell'attività di DAZN per espandere il numero di mercati attivi significativi sarà la chiave per aumentare le entrate e, infine, i profitti nei prossimi anni.
"Quando si pensa al business in generale, si dovrebbe pensare a singoli mercati e poi a una piattaforma globale.
Il nostro obiettivo è rendere redditizio ciascuno dei mercati rispetto ai suoi costi diretti.
Quindi, hai il costo globale, che è il costo per fornire il servizio in ogni mercato.
E poiché siamo un'azienda tecnologica, quel costo è fisso.
Più mercati aggiungiamo, più soldi possiamo guadagnare nel tempo
".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2023 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it