BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

21/09/2022

cover
Roberto Del Mastro (OC Group): la formazione elemento fondamentale per l'evoluzione della società

Il cambiamento passa attraverso le competenze e l'aggiornamento e preparazione rappresentano un'occasione di innovazione per le aziende, ma anche per la società in generale

La formazione è diventata un elemento centrale dell'economia, in parte a causa di obblighi di legge, in parte per rispondere al cambiamento delle competenze all'interno delle imprese.
In occasione della 21esima edizione della ILIAS Conference abbiamo intervistato Roberto Del Mastro, CEO di OC Group, la società partner della Fondazione ILIAS che ha curato l'organizzazione italiana (a Bologna) dell'evento.

Roberto Del Mastro (OC Group): la formazione elemento fondamentale per l'evoluzione della societ

OC Group è una società di consulenza specializzata nella realizzazione di soluzioni e-learning a supporto di aziende e persone che hanno l'obiettivo di creare valore digitalizzando la conoscenza aziendale. OC significa "Open Consulting" perché la filosofia dell'azienda si fonda sull'adozione dall'Open Source, fin dalla fondazione.
La società è focalizzata sull'attività di installazione e personalizzazione di piattaforme LMS (Learning Management System) e nella costruzione di percorsi formativi online per aziende ed organizzazioni che vogliono accrescere e consolidare le conoscenze per i loro team che operano in contesti nazionali e internazionali.

Formazione e futuro dell'economia e delle persone: che legame c'è?

L'evoluzione della nostra società va in una direzione di complessità sempre più spinta.

Seguici: 

Lo vediamo tutti i giorni, ma è chiaro che gestire la complessità significa avere delle skill ed essere adeguatamente formati.
Non si possono lasciare le cose al caso.
In Italia siamo stati molto bravi e ci siamo contraddistinti con la creatività, però oggi c'è una complessità maggiore che dobbiamo affrontare e abbiamo bisogno di avere persone preparate.
Durante l'evento ILIAS di Bologna ho ascoltato il keynote della dottoressa Wagner che ha raccontato al pubblico il concetto "dare un senso alla vita anche se non si lavora".

Oggi parliamo tanto di reddito minimo, ma non sono concetti astratti perché vivremo in una società sempre più automatizzata e dove ci saranno lavori qualificati complessi e iperspecializzati. La necessità di formarsi diventa prioritaria e le persone devono avere a disposizione degli strumenti per crearsi delle skill, delle competenze, perché ce ne sarà sempre più bisogno.

Competenze, preparazione e cambiamento: il mondo del lavoro sta cambiando.

Non solo il mondo del lavoro, ma la vita delle persone stesse sta cambiando. Sarà sempre più importante poter dare senso alla propria vita e il lavoro è una parte di questa, non dimentichiamolo, e tramite la formazione è possibile poter avere dei cambiamenti di carriera, ma anche potersi riaggiornare o preparare per quei periodi in cui si è senza lavoro.
La precarietà sembra essere una tendenza, ma è un'esigenza del business moderno che richiede persone maggiormente specializzate in ambiti verticali.

Questo è un periodo di evoluzione e la formazione è un elemento cruciale.
Non dobbiamo occuparci solo degli obblighi formativi che ci danno i crediti che sono stabiliti da qualche decreto, ma se vogliamo fare una progettazione della formazione bisogna andare al di là.

Anche la formazione, di fatto, è cambiata molto ultimamente.

In questo periodo abbiamo visto nascere e prosperare le microformazioni, formazioni più brevi e quindi più fruibili per un ampio spettro di persone. Questo ha rappresentato un grande cambiamento che è dovuto proprio al lavoro. Le aziende e i lavoratori hanno compreso che se c'è un problema sul lavoro molto probabilmente c'è una procedura che lo risolve o che può aiutare a superarlo.
Noi abbiamo avuto tanti clienti nel settore del macchinario che, a causa della complessità degli stessi, richiedono la conoscenza di tante procedure.

la copertina di BusinessCommunity.it

Il micro-learning è stato di grande aiuto, si impara nel momento del bisogno.
Questa è una strada completamente diversa dall'esame da sostenere per una certificazione, ma risolve un problema in breve tempo senza dover diventare un esperto dalla A alla Z.
Formazione e informazione oggi vanno di pari passo, ma cambia un po' la metodologia, si trovano delle resistenze a vario livello.
Se penso alle istituzioni scolastiche, il micro-learning è proprio l'opposto della formazione scolastica! La strada è tracciata, non possiamo più cambiare, e i ragazzi che usciranno dalle scuole si troveranno a dover affrontare la formazione in digitale, che invece non è stata ritenuta adatta dalle scuole! Il mondo digitale e della formazione scolastica ha rappresentato tanti problemi e di vario ordine, ma ci sono state esperienze nuove e di grande successo che rischiano di venire dimenticate.

Formazione è anche un concetto di esperienza da vivere?

Assolutamente.

Per esempio, siamo stati chiamati da un'azienda, proprio perché facevamo i corsi sui macchinari ai loro clienti, a sostituire la visita delle aziende durante la pandemia.
Abbiamo quindi sostituito la visita delle aziende con una frequentazione sincrona, in cui noi presentavamo queste cose, ma in un'aula virtuale: è stato un successo. Il motivo è semplice, perché le persone potevano fare domande e potevamo avvicinarci ai macchinari in una maniera che in una visita reale non era possibile, quindi clienti soddisfatti, richieste soddisfatti e azienda soddisfatta.
Il digitale e il virtuale permettono di abbattere alcune distanze e rappresentano esperienze molto ricche da far vivere ai clienti/utenti.
In Italia si fa molta confusione sulla formazione e il concetto di online, ma è un ottimo strumento per generare conoscenza.
Quando prendiamo come esempio le tante università digitali vediamo dei casi di successo incredibili, con corsi online che sembrano usciti da un film di fantascienza, su tantissimi argomenti e funzionano.

Non si capisce per quale motivo uno studente non possa migliorare l'inglese se i professori delle scuole si abituassero a consultare un po' di questi contenuti online e a proporli ai ragazzi: il risultato sarebbe positivo e in più ci sarebbe un riconoscimento dell'autorevolezza dell'insegnante che mostra qualcosa di nuovo e interessante, multidisciplinare.
Un professore che rimane vincolato al passato non è autorevole a meno che non sia un "guru", uno di quelli che proprio ti "stendono" in aula.
Oggi abbiamo a che fare con un altro tipo di persone e un altro tipo di società e di abitudini e di esigenze.

Poi c'è il mondo nuovo, il Metaverso.

Per la formazione è un'opportunità di vedere e toccare qualcosa che non si avrebbe mai avuto a disposizione.
Questo è un cambiamento importante e abbiamo realizzato dei contenuti in realtà aumentata e virtuale di grande impatto.

C'è un problema: sono ancora molto costosi.
Non credete che le scuole e le aziende siano già pronte, ma è un punto a cui stiamo tendendo.
Durante l'evento qui a Bologna c'è un'azienda, Delta Informatica di Trento, che ha fatto realizzare ai ragazzi del liceo un progetto per le procedure di sicurezza antincendio in un'esperienza virtuale e ha riscosso un grande successo, non solo a livello realizzativo, ma di competenze acquisite.

Cambiano anche i metodi?

Sì, nel senso che bisogna saper disegnare un'esperienza e una sceneggiatura virtuale, saper inserire anche dei contenuti che arrivano dagli utenti e il livello di coinvolgimento è molto alto.
Non è necessario utilizzare tutta questa tecnologia, può bastare per esempio far girare i video ai ragazzi in tema di sicurezza e si ottengono risultati simili.

Sono la fantasia e la capacità di coinvolgimento che portano al successo di un progetto di formazione.
Rifiutare di utilizzare la tecnologia digitale nelle aule e dalle nostre aziende è certamente un errore.

Quanto oggi un progetto di formazione è pensato e quanto conta il team che vi lavora?

I progetti di formazione tendenzialmente sono tutti pensati correttamente, ma troppo spesso nelle aziende vengono demandati a qualche figura che può dedicare una parte del proprio tempo lavorativo.
In realtà, chi ha team dedicati riesce a creare progetti più duraturi e che si aggiornano costantemente, diventando elementi di comunicazione vitale all'interno delle imprese.
Contano moltissimo gli obiettivi che ci si è prefissati e la capacità di rivolgersi a esperti capaci di imbastire il progetto.
Nella formazione non esistono ricette già pronte, l'esperienza sul campo gioca un ruolo cruciale, non solo per evitare gli errori, ma per realizzare più rapidamente una formazione di successo, rispondendo alle esigenze delle persone.

Le aziende hanno i loro obiettivi, ma devono incontrarsi con le esigenze delle persone, solo così la formazione diventa anche stimolo per il cambiamento.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it