BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

03/08/2022

idee

I C-level globali temono le tensioni geopolitiche e i problemi di supply chain

Secondo il Global Risk Landscape 2022 di BDO, la maggior fonte di rischio è rappresentata dal conflitto in Ucraina e dal rallentamento della ripresa economica. Solo il 22% considera i cambiamenti climatici (59% in Europa)


Quali sono le modalità con cui i manager si stanno concentrando sulla resilienza, efficienza e sostenibilità delle supply chain all'interno di un quadro globale dominato dall'incertezza, causata dalle tensioni geo-politiche, dalla crisi climatica, dagli strascichi della pandemia e dalle minacce derivate dagli attacchi informatici? A dar risposte a questa articolata domanda ci ha pensato BDO, una delle principali organizzazioni internazionali di revisione e di consulenza aziendale in Italia e nel mondo, che ha pubblicato i dati relativi all'indagine Global Risk Landscape 2022, svolta su un campione di 500 C-level in tutto il mondo.

I C-level globali temono le tensioni geopolitiche e i problemi di supply chain

Secondo lo studio, le conseguenze legate al COVID-19 e alle misure per il suo contenimento hanno continuato a far sentire i loro effetti fino ad oggi, in particolare sulle supply chain, tanto è vero che il 48% degli intervistati ha riportato gravi interruzioni nella catena di approvvigionamento negli ultimi 18 mesi.
Per trovare una soluzione a questi problemi, il 59% del campione ha creato delle supply chain alternative rispetto a quelle già esistenti, mentre un ulteriore 23% intende farlo nel corso dei prossimi 18 mesi.
La metà dei rispondenti ha inoltre dichiarato di aver accorciato le catene di approvvigionamento, tramite anche il reshoring delle attività, e il 40% ha introdotto tecnologie di analisi dei dati relativi alla supply chain per permettere una loro migliore efficienza.
In questo contesto, il Global Risk Landscape ha fatto emergere che il principale fattore di rischio per le aziende è costituito dalle tensioni geo-politiche, indicate dal 78% degli intervistati.

Seguici: 

Questo fattore risulta legato al conflitto in Ucraina e alle conseguenti sanzioni che hanno colpito attività e patrimoni russi: a questo proposito, la survey di BDO ha rilevato che il 55% del campione ha stretto accordi con nuovi fornitori per cercare di mitigare gli effetti della guerra in Ucraina.
Un altro elemento di incertezza emerso dalla ricerca è legato ai timori di una guerra commerciale fra USA e Cina, che porterebbe a un ulteriore peggioramento del quadro internazionale.
La seconda maggior fonte di rischio è rappresentata dalla trasparenza delle catene di approvvigionamento, come dichiarato dal 75% del campione.

Una sua mancanza porta infatti a un crescente rischio reputazionale per l'azienda, per non essere in grado di raggiungere gli alti standard etici ormai richiesti dai consumatori, e a una maggiore difficoltà di comprendere e affrontare le sfide a livello regionale e locale, portando così a perdite in termini di denaro e tempo.
Il terzo maggiore rischio individuato dalla survey risiede nella minaccia degli attacchi informatici alle supply chain, indicato dal 72% dei rispondenti.
Per prevenire e affrontare questa potenziale fonte di criticità, il 67% delle aziende intervistate ha dichiarato di aver effettuato investimenti nella digitalizzazione della catena di approvvigionamento negli ultimi 18 mesi e il 51% ha aumentato le risorse disponibili a seguito dello scoppio del conflitto in Ucraina.
Solamente il 22% del campione ha invece indicato i cambiamenti climatici e gli eventi meteorologici estremi fra le più alte priorità di rischi per il business, evidenziando un basso livello di priorità da parte di manager e organizzazioni per questi aspetti, in grado, però, di poter generare danni a livello finanziario e reputazionale.

Inoltre, solo il 23% degli intervistati ritiene che gli eventi naturali avversi potranno avere un impatto significativo sulle attività aziendali e il 14% ha definito piani e processi per mitigare le possibili interruzioni alle supply chain causate dai cambiamenti climatici.
Infine, un'area di miglioramento nella gestione dei rischi per le organizzazioni è legata allo status dei Chief Risk Officer (CRO) nell'organigramma aziendale: lo studio di BDO ha infatti evidenziato che nel 29% delle aziende intervistate il CRO non fa parte del top management.
A livello globale, tra le regioni in cui gli specialisti di gestione dei rischi occupano un posto nella direzione aziendale ci sono il Medio Oriente (nel 72% dei casi) e USA (nell'80%).
In Europa questa percentuale si ferma al 44%.

Europa: pesa la guerra in Ucraina e i timori di un rallentamento dell'economia

L'analisi dei dati relativi ai 100 manager C-level intervistati da BDO all'interno dell'area europea mostra che il 68% di essi individua il maggiore fattore di rischio per le organizzazioni nel conflitto in Ucraina, che ha portato un significativo aumento dei costi delle materie prime e delle fonti energetiche e una crescita dell'inflazione, oltre a difficoltà nell'approvvigionamento di semilavorati.

la copertina di BusinessCommunity.it

In seconda posizione, con una quota del 60%, si trovano i timori di un rallentamento dell'economia e di un recupero più lento del previsto dopo l'impatto della pandemia, che non viene più percepito come principale elemento di rischio in Europa grazie anche all'alto tasso di vaccinazione nel continente.
La survey ha inoltre mostrato che i manager europei hanno una sensibilità verso le questioni ambientali, la sostenibilità e il cambiamento climatico di gran lunga superiore rispetto alla media globale: i rischi derivati da eventi naturali imprevedibili e estremi sono stati infatti indicati dal 59% del campione, rispetto al 22% del dato globale.
Questo perché l'EU Green Deal sta introducendo i fattori di rischio ESG nel risk management degli operatori dei mercati finanziari con il preciso scopo di impattare nella sostenibilità dell'economia reale; attraverso la leva della finanza sostenibile.

Gli intervistati europei non sembrano invece essere particolarmente preoccupati dalle minacce di attacchi informatici: solo il 42% ha dichiarato di aver aumentato gli investimenti in cybersecurity per mitigare i rischi di interruzione della catena di approvvigionamento in seguito al conflitto in Ucraina, rispetto al dato globale del 51%, e solo il 13% li ritiene il rischio principale per le organizzazioni.
Secondo Stefano Minini, Partner Partner Risk & Advisory Services di BDO Italia (nella foto), "tra i rischi legati alle tensioni geopolitiche, agli attacchi informatici, alle difficoltà nella logistica e nelle catene di approvvigionamento, dall'analisi emergono con sempre più evidenza quelli legati alla trasparenza della supply chain.
Poter disporre di fornitori non solo affidabili dal punto di vista qualitativo e finanziariamente solidi ma anche, e soprattutto, capaci di allinearsi a principi deontologico-comportamentali di alto profilo è oggi una priorità per il top management.

I valori che governano le procedure di vendor selection puntano sempre più sulla minimizzazione del rischio reputazionale, privilegiando fornitori attenti alla crescente consapevolezza della sostenibilità da parte dei consumatori, all'etica aziendale, alla tutela dell'ambiente, all'assenza di lavoro minorile o non sufficientemente retribuito, all'utilizzo di materie prime sostenibili e agli elevati standard di sicurezza sui luoghi di lavoro.
Il monitoraggio di tali rischi da parte dei fornitori diventa essenziale nelle strategie di risk management più evolute
".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it