BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

18/05/2022

idee

Nel secondo trimestre drastico cambiamento nell'economia globale

Robert Tipp (PGIM): non solo la guerra tra Russia e Ucraina, ma è il mercato delle materie prime tenere banco, con l'Europa alle prese con il problema del gas e molti altri Paesi con energia e derrate alimentari

L'evoluzione incerta del conflitto e i relativi costi umani destano la massima preoccupazione. Il suo impatto economico su elementi chiave, tra cui l'energia, le altre materie prime, il commercio e i vincoli di natura finanziaria, non è chiaro.
La disruption in questi ambiti sarà probabilmente esacerbata dal deterioramento del sentiment e dalle interruzioni della catena di approvvigionamento.

Nel secondo trimestre drastico cambiamento nell'economia globale

La Russia è un attore di rilevanza globale sul fronte della produzione di energia e fornisce all'Europa circa il 25% del fabbisogno energetico.
La Russia e l'Ucraina sono anche importanti fonti per altre materie prime fondamentali, come fertilizzanti, cereali e metalli preziosi.
Di conseguenza, l'isolamento di Mosca da regioni focali per l'economia globale e l'interruzione della produzione in Ucraina si riverbereranno in tutto il mondo in una varietà di impreviste modalità.
All'inizio del 2022 ci si attendeva una crescita globale moderata, ma al di sopra del trend.
Il conflitto rappresenta un chiaro shock negativo al ribasso per la crescita economica, mentre spinge verso l'alto l'inflazione: dunque i rischi di stagflazione globale sono aumentati notevolmente, a nostro avviso, con un rischio di recessione in Europa al 50%.

La situazione energetica russa costituirà un freno significativo alla crescita per diversi anni; abbiamo recentemente abbassato la previsione di crescita del PIL 2022 da un tasso prebellico del 4,2% al 2,7%.
L'impatto sarà asimmetrico, con Germania e Paesi Bassi particolarmente esposti per via di legami commerciali e dipendenza energetica con la Russia.
Essendo un grande importatore di gas russo per mezzo di un gasdotto ucraino, l'Italia costituisce ancora una volta un elemento di vulnerabilità cruciale per la coesione e la crescita della zona euro.

Seguici: 

Ma se le forniture energetiche russe venissero interrotte del tutto, ci aspetteremmo di vedere tagli alla produzione e distruzione della domanda che porterebbero la crescita annuale della regione in territorio negativo.
Escludendo la Cina, nei mercati emergenti gli esportatori di materie prime e i Paesi che beneficiano del divario commerciale e della regionalizzazione - come Colombia e Nigeria - potrebbero beneficiare di ricadute positive.
Ma molti altri, tra cui Tunisia e Cile, hanno accusato un colpo significativo alle ragioni di scambio, dato che i beni di prima necessità, come alimentari ed energia, sono diventati molto più costosi.
Questo, a sua volta, sta creando tensioni sociali: alcune economie dei mercati emergenti (per esempio, Sri Lanka ed Egitto) si sono rivolte alla comunità internazionale per pacchetti di sostegno.
Anche gli esportatori di petrolio e gas - che probabilmente beneficeranno di prezzi e domanda più elevati - dovranno pagare di più per le importazioni di beni alimentari, limitando così il guadagno.

Inoltre il deterioramento della propensione al rischio, insieme alla stretta monetaria in corso negli Stati Uniti e nell'area dell'euro, rappresenta uno shock negativo, soprattutto per i Paesi che devono già finanziare grandi deficit delle partite correnti.
La Turchia è particolarmente esposta a questi shock multipli.
Al contrario, l'economia statunitense è molto più isolata dal conflitto.
Essendo un esportatore netto di energia con legami commerciali minimi con la Russia, l'impatto immediato sull'economia reale sarà probabilmente relativamente attenuato.
Detto questo, le ricadute degli elevati prezzi dell'energia e dei beni alimentari a livello globale sta spingendo l'inflazione ancora più in alto, comprimendo ulteriormente i salari reali delle famiglie.
Con la fine dello stimolo fiscale e condizioni finanziarie più rigide, ci aspettiamo un probabile rallentamento della domanda nel corso del prossimo anno, e una riduzione delle pressioni inflazionistiche.

La Cina si trova in una posizione un po' diversa.
Lo sforzo dell'anno scorso per raffreddare il mercato immobiliare ha smorzato la crescita più del previsto, implicando forti venti contrari al raggiungimento dell'ambizioso obiettivo di crescita del 5,5%. Data la nostra aspettativa di un allentamento della crescita globale, questo indica la necessità di un ulteriore sostegno politico per il raggiungimento dell'obiettivo di crescita di Pechino.
Più a lungo tale stimolo viene ritardato, più sostanziale sarà la spinta politica necessaria.
Considerando l'importanza cruciale del 2022 nella definizione della leadership politica per i prossimi 5 anni, ci aspettiamo che le autorità facciano di tutto per raggiungere l'obiettivo di crescita; ciò rappresenterà uno dei pochi rischi alle aspettative di crescita quest'anno.
Benché l'Ucraina rappresenti solo una parte molto esigua dell'economia globale, l'impatto del conflitto sui prezzi dell'energia continuerà a riversarsi in tutto il mondo, influenzando l'inflazione sia nelle economie avanzate, sia in quelle emergenti.

la copertina di BusinessCommunity.it

Un'ulteriore interruzione della catena di approvvigionamento dovuta alle continue misure di lockdown in Cina ha indotto le banche centrali a mantenere la rotta verso una stretta delle condizioni finanziarie.
Con le economie emergenti - tra cui Ungheria, Repubblica Ceca e Brasile - così come le più piccole economie sviluppate aperte - come la Norvegia - a guidare la carica, il mercato ora si aspetta rialzi dei tassi più aggressivi da parte della Federal Reserve.
La posizione della BCE dovrebbe rimanere espansiva, con pochi o nessun segno di surriscaldamento dell'inflazione generata internamente.
Detto questo, la BCE sembra pronta a porre fine agli acquisti di asset prima di fine anno e a iniziare ad alzare i tassi verso la fine dell'anno.
Né il suo programma di acquisto di asset né i tassi negativi sono stati leve politiche decisive durante la pandemia, quindi se un grave rischio al ribasso dovesse cristallizzarsi nella regione potremmo assistere a una nuova serie di misure ad hoc.

Dove la politica monetaria sta facendo un passo indietro, un sostegno fiscale aggiuntivo potrebbe colmare il vuoto.
È ancora presto, ma i politici europei hanno già indicato un sostegno immediato per compensare le famiglie e le imprese dei costi più elevati dell'energia.
Detto questo, l'ipotesi di un pacchetto fiscale espansivo finanziato da debito comunitario richiederebbe probabilmente diversi anni per l'unanimità politica a livello UE.
Altrove, come nel Regno Unito, l'austerità fiscale resta molto probabile.
Robert Tipp, Chief Investment Strategist, Head of Global Bonds at PGIM Fixed Income



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it