BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

13/04/2022

fare

Il comparto agroalimentare segna un +9,2% di export nel 2021

Secondo il monitor della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo le esportazioni a prezzi correnti si chiudono con un bilancio positivo, superando la cifra di 22 miliardi di euro

E' una fotografia piena di ottimismo quella che emerge dal Monitor dei Distretti Agro-alimentari della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e curata da Rosa Maria Vitulano.
Infatti, nel 2021 le esportazioni a prezzi correnti dei distretti agro-alimentari italiani si chiudono con un bilancio positivo, superando la cifra di 22 miliardi di euro e realizzando un aumento del 9,2% rispetto all'anno precedente.

Il comparto agroalimentare segna un +9,2% di export nel 2021

Il trend di crescita prosegue ininterrotto dal 2010 e non si è arrestato neanche durante la pandemia.
Gli altri distretti manifatturieri italiani hanno realizzato un rimbalzo maggiore (+20,3%) dopo la forte battura d'arresto del 2020.
La dinamica è in linea con l'evoluzione delle esportazioni italiane di cibi e bevande, che hanno superato nel 2021 il traguardo di 50 miliardi di euro.
Sul risultato influisce anche una dinamica di rialzo dei prezzi alla produzione (+2,6% nel 2021 rispetto all'anno precedente), con un'accelerazione nell'ultimo trimestre dell'anno in particolare per alcuni comparti.
Il comparto più interessato è quello dell'olio (+10,3%), seguito a distanza dal lattiero-caseario (+3,3%); tutti gli altri comparti registrano aumenti contenuti e inferiori alla media di settore, con le bevande che hanno invece sperimentato un lieve calo.

Il comparto agroalimentare segna un +9,2% di export nel 2021

Quasi tutte le filiere si posizionano su livelli di esportazioni superiori al livello pre-pandemia.
La filiera del vino, prima per valori esportati nel 2021, supera per la prima volta la soglia di 6 miliardi di euro, con una crescita del 12,5% rispetto all'anno precedente (+10,6% rispetto al 2019).
Maggior contributo da parte del distretto dei Vini di Langhe, Roero e Monferrato (+15,3% nel 2021), ma registrano una performance molto positiva anche i Vini dei colli fiorentini e senesi (+20,7%), il Prosecco di Conegliano- Valdobbiadene (+15,5%), i Vini e distillati del Friuli (+20,5%) e i Vini e liquori della Sicilia occidentale (+15,7%).

Seguici: 

Anche la filiera dei prodotti agricoli prosegue sul trend del 2020 e registra una crescita del 9,4%.
Tutti i distretti si posizionano ampiamente al di sopra dei livelli del 2019; spicca in particolare il Florovivaistico di Pistoia (+30,6% rispetto al 2020; +40,6% rispetto al 2019).
Nella filiera della pasta e dolci (+7,4% nel 2021) emergono il distretto dei Dolci di Alba e Cuneo (+15,1% nel 2021) e dei Dolci e pasta veronesi (+13,2%).
In contrazione, ma ampiamente al di sopra dei livelli di export del 2019, i comparti pasta dell'Alimentare di Avellino (-3,6% nel 2021) e dell'Alimentare napoletano (-14,2%).
Nella filiera delle carni e salumi (+16,2% tendenziale) spiccano in maniera particolare i Salumi del Modenese (+22,4% nel 2021) e il Prosciutto San Daniele (+34,2%).
L'unico distretto ad arretrare parzialmente nel 2021 è quello dei Salumi dell'Alto Adige (-1,9% tendenziale; ma +3,2% rispetto al pre-pandemia).

Anche la filiera del lattiero-caseario registra un deciso progresso nel 2021 (+15,5%).
In lieve ritardo solo il Lattiero-caseario di Reggio Emilia (-3% nel 2021; -1,1% rispetto al 2019).
Positiva anche la dinamica della filiera del caffè (+14,1% tendenziale), con tutti e tre i distretti in forte crescita, in particolare il Caffè, confetterie e cioccolato torinese (+15,1% nel 2021; + 32,8% rispetto al 2019).
Nella filiera dell'olio, il distretto dell'Olio toscano (che pesa per il 70% sul totale) si posiziona su livelli invariati rispetto al 2020 (-0,2%), mentre crescono sia l'Olio umbro (+8,4%) che il comparto olio dell'Olio e pasta del barese (+5%).
Luci e ombre invece per la filiera delle conserve (-3,7% nel 2021): i progressi registrati dalla metà dei distretti, Marmellate e succhi di frutta del Trentino-Alto Adige (+7,7%) e i comparti conserve dell'Alimentare di Parma e dell'Alimentare di Avellino (entrambi con un +8,1%), non riescono a compensare l'arretramento delle Conserve di Nocera (-3,7%) e dei comparti conserve dell'Alimentare napoletano (-0,3%) e dell'Ortofrutta e conserve del foggiano (-46,1%).

La filiera, che si confronta con un 2020 di forte crescita sui mercati esteri, è nel complesso oltre i livelli del 2019.
Stessa dinamica per la filiera del riso (-4,2% nel 2021; +9,3% rispetto al 2019).
Infine, risultato positivo anche per il distretto dell'ittico, che con una crescita del 20,3% rispetto al 2020 recupera quasi completamente i livelli pre-crisi (-1,3%).
Nel complesso, sono in crescita le esportazioni dei distretti agro-alimentari verso tutti i principali mercati di destinazione, in particolare Germania (+4,5% nel 2021), Stati Uniti (+13,9%) e Francia (+10%); in calo le vendite sul mercato britannico (-9,6% nel 2021) a causa anche delle difficoltà logistiche e amministrative post Brexit.
Continuano a crescere le economie emergenti, +17,1% nel 2021 verso un +7,3% delle economie avanzate, che raggiungono nel complesso un peso del 20% sul totale delle esportazioni dei distretti agro-alimentari.

la copertina di BusinessCommunity.it

Resta bassa l'esposizione verso il mercato russo ed ucraino, nel complesso solo l'1,6% delle esportazioni dei distretti agro-alimentari sono destinate a questi due Paesi, per un totale di 366 milioni.
La filiera che esporta maggiormente verso queste due destinazioni è quella dei vini, con circa 145 milioni di euro (97 verso Russia e 46 verso Ucraina), che rappresentano il 2,4% del totale delle vendite all'estero dei distretti vitivinicoli.
Maggiore l'incidenza dei due mercati per la filiera del caffè (6,7%) per un totale esportato di 75 milioni (63 verso Russia e 12 verso Ucraina), e per la filiera dell'olio, con 33 milioni che corrispondono al 3,6% del totale filiera.
Più concentrate le importazioni da Russia e Ucraina, per un valore complessivo di 242 milioni, ossia il 2,6% del totale importazioni dei distretti agro-alimentari, con una richiesta soprattutto da parte della filiera dei prodotti agricoli (187 milioni) e dell'olio (circa 50 milioni).



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it