BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

30/03/2022

economia

Verso una stabilizzazione del credito, nonostante le avversità

Patrick Vogel (Schroders): data la crescita ancora complessivamente favorevole e i solidi fondamentali delle aziende, riteniamo che per il credito ci sia margine per stabilizzarsi e iniziare a performare meglio nel tempo

I mercati obbligazionari, già in subbuglio a causa delle politiche aggressive delle banche centrali e delle pressioni inflazionistiche, stanno ora affrontando anche una grande crisi geopolitica e le conseguenze di una guerra brutale, dall'esito incerto.

Bond sotto pressione

Per i mercati obbligazionari, il conflitto in Ucraina va ad acuire una situazione già tesa, caratterizzata da un rialzo significativo dei rendimenti già a inizio anno, a causa del prospettato rialzo dei tassi e in generale della retorica più "falco" da parte delle Banche Centrali.

Verso una stabilizzazione del credito, nonostante le avversit

Nelle ultime settimane i mercati del credito hanno subito pesanti deflussi, con un allargamento degli spread.
Il tutto è avvenuto in modo relativamente ordinato, con il mercato che ha tentato di stabilizzarsi sugli annunci di guadagni positivi e la volatilità delle obbligazioni dei mercati emergenti che è rimasta contenuta.
Ma l'aumento degli utili e degli spread ha portato a rendimenti totali da inizio anno significativamente negativi.
Con l'escalation geopolitica, il sentiment ha virato momentaneamente verso il panico.
Non sorprende che i mercati del credito europei abbiano reagito in modo più significativo degli Stati Uniti nel "prezzare" i rischi della guerra in Ucraina.

La situazione macroeconomica

I rischi legati alla dipendenza dell'Europa dall'energia russa sono ora evidenti, come risulta anche dalla sottoperformance del mercato europeo.

Seguici: 

La durata della guerra e le implicazioni per i prezzi dell'energia saranno un fattore determinante per la crescita europea.
In termini di politica monetaria, le aspettative del mercato per i rialzi dei tassi nel 2022 erano sei negli Stati Uniti e uno in Europa, ma sembravano eccessive e hanno cominciato a moderarsi.
La crisi, lo shock economico e l'effetto deleterio sulla fiducia potrebbero spingere le banche centrali a moderare i rialzi dei tassi.
Aumenta la probabilità di un sostegno fiscale, per alleviare l'impatto dei maggiori costi energetici e alimentari per i consumatori.

Chiaramente, le valutazioni riflettono la bassa crescita e il rischio di recessione in Europa, ma la durata della guerra e la natura del sostegno fiscale saranno fondamentali.
Anche l'inflazione aumenterà, rendendo ancora più difficile il bilanciamento che le banche centrali devono trovare.

Valutazioni del credito attraenti, fondamentali sani

Se ci concentriamo sulle valutazioni del credito, troviamo che i livelli sono ora più attraenti, con rendimenti interessanti, che offrono persino migliori prospettive di rendimento rispetto alle azioni.
Il credito può anche fungere da fattore di diversificazione, se la crescita dovesse vacillare più del previsto.
L'income offre un cuscinetto, mentre le obbligazioni societarie con rating superiore sono meno sensibili alla crescita rispetto alle azioni.
Tali fattori dovrebbero rendere il credito attraente per una base di investitori più ampia e non specializzata, e spingere potenzialmente gli investitori istituzionali o i fondi multi-asset ad aumentare le allocazioni.

Ci sono ancora segnali positivi nelle economie sottostanti dell'Europa e negli Stati Uniti, mentre la Cina ha iniziato un allentamento monetario.
Questo supporta i fondamentali aziendali, sostenendo gli utili che sono a livelli record.
Anche i bilanci sono decisamente sani, con le società che si sono rifinanziate a bassi livelli di interesse nel corso del 2021.
Allo stesso tempo, è sempre più importante adottare un approccio selettivo.
Le aziende si trovano ad affrontare una pressione crescente sui costi di produzione, che potrebbe potenzialmente peggiorare se i prezzi dell'energia aumentassero ulteriormente, e stiamo già iniziando a vedere questo impatto sui ricavi.

I settori meglio posizionati

Riteniamo che i settori con alcune caratteristiche difensive intrinseche, come la protezione dall'inflazione e un forte asset-backing, siano ben posizionati.

la copertina di BusinessCommunity.it

Nel settore immobiliare, per esempio, molte aziende hanno affitti legati all'inflazione nel medio termine e vediamo che le società residenziali e di logistica beneficiano di una domanda ancora forte.
Attualmente, alcune obbligazioni di società immobiliari hanno rendimenti superiori a quelli delle attività immobiliari sottostanti: questa situazione dovrebbe correggersi, offrendo valore agli investitori obbligazionari.
Un esempio simile è quello delle infrastrutture.
La maggior parte dei beni sono operativi e le spese di manutenzione sono relativamente basse, rendendo i flussi di cassa prevedibili.
Una potenziale ripresa del turismo in alcune parti d'Europa quest'estate, grazie a un allentamento dei lockdown, insieme al lancio del 5G, implicherà ulteriori entrate per questi settori.

Verso una stabilizzazione del credito

Al di là della tragedia umana legata alla situazione attuale, questo è un momento di grande incertezza a causa di numerosi fattori in rapida evoluzione.

Data la crescita ancora complessivamente favorevole e i solidi fondamentali delle aziende, riteniamo che per il credito ci sia margine per stabilizzarsi e iniziare a performare meglio nel tempo.
Manteniamo un elevato livello di convinzione sui settori e sulle società più solide, che hanno le caratteristiche necessarie per resistere alle avversità, cercando opportunità dove troviamo valutazioni scollegate dai fondamentali.
Patrick Vogel, Global Head of Credit, Schroders



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it