BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

23/03/2022

fare

Le due grandi sfide del lavoro: Great Resignation e talent retention. Il futuro è phygital

Tomaso Mainini (PageGroup): smartworking, flessibilità e value proposition hanno rivoluzionato il modo di lavorare post pandemia.
Le imprese dovranno ridisegnare il loro modo di gestire e trattenere le risorse per non perdere i migliori talenti


In Italia come in tutto il mondo occidentale la pandemia ha cambiato in modo probabilmente irreversibile il mondo del lavoro come lo conoscevamo.
Smartworking, flessibilità, work-life balance e value proposition sono infatti i quattro pilastri su cui si sta ridisegnando il mercato del lavoro post covid e, di conseguenza, anche l'organizzazione di molte aziende.

Le due grandi sfide del lavoro: Great Resignation e talent retention. Il futuro  phygital

Negli ultimi mesi, stiamo assistendo ad un fenomeno che ha preso piede negli Stati Uniti a inizio 2021 e che rapidamente sta condizionando anche il nostro Paese.
Un numero sempre crescente di professionisti ha iniziato a dimettersi volontariamente, in alcuni casi anche senza avere un'altra opportunità professionale.
Questo fenomeno - che viene definito "Great Resignation" - sta mettendo le imprese in condizione di dover affrontare una nuova sfida: trovare nuovi candidati, ma soprattutto trattenere i migliori talenti.
In un mercato del lavoro sempre più connesso, con la possibilità di lavorare da qualunque posto e per qualunque azienda, la concorrenza è diventata globale e non è raro che alcuni candidati inizino a valutare offerte che provengono da imprese con sede anche fuori dalla propria regione o stato.
Perdere talenti rappresenta un problema di notevole portata per tutte le aziende, tanto che negli USA, ad esempio, alcune realtà hanno assunto manager con un ruolo molto preciso: tenere alto l'ingaggio delle persone e minimizzare le uscite.

Seguici: 

"Il fenomeno delle grandi dimissioni - commenta Tomaso Mainini, Senior Managing Director Italia & Turchia di PageGroup - si è sviluppato nel periodo dell'emergenza COVID-19 perché molti hanno iniziato a dare maggiore importanza alla qualità del lavoro e della vita.
Hanno, in altre parole, iniziato a mettere al primo posto i desideri di autorealizzazione, di crescita personale e sociale.
Una scelta che si concretizza nell'idea di lasciare il proprio ruolo per uno magari meno stressante, più affine ai propri valori o anche per perseguire progetti auto-imprenditoriali.

Intercettare questi nuovi desideri è la vera sfida che attende le aziende nel 2022".

Chi sono i protagonisti della Great Resignation?

L'Osservatorio PageGroup tratteggia un quadro molto chiaro.
In Italia il fenomeno si è manifestato in modo differente rispetto agli USA: bisogna considerare che nel mercato italiano i profili con minore esperienza hanno avuto le maggiori difficoltà a inserirsi nel mercato del lavoro durante la pandemia poiché le aziende hanno preferito affidarsi - in un momento incerto, complicato e in continua evoluzione - a risorse già formate e con competenze specifiche.
Inoltre, è possibile che il Coronavirus abbia cambiato le abitudini dei lavoratori senior che hanno iniziato a ripensare la loro vita lavorativa e a cercare nuove opportunità di lavoro.
Alcuni settori sono, in questo senso, più dinamici degli altri.

In ambito tech&digital, per esempio, il numero di dimissioni è in aumento rispetto ad un trend che era già in crescita negli anni scorsi: oggi sta toccando un picco particolarmente alto, tanto che alcuni profili stanno ricevendo molteplici offerte contemporaneamente, in alcuni casi addirittura più di dieci.
"Ci stiamo spostando - continua Mainini - verso un modello di lavoro che viene definito 'phygital' e che possa far convivere un maggiore equilibrio vita-lavoro con la motivazione, che rappresenta un asset fondamentale per la produttività, e il senso di appartenenza all'azienda e ai suoi valori".

Come trattenere i talenti in azienda ed attrarre nuovi candidati

Training e percorsi di carriera trasparenti: i dipendenti sono sempre più sensibili a questo tema e sempre più aziende stanno investendo in corsi di formazione continua per i propri dipendenti, in linea a career path definiti e personalizzati sulla base delle competenze e dei desiderata personali.

la copertina di BusinessCommunity.it

Attenzione a tematiche di sostenibilità: per i professionisti è oggi fondamentale che le aziende prestino attenzione al tema della sostenibilità con azioni concrete.
La scala dei valori di una azienda e il suo impegno concreto nei confronti della comunità sono diventati criteri di scelta da parte dei candidati.
Commodity: smartworking e flessibilità sono estremamente apprezzati.
Si tratta di richieste che, soprattutto in alcuni settori, vengono ritenute scontate e non più negoziabili.
Si è osservato che un giusto balance tra presenza in ufficio e smartworking aumenta la produttività, ma mantiene alto il livello di engagement e appartenenza del dipendente in azienda.
Non solo bonus di tipo economico: numerose aziende stanno introducendo, oltre ai bonus legati agli obiettivi aziendali e personali per incentivare i dipendenti, altre forme di benefit, come ad esempio welfare o casse sanitarie.

Comunicazione continua e trasparente: la coerenza nell'applicare internamente e concretamente i valori che l'azienda comunica esternamente è fondamentale.
Maggiore attenzione allo stile di leadership e al clima dell'ambiente di lavoro: un ambiente di lavoro piacevole e un buon rapporto con il manager diretto e un costante riconoscimento del proprio lavoro vengono considerati tra i fattori che accrescono maggiormente la soddisfazione personale dei dipendenti riducendo il turnover.
I nuovi manager oggi devono sviluppare una leadership inclusiva, potenziando le capacità dei propri collaboratori, valorizzandone l'unicità e offrendo opportunità di carriera in modo equo.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it