BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

26/01/2022

leisure

Le aziende hanno bisogno di DIO (digital innovation officer) - Punto e a capo - @gigibeltrame

Serve una figura che faccia da collante tra le varie attività di business e chi si occupa di tecnologia

"L'innovazione non è una questione di strumenti, ma di come si usano quelli a disposizione".
Questa frase, pronunciata da un CEO di un'azienda molto importante durante un evento a dicembre mi è rimasta impressa nella mente e continua a ronzare.
Se la mia convinzione, da sempre, è che la tecnologia, qualsiasi essa sia, sia un mezzo e non il contenuto dell'innovazione, pensare nel 2022, anche se eravamo ancora nel 2021, a innovare a prescindere dalla tecnologia mi sembra una sciocchezza incredibile.

Le aziende hanno bisogno di DIO (digital innovation officer) - Punto e a capo - @gigibeltrame

In una telefonata con Fabrizio Albergati, un manager con una grande esperienza nel settore del digitale, mi ha colpito con un'altra frase: "le aziende non hanno più bisogno di un CIO, ma di un DIO".
Ho subito rubato l'acronimo, perché le aziende non devono solo pensare al Chief Information Officer, o al Chief Innovation Officer, ma devono pensare a un Digital Innovation Officer, che in italiano diventa una divinità!
Le aziende oggi si scontrano sul tavolo dell'innovazione tra chi frena e chi è eccessivamente entusiasta e si fa prendere la mano.
Eppure oggi è possibile portare i vantaggi della digitalizzazione anche progressivamente, per accorgersi che l'innovazione, se applicata bene, porta a crescite esponenziali e non incrementali.
L'economia insegnata nelle Università fino a qualche anno fa, ma in tantissime è ancora così, insegna che l'economia cresce a piccoli passi.

Le aziende, quindi, hanno sempre pensato di crescere a piccoli passi.
Il digitale permette crescite esponenziali e non solo in business unicamente digitali, quando la distribuzione non richiede elementi fisici, ma anche nei business tradizionali.
Quante aziende e quanti servizi sono cresciuti con l'adozione intelligente della tecnologia durante questa fase pandemica?
Non sono mica poche.
"Potrebbe essere un caso" è la risposta di tanti.
Perfetto, ma se andiamo ad analizzare i fallimenti più grossi, il comune denominatore è l'assenza o l'uso sbagliato del digitale.

Seguici: 

Alle aziende serve un DIO, qualcuno che possa guardare il business con occhi diversi e parlare con tutte le figure per estrarre il meglio.
Non bastano i dati per avere un'azienda che prendere decisioni intelligenti, serve una visione e un percorso di cambiamento.
Un cambiamento che non è necessariamente drastico, ma deve essere efficace e intervenire a piccoli passi.
L'uso degli strumenti digitali nelle aziende deve seguire certi passaggi, che non sono facilmente evitabili senza compiere disastri: un'analisi descrittiva, la fase diagnostica, quella predittiva e, infine, una fase prescrittiva.
Le aziende grandi conoscono questi passaggi, ma le aziende medie e soprattutto quelle piccole faticano a comprenderli.
E il business fatica di conseguenza.


la copertina di BusinessCommunity.it

Iscriviti al canale YouTube

Il libro ''Digilosofia: la filosofia del digitale'' le sfide della digital transformation
Guarda l'ultima puntata del #LateTechShow .


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it