BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

19/01/2022

idee

Leadership e cultura fattori fondamentali per l'attuazione delle strategie aziendali

Riccardo Donelli (PwC): è il momento per HR e manager di creare un ambiente che favorisca la produttività sostenibile. Le imprese che utilizzano sia la pianificazione basata su scenari sia la pianificazione dinamica sono più propense a raggiungere o superare i target


Il 2022 sarà ricco di sfide per tutte le componenti del mondo del lavoro, soprattutto per il comparto HR e i manager più in generale.
Si entra nel terzo anno di pandemia e questo ha portato a cambiamenti irreversibili, poiché il mondo è cambiato e non solo l'ambito lavorativo, mettendo in luce aspetti che fino a poco tempo fa non venivano affrontate o considerate in giusta misura.

Leadership e cultura fattori fondamentali per l'attuazione delle strategie aziendali

Infatti, secondo una recente ricerca di PwC, malgrado l'aumento della produttività e delle prestazioni dei lavoratori registrato da numerose aziende durante la pandemia, sono emerse barriere culturali e di leadership che stanno ostacolando la creazione di solide strategie di gestione della forza lavoro.
L'indagine PwC "Future of work and skills" si è basata sulle opinioni di circa 4.000 responsabili HR e manager di 26 Paesi e regioni e 28 settori industriali, in merito alle attuali sfide legate alla forza lavoro e al futuro dell'occupazione nelle aziende.
E' ormai assodato che il lavoro da remoto e di tipo ibrido ha determinato un incremento della produttività a breve termine in gran parte delle aziende.
Il 57% degli intervistati afferma infatti che la propria organizzazione ha superato gli obiettivi di produttività e prestazioni della forza lavoro negli ultimi 12 mesi, rispetto a solo il 4% che dichiara che nello stesso periodo la propria azienda ha registrato prestazioni significativamente peggiori.

Seguici: 

Tuttavia, l'aumento della produttività e delle prestazioni potrebbe essere avvenuto a scapito della fiducia a lungo termine dei dipendenti.
Solo il 31% dei manager e responsabili HR intervistati crede fermamente che la propria organizzazione stia creando elevati livelli di fiducia tra i lavoratori e i loro supervisori diretti.
La responsabilità può essere in parte dovuta al fenomeno del burnout: quasi tre quarti (74%) degli intervistati non sono pienamente sicuri che il carico di lavoro dei dipendenti sia adeguato a poter sfruttare appieno il proprio tempo.

Secondo Riccardo Donelli, People & Organisation Partner di PwC Italia, "i risultati dell'indagine evidenziano che man mano che le aziende accelerano la trasformazione digitale, la leadership e la cultura diventano aspetti fondamentali per l'attuazione delle strategie aziendali.
La confluenza di fattori come la potenziale sfiducia dei lavoratori, la competitività dei mercati dei talenti e le aspettative variabili della forza lavoro pone oggi una maggiore enfasi sul ruolo dei leader, ed in particolare sulla necessità di una leadership capace di lavorare con l'incertezza, con i cambiamenti continui, le contraddizioni e i dilemmi imposti dal nuovo contesto lavorativo
".

Dividendo legato alla pianificazione strategica

La ricerca ha dimostrato che un'efficace pianificazione organizzativa può generare valore.
Le aziende che hanno messo in atto processi di pianificazione basati sugli scenari (in cui i manager prevedono le proprie esigenze sulla base di molteplici scenari futuri) e di pianificazione dinamica (in base alla quale introducono nei piani un complesso schema di azioni e reazioni) hanno ottenuto 30 punti percentuali di probabilità in più di raggiungere o superare gli obiettivi finanziari e di altro tipo rispetto alle aziende che non adottano né l'uno né l'altro approccio.

Inoltre, le aziende che attuano la sola pianificazione dinamica registrano un vantaggio di circa 10 punti percentuali rispetto a quelle che scelgono solamente quella basata sugli scenari.
Aggiunge Donelli: "la pandemia è la più grande rivoluzione nel mondo del lavoro dell'era moderna.
Ha accelerato tutti i fenomeni preesistenti ed ha reso evidenti alcuni aspetti che erano in atto da tempo ma a cui nessuno davvero guardava come fatti centrali.
La pandemia ha reso evidente la centralità delle Persone che non possono essere considerate esclusivamente come fattori produttivi ma sono la vera fonte di vantaggio competitivo.
Occorre pertanto riprogettare i sistemi organizzativi, tecnologici e gestionali attorno alle persone con una maggiore integrazione tra le strategie aziendali e quelle di gestione della forza lavoro
".

La pianificazione deve tener conto dell'impatto della tecnologia sul lavoro umano

La digitalizzazione continuerà ad essere una delle principali preoccupazioni dei manager; attualmente esiste infatti un divario tra il ruolo sempre maggiore che la tecnologia svolgerà nella strategia di gestione della forza lavoro e la comprensione dei rischi.

la copertina di BusinessCommunity.it

Solo il 21% degli intervistati dichiara di essere assolutamente in grado di identificare i potenziali rischi derivanti dalla decisione di sostituire il lavoro umano con la tecnologia, mentre solo il 25% è pienamente d'accordo nel voler comunicare con chiarezza e costanza ai dipendenti ed agli altri stakeholder l'impatto dell'automazione e dell'intelligenza artificiale.
Il fabbisogno di competenze dovrebbe diventare un elemento fondamentale dei processi di pianificazione strategica aziendale.
Un terzo dei responsabili HR e dei manager intervistati dichiara che è molto importante identificare le competenze di cui l'organizzazione avrà bisogno in futuro in ragione dei cambiamenti tecnologici, anche se solo il 26% conferma con assoluta certezza di essere attualmente in grado di farlo.
Secondo Donelli: "è giunto il momento per i manager di creare un ambiente che favorisca la produttività sostenibile.

Le persone sono parte integrante dell'equazione tecnologica: i manager devono interagire con loro e ascoltarne le esigenze, comprendere la loro motivazione intrinseca e soddisfare il loro desiderio di lavorare per organizzazioni che siano all'altezza degli obiettivi, dei valori e della cultura che incarnano.
Creare una relazione positiva tra dipendenti e azienda rafforzando well-being, motivazione, benessere è fondamentale per creare valore per la società nel lungo termine
".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it