BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

22/12/2021

idee

Cinque consigli per coniugare smartworking e benessere

Rachel Kent (King's College): per lavorare da casa preservando la salute mentale è necessario creare divisioni nella mente e nella routine quotidiana. E disintossicarsi dal digitale compulsivo


Giornate di lavoro che non finiscono mai, riunioni virtuali che si susseguono senza soluzione di continuità, senso di isolamento, stato di affaticamento continuo, difficoltà a separare vita privata e lavorativa, e la dipendenza malsana da pc e smartphone in ogni momento della giornata.
E' la vita dello smart worker in periodo di pandemia.
E la salute mentale, dopo quasi due anni, senza dovuti accorgimenti, è a rischio.

Cinque consigli per coniugare smartworking e benessere

Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Rachael Kent, ricercatrice, autrice, consulente per la salute digitale, docente di Digital e Economy and Society, presso il Dipartimento di Digital Humanities del King's College di Londra.

La nostra vita con il COVID-19 è cambiata: quali sono le principali differenze?

Ciò che è importante ricordare è che stiamo vivendo un processo di trauma nazionale collettivo e un lungo periodo di stress vivendo attraverso 21 mesi (e oltre) di vita e restrizioni COVID-19.
A questo aggiungiamo il sovraccarico di tecnologia e l'affaticamento digitale dovuto al mediare gran parte della nostra vita attraverso lo schermo durante questo periodo, che ha sempre più avuto il suo tributo e ha avuto un impatto dannoso e stressante sulla nostra salute mentale e fisica.

Seguici: 

Le nostre vite sono ora sature di tecnologia digitale per mediare più ambiti della vita, che a sua volta significa meno interazioni faccia a faccia, e questo accelererà i sentimenti di isolamento e distanza.
Siamo esseri sociali e questo ha un impatto davvero drammatico sulla salute mentale in particolare.

In che modo siamo influenzati dalla tecnologia?

Ora così tanti ambiti della vita (comunicazione, socialità, lavoro e tempo libero) sono stati sempre più mediati dagli schermi negli ultimi 2 anni, il che significa che la tecnologia è diventata un'estensione della nostra fisicità nella nostra vita quotidiana.

Nella mia attività di consulenza come specialista in Digital Health per il benessere aziendale, i miei clienti hanno sottolineato le sfide della gestione digitale di più ambiti della vita: dall'interno della casa per socialità, comunicazione, orientamento sanitario, vendita al dettaglio, consegna di cibo (supermercato o da asporto), intrattenimento (musica, Netflix ecc.), impegni personali e professionali.
Tutto ciò offusca sempre più la divisione mentale e fisica tra lavoro e tempo libero in casa.
A sua volta, questo porta a compulsioni tecnologiche, saturazione digitale e incapacità di staccarsi dal mondo "onli?ne".
Abbiamo una grande compulsione a fare "scrolling" perché le app e le piattaforme digitali sono progettate e costruite in modo da mantenerci attivi.
Le infrastrutture tecno-commerciali vogliono la nostra attenzione, e questa è ormai un'economia e una merce.

La vita è stata mediata principalmente dall'interno della casa, il che ha ulteriormente offuscato i confini del tempo libero e del lavoro, del tempo familiare e dello spazio di lavoro.
La società digitale e di sorveglianza in cui viviamo ora ha accelerato l'uso dei dispositivi, il tempo davanti allo schermo e la dipendenza dal capitalismo delle piattaforme per gestire le nostre vite personali e professionali quotidiane.
Quelli di noi che avrebbero potuto utilizzare una manciata di app e piattaforme prima della pandemia ora ne integrano una moltitudine, decine o addirittura centinaia per gestire le nostre vite ogni giorno.
La nostra crescente dipendenza dai monoliti tecnologici e dai loro app store per accedere a tutti questi servizi e prodotti ci pone in uno svantaggio maggiore in termini di responsabilizzazione dei consumatori, quando possiamo accedere a questi strumenti solo tramite due negozi di applicazioni dominanti (Alphabet e Apple Inc.).

la copertina di BusinessCommunity.it

A loro volta, questi giganti diventano sempre più anticoncorrenziali e sempre più onnipresenti nel dominare le nostre pratiche di consumo tecnologico quotidiano, e traggono profitto commerciale dalle nostre abitudini tecnologiche quotidiane ormai normalizzate.

Quali sono i consigli per vivere al meglio, con un focus sui team di lavoro?

Per bilanciare efficacemente questi ruoli è necessario creare divisioni nella mente e nella routine quotidiana.
Stabilire orari chiari della giornata che si assegnano alle attività legate al lavoro, all'amministrazione della vita, all'assistenza all'infanzia e alla famiglia, alla socializzazione e alla cura di sé, consente di avere lo spazio per la priorità e l'attenzione.
Strategie semplici come mettere via la tua tecnologia di lavoro/chiudere la porta del tuo ufficio a casa la sera e nei fine settimana, eliminare le email di lavoro dal tuo telefono e impostare i limiti dei periodi di disintossicazione digitale (nessuna tecnologia digitale accessibile), aiuta a mantenere efficacemente la gestione dello stress, a indurre sfide di convergenza dei ruoli nella vita quotidiana.

Abbiamo imparato molto su ciò che ci nutre e ci rende contenti e felici, da ciò che ci distrae e ha un impatto negativo nella nostra vita quotidiana, in particolare per quanto riguarda gli impatti sulla salute mentale e fisica.
Altri aspetti positivi da trarre dalla mia ricerca includono riflessioni su impegno digitale e social media: sono stati aumentati sentiment di supporto della comunità, maggiore "contatto" in particolare tramite videochiamate e rilevamento di nuovi interessi; si sono estesi al di fuori delle reti familiari dei partecipanti per consentire interazioni sociali con vecchi/nuovi amici e conoscenti.
A loro volta, queste interazioni hanno anche sciolto in modo interessante alcune gerarchie sul posto di lavoro tra i membri dello staff senior e junior, creando ciò che alcuni partecipanti hanno definito una democratizzazione delle dinamiche e degli scambi professionali.

Le sfide si sono concentrate in gran parte sui tentativi di "disintossicazione digitale" e di gestire il crogiolo digitale della vita quasi interamente gestito all'interno della casa.
Destreggiando questi molteplici ambiti, impegni personali e professionali con la tecnologia, abbiamo lottato con l'equilibrio e la divisione dei ruoli sia online che offline.

I migliori consigli per sane abitudini tecnologiche

1 - Il "tempo extra" in isolamento non è reale - Non iscriverti alla cultura "always on" di tecnologia, lavoro e comunicazione digitale.
Accanto al letargo stagionale (giorni più corti, meno luce solare) la risposta al trauma di una pandemia globale ci sta rendendo ansiosi, esausti e demotivati, non dovresti preoccuparti di fare altro che priorizzare la tua salute mentale e fisica in questo momento
2 - Eliminare le email di lavoro dal telefono - Semplice ed efficace: questo crea una divisione tra gli strumenti tecnologici per il tempo libero.

Basta eliminare l'app e tutto funzionerà sul telefono per evitare di lavorare alle 23:00 sul divano.
Prendi una sveglia e vai a letto senza il telefono.
3 - Uscire nella natura (senza il telefono) - Uscire fisicamente e allontanarsi dai nostri dispositivi digitali ci aiuta a spegnere e ripristinare i nostri comportamenti digitali abituali.
Camminare o fare esercizio nella natura ci aiuta a fare una pausa e avere un po' di tregua per elaborare le ansie (correlate alla pandemia), e migliora la salute mentale e fisica.
Non prendere il telefono ti aiuta a smettere di fare scrolling mentre sei fuori (o a controllare WhatsApp/email/Instagram).
Se devi portare con te il telefono per motivi personali o professionali, disattiva i dati per limitare la tentazione di controllare le notifiche.
4 - Prepara il tuo ufficio a casa nei fine settimana - Per coloro che non hanno uno spazio ufficio separato a casa, questo è un grosso problema.

Sì, ci vuole tempo il venerdì sera (o idealmente tutte le sere se non si hanno molti device), ma se gli strumenti di lavoro non sono visibili quando stai cercando di staccare la spina, si crea una divisione mentale tra lavoro e tempo di relax/famiglia.
5 - Prenditi del tempo per staccare davvero dal mondo digitale - Trova il tempo per allontanarti dallo schermo, il tuo telefono non è il tuo compagno, quindi prova a smettere di sollevare il telefono come un'abitudine.
Decidi prima di prendere il telefono per cosa lo stai usando.
(per esempio, per chiamare un amico o idee per cenare).
Se questo è troppo difficile, metterlo in una stanza diversa o fuori portata interrompe lo scrolling e il ciclo della dopamina.
Prova invece a fare qualcosa offline (andare in modalità analogica) come tempo libero dal lavoro, come leggere un libro di carta.

Il worklife balance è diventato complicato: come sarà nel futuro e nella nuova normalità?

Uscire dal lockdown è un processo di risocializzazione e navigazione in una socialità crescente, con meno tempo a mediare le comunicazioni e la vita sociale attraverso lo schermo.

Questo è un processo di riapprendimento delle interazioni faccia a faccia sia a livello personale sia professionale, che è estenuante. Abbiamo bisogno di tempo per adattarci e riprenderci dall'aumento del tempo trascorso fuori dalle nostre case.
Il lockdown ha rimosso la socialità faccia a faccia, che a volte è più faticosa fisicamente e mentalmente.
Ci siamo abituati a farne di meno e vedere meno persone o vedere di più le persone tramite lo schermo, il che è un diverso tipo di interazione.
Rivedere le persone di persona può sembrare strano e meraviglioso, non aspettarti che le cose sembrino completamente facili subito o che i tuoi livelli di energia siano abbastanza alti da fare tutto ciò che potresti desiderare.
Quando pensiamo alla risocializzazione, all'uscita dal lockdown e a come gestiremo le sollecitazioni sulla nostra salute fisica e mentale che ciò potrebbe generare, occorre essere consapevoli e autoriflessivi di questo processo e non esercitarsi pressione per percorrerlo troppo prematuramente.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it