BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

03/11/2021

fare

Plastiche: Italia protagonista per riciclo e bio nei brevetti internazionali

António Campinos (EPO): in Europa si può fare di più per trasferire il know-how dalla ricerca fondamentale all'industria

Nella UE la decisione di implementare la Plastic tax sposa la causa ambientalista, ma purtroppo finisce per penalizzare un settore in grande espansione e che vede l'Italia tra i leader al mondo non solo nella produzione, ma soprattutto a livello di ricerca e sviluppo sia a livello di materiali bio sia nell'implementazione di pratiche di economia circolare. Quindi, nonostante le direttive UE economicamente punitive, si continua a studiare e sperimentare.
Gli sforzi per rendere più sostenibile l'utilizzo e di questo materiale sono peraltro evidenti in Europa e negli Stati Uniti, che stanno guidando l'innovazione nel riciclo della plastica e nella creazione di plastiche alternative.

Plastiche: Italia protagonista per riciclo e bio nei brevetti internazionali

Queste sono due grandi aree di progresso tecnologico nella riduzione dei rifiuti di plastica, come mostra il più recente studio pubblicato dall'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO).
Tra il 2010 e il 2019, l'Europa e gli Stati Uniti hanno rappresentato ciascuno circa il 30% (o il 60% insieme) dell'attività brevettuale in tutto il mondo in questi settori.
Le aziende e gli istituti di ricerca italiani sono tra i principali portatori di innovazione in entrambe queste tecnologie chiave.
In Europa, la Germania ha registrato la quota più elevata di attività brevettuale sia nel riciclo della plastica sia nelle tecnologie delle bioplastiche (8% del totale globale), mentre Francia, Regno Unito, Italia, Paesi Bassi e Belgio si distinguono per la loro maggiore specializzazione in questi campi.
Il rapporto (dal titolo "Brevetti per la plastica di domani: tendenze nell'innovazione globale nel riciclo, nel design circolare e nelle fonti alternative") mostra che tra il 2010 e il 2019 l'Italia ha contribuito con il 9% di tutte le famiglie di brevetti internazionali (IPFs) depositate da aziende e inventori con sede nella UE in entrambe le tecnologie di riciclo della plastica (quarta posizione in Europa) e bioplastiche (terza posizione in Europa).

Gli IPFs rappresentano invenzioni di alto valore per le quali sono state depositate domande di brevetto presso due o più uffici brevetti in tutto il mondo.
L'Italia mostra inoltre un elevato grado di specializzazione sia nel riciclo della plastica sia nelle bioplastiche.
Lo dimostra il fatto che, rispetto al numero complessivo di domande di brevetto italiane, le aziende e gli enti di ricerca italiani hanno depositato più brevetti in questi due settori rispetto alle controparti di molti altri Paesi.

Plastiche: Italia protagonista per riciclo e bio nei brevetti internazionali

Più precisamente, proprio nell'ambito del riciclo della plastica, l'Italia può vantare il secondo più alto grado di specializzazione rispetto gli altri Paesi della UE nel recupero dei rifiuti e nel riciclo meccanico.
I principali richiedenti brevetti con sede in Italia sul riciclo della plastica sono Eni, Lyondell-Basell, Fater SpA, Previero, Università di Bologna e Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).
Leader nelle bioplastiche sono invece Pirelli, Novamont, Eni e Fidia Farmaceutici
.
"Se da un lato la plastica è essenziale per l'economia, l'inquinamento da questo materiale sta minacciando gli ecosistemi di tutto il pianeta", ha affermato il presidente dell'EPO António Campinos.
"La buona notizia è che l'innovazione può aiutarci ad affrontare questa sfida consentendo il passaggio ad un modello completamente circolare.

Seguici: 

Questo studio offre informazioni chiave su una gamma di nuove e promettenti tecnologie che promuovono il riutilizzo, il riciclo e la biodegradabilità dei prodotti in plastica.
Detto studio mette in evidenza il contributo dell'Europa all'innovazione in questo settore, e mostra che c'è margine di miglioramento per trasformare la pionieristica ricerca europea in invenzioni e portarle sul mercato
".

Le industrie della sanità, dei cosmetici e dei detersivi guidano l'innovazione delle bioplastiche

Nell'area delle invenzioni riguardanti le bioplastiche, lo studio rileva che è del settore sanitario l'attività di gran lunga più brevettata sul totale (più di 19.000 IPFs nel periodo 2010-2019) nonostante rappresenti meno del 3% della domanda totale di plastica in Europa.
Tuttavia, il settore dei cosmetici e dei detergenti è quello che ha la quota maggiore della sua attività brevettuale nelle bioplastiche, con un rapporto tra IPFs di bioplastiche e IPFs di plastica convenzionale di 1 a 3, rispetto al rapporto di 1 a 5 del settore sanitario.

Anche i settori dell'imballaggio, dell'elettronica e dei tessuti contribuiscono in modo significativo all'innovazione nelle bioplastiche.

I metodi chimici e biologici guidano l'innovazione nel riciclo

Lo studio mostra inoltre che, di tutte le tecnologie di riciclo, i metodi di riciclo chimico e biologico hanno generato il più alto livello di attività brevettuale nel periodo preso in esame.
Questi metodi hanno rappresentato 9000 IPFs nel periodo 2010-2019, il doppio delle domande di brevetto relative al riciclo meccanico, che è attualmente la soluzione più comunemente utilizzata per trasformare i rifiuti di plastica in nuovi prodotti.

Commercializzare la ricerca universitaria? Il potenziale (ancora) non sfruttato

Il rapporto rileva inoltre che, nei campi del riciclo chimico e biologico, la ricerca fondamentale svolge un ruolo molto più significativo rispetto ad altre tecnologie di riciclo della plastica, con quasi il 20% delle invenzioni provenienti da Università e organizzazioni pubbliche di ricerca (si veda Ricerca fondamentale nelle tecnologie di riciclaggio, 2010-19).

In termini di posizione geografica delle Università e degli organismi pubblici di ricerca, l'Europa e gli Stati Uniti hanno un chiaro vantaggio, ciascuno con il 29% di tali IPFs provenienti da istituti di ricerca.
Nel frattempo, le startup e le scaleup statunitensi hanno generato quattro volte più IPFs nel riciclaggio chimico e biologico rispetto alle loro controparti europee (338 v.
Ciò suggerisce che l'Europa, pur essendo particolarmente attiva nella ricerca fondamentale, non sta sfruttando appieno il suo potenziale quando si tratta di trasferire queste tecnologie all'industria.

Rapido aumento dell'innovazione nelle materie plastiche più facili da riciclare

Guardando al futuro, lo studio mostra che l'area delle plastiche alternative, che consentono un riciclo più facile, è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, con un tasso di crescita medio annuo del 10% a partire dal 2010.

la copertina di BusinessCommunity.it

Queste tecnologie hanno potenziali applicazioni nel settore aerospaziale, delle costruzioni, dei trasporti, delle turbine eoliche e della microelettronica.
La rapida crescita dei brevetti in questi campi è quasi interamente guidata dall'innovazione in una plastica alternativa chiamata legame covalente dinamico, un metodo che consente nuovi progetti di materiali plastici durevoli in grado di auto-ripararsi.
Anche se il Giappone ha un forte vantaggio in questo campo, la maggior parte delle invenzioni provenienti da Università e organizzazioni di ricerca pubbliche nel settore provengono da istituti di ricerca europei e statunitensi.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it