BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

06/10/2021

economia

Elezioni in Germania, Cina e il rialzo dell'energia potrebbero chiudere il rally

Ipek Ozkardeskaya (Swissquote): Berlino affronterà un periodo di incertezza e per Pechino non c'è solo il problema Evergrande, con ripercussioni sulla crescita globale

La maggior parte delle cattive notizie arriva dalla Cina in questi giorni.
La crisi del debito di Evergrande, la repressione energetica cinese sugli obiettivi mancati e il divieto delle criptovalute hanno fatto tremare i mercati, insieme alla posizione politica più aggressiva della Federal Reserve (Fed) la scorsa settimana, e non solo sul fronte della riduzione del QE, ma anche per quanto riguarda il rialzo dei tassi.

Elezioni in Germania, Cina e il rialzo dell'energia potrebbero chiudere il rally

La settimana è iniziata con un sentiment piuttosto contrastato in Asia.
Le azioni australiane sono state per lo più positive, l'Hang Seng ha ottenuto alcuni piccoli guadagni nonostante il mal di testa di Evergrande, mentre il Composite di Shanghai è sceso dell'1,30%, a suggerimento che il mercato cinese sia da evitare anche questa settimana.
In primo luogo, anche se un eventuale fallimento di Evergrande non sarebbe in grado di scatenare una crisi sistemica, significherebbe comunque che le aziende cinesi avranno più difficoltà a ottenere nuovo credito.
E poiché la crescita del credito è stata uno dei principali pilastri della crescita cinese nell'ultimo decennio (e la crescita cinese alimenta la crescita globale), si capisce perché questa situazione possa diventare anche una grande preoccupazione per la crescita globale.
Secondariamente, anche un altro importante pilastro della crescita cinese, l'energia, è in crisi con titoli che indicano che metà delle regioni della Cina ha mancato i propri obiettivi di consumo energetico, il che ora si traduce nell'ordine alle fabbriche di frenare la produzione o addirittura di chiudere per raggiungere gli obiettivi verdi di Pechino.

Questa è una buona notizia per il pianeta, ma una cattiva notizia per l'attività economica cinese, ovviamente.

I prezzi dell'energia sono in aumento

I futures sul gas naturale rimbalzano rapidamente dal calo della scorsa settimana e dovrebbero continuare a salire con l'avvicinarsi dell'inverno.
Il greggio statunitense è stato scambiato al di sopra dei 75 dollari al barile in Asia per la prima volta da luglio.
Il rally sta guadagnando slancio e potremmo vedere i rialzisti tentare un tentativo sugli 80 dollari al barile nelle prossime settimane, ma il rapido aumento dei prezzi del petrolio significa anche un'ulteriore pressione sull'inflazione, e un'ulteriore pressione sull'inflazione significa politiche più restrittive della banca centrale e minor sostegno all'attività economica, che in cambio significherebbe una domanda più lenta.

Seguici: 

Pertanto, riteniamo che il rally in atto possa contare su di un rialzo limitato.

Azioni

Nonostante le notizie scoraggianti in circolazione, i futures statunitensi ed europei sono stati scambiati principalmente in territorio positivo sulla base di un ulteriore consolidamento delle azioni statunitensi all'inizio della settimana, in particolare con i titoli energetici che dovrebbero mentenere le posizioni di testa.
Inoltre, i prezzi stabili dell'energia e la sterlina a buon mercato dovrebbero aiutare il FTSE 100 a consolidarsi al di sopra della soglia di 7000p.

Elezioni tedesche: abbiamo davanti un periodo di incertezza

Come previsto dagli ultimi risultati dei sondaggi, il partito tedesco SPD è in vantaggio rispetto ai democristiani uscenti di Angela Merkel.
E i Verdi sono arrivati terzi.

Ora una coalizione guidata dall'SPD in Germania rappresenta un fattore ribassista per il DAX poiché il partito di centrosinistra è favorevole all'aumento dei salari minimi, all'aumento delle tasse e al sostegno del lavoro a spese del capitale, il tipo di cambiamenti che pesano sugli utili delle società e sui prezzi delle loro azioni.
Ma ovviamente, ciò che si potrà fare dipenderà anche dai partner della coalizione e i cambiamenti non avverranno dall'oggi al domani.
Ora non c'è particolare stress sui futures DAX, che probabilmente continueranno a recuperare le perdite della scorsa settimana.
Ma è bene tenere presente che l'atteggiamento meno accomodante nella politica della BCE a causa dell'aumento dell'inflazione e del nuovo governo tedesco potrebbe rallentare il rally del DAX rispetto a quello che sarebbe stato altrimenti.

Abbiamo ancora un paio di settimane e mesi di incertezza che potrebbero intaccare l'appetito verso i titoli tedeschi, ma il DAX probabilmente non scenderà da solo, in quanto la tendenza generale dipenderà dal sentimento generale del mercato.

La Cina vieta di nuovo le criptovalute

Tornando alle notizie cinesi, le criptovalute sono state nuovamente colpite dalle regole di repressione cinesi.
Tutte le transazioni crittografiche e le attività di mining sono ora vietate in Cina.
Nonostante le attività legate alle criptovalute fossero già vietate in Cina, continuavano ad essere svolte perché i cinesi continentali trovavano sempre il modo di aggirare i regolamenti.
Ma questa volta, sembra che la scappatoia che ha permesso ai cittadini di scambiare criptovalute sia stata chiusa e l'impatto è reale.
Gli exchange di criptovalute come Binance non accettano più nuovi account dalla Cina continentale e chiuderanno gradualmente i conti cinesi, poiché nessuno vuole correre il rischio di avere il governo di Pechino alle spalle.

la copertina di BusinessCommunity.it

L'impatto delle ultime notizie cinesi sul prezzo di Bitcoin è stato significativo ma non drammatico poiché il supporto di $ 40K ha tenuto bene durante il calo istintivo e durante il fine settimana.
Ma il prezzo del Bitcoin è ancora nella zona di consolidamento ribassista e dovrebbe superare la soglia dei 44/45 mila dollari per tornare al trend positivo, altrimenti potremmo vedere il prezzo di una moneta continuare ad oscillare tra i 40 e i 45 mila senza eccessivo entusiasmo per i trader.
Ipek Ozkardeskaya, Senior Analyst presso Swissquote



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2022 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it