BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager
BusinessCommunity.it

15/09/2021

idee

Climate change: le grandi sfide per le compagnie petrolifere

 

Darren Peers (Capital Group): in molte parti della filiera energetica l'energia pulita è più costosa. Per l'economia globale nel suo complesso è un vero e proprio motivo di tensione


Dopo essere sopravvissute al rovinoso crollo dei prezzi del petrolio nel 2020, oggi le maggiori compagnie petrolifere sono sottoposte a forti pressioni in merito al contributo che intendono fornire agli obiettivi di azzeramento delle emissioni nette entro il 2050.
Negli ultimi mesi, un gruppo di azionisti attivisti guidato dall'hedge fund Engine No.
1
ha eletto tre nuovi membri al CdA di Exxon Mobil.
La Royal Dutch Shell è stata obbligata da una sentenza di un tribunale olandese a ridurre le emissioni nette di carbonio del 45% entro il 2030.
E gli azionisti di Chevron hanno votato a favore di un taglio delle emissioni totali di gas serra della società.

Climate change: le grandi sfide per le compagnie petrolifere

(Ricordiamo che l'espressione "emissioni nette zero" si riferisce al bilancio tra la quantità di gas serra prodotto e la quantità di gas serra eliminato dall'atmosfera.)
Ovviamente, la società occidentale sta spingendo per una riduzione delle emissioni.
Detto questo, il percorso verso la riduzione delle emissioni di carbonio rimane in certa misura opaco e provvisorio, la società avrà ancora bisogno di idrocarburi per i trasporti, l'energia, le sostanze chimiche, la plastica e i lubrificanti.
In questo momento, a livello mondiale c'è una tensione incredibile, soprattutto nelle società occidentali.
Vogliamo un'energia a prezzi accessibili e al contempo pulita.
A volte non è necessario scegliere: l'eolico onshore e il solare, per esempio, sono fonti di energia sia accessibili, sia pulite.

Seguici: 

Tuttavia, in molte altre parti della filiera energetica, l'energia pulita è più costosa.
E, all'aumentare dei costi, aumentano anche le sfide.
Questo è forse meno vero per le regioni relativamente ricche, ma per l'economia globale nel suo complesso è un vero e proprio motivo di tensione.
Tutte queste società stanno cercando, chi più, chi meno, di raggiungere un equilibrio accettabile.
Ci sono i colossi europei che si trovano nell'occhio del ciclone e hanno sviluppato importanti programmi per tentare una decarbonizzazione di concerto con la società.

Le principali compagnie petrolifere statunitensi, invece, sono state meno proattive.
Io sarei fortemente favorevole a una carbon tax che definisca un prezzo sul carbonio.
Ritengo che questa misura contribuirebbe ad appianare il terreno di gioco.
Ad oggi stiamo assistendo a un caleidoscopio di sussidi e regolamentazioni, con diverse gamme di rischi.
BP, per esempio, sta puntando fortemente sulle risorse rinnovabili, aprendo alla possibilità di rendimenti insoddisfacenti su questi investimenti.
Chevron ed Exxon Mobil, dal canto loro, si sono mostrate meno disposte a una transizione verso aree delle energie alternative finora poco redditizie, ma così facendo potrebbero correre il rischio che il loro approccio venga considerato inaccettabile dalla società.
E, se la sentenza emessa nei confronti di Shell insegna qualcosa, è possibile prevedere che le compagnie saranno indotte ad adottare misure di riduzione delle emissioni facendo leva sulle leggi e sulle politiche vigenti.

Questo significa che dovranno ridurre la loro impronta di carbonio (sia in termini di emissioni che di intensità di carbonio) a un ritmo più sostenuto.
Da diversi anni osserviamo che i colossi del petrolio investono in misura minore nelle loro attività tradizionali e che molti di essi sono sottoposti a pressioni verso un disinvestimento di determinate attività di combustibili fossili.
Una possibile implicazione potrebbe essere che alcuni asset petroliferi tradizionali passeranno da società petrolifere quotate in borsa a produttori meno attenti agli aspetti ambientali e sottoposti a minori verifiche delle emissioni.
Sebbene le società perseguano, a livello individuale, gli obiettivi di azzeramento delle emissioni nette, il bilancio delle emissioni globale potrebbe rimanere invariato. I minori investimenti nelle attività del petrolio potrebbero determinare una flessione dell'offerta proprio quando la domanda mondiale sta registrando una ripresa.

la copertina di BusinessCommunity.it

Questo, a sua volta, potrebbe portare a un aumento dei prezzi del petrolio e le grandi compagnie petrolifere potrebbero trovarsi di fronte a un dilemma interessante: se i prezzi del petrolio rimarranno elevati, saranno ancora disposte a sacrificare investimenti in quell'attività per portare avanti la transizione verso le energie rinnovabili? Al momento non c'è una risposta chiara.
Per le compagnie petrolifere, il dilemma è come realizzare una decarbonizzazione che sia anche economicamente redditizia - e anche a quale velocità farlo, e in che misura.
Per ora è troppo presto per sapere quale di queste compagnie riuscirà eventualmente ad espandere le proprie attività a basse emissioni di carbonio con parametri economici redditizi.
Non abbiamo ancora ben chiaro quanto rapidamente stia avvenendo la nostra transizione collettiva verso un'economia a ridotta impronta di carbonio.

È probabile che, ancora per diversi anni, la domanda di petrolio e gas continuerà a crescere, per poi stabilizzarsi e iniziare molto lentamente a diminuire.
Questo possibile sviluppo è dovuto ai rapporti economici attuali: gli idrocarburi sono ancora il modo più conveniente di alimentare le società e la crescita delle loro economie.
Questo non sarebbe uno scenario dirompente per le grandi compagnie petrolifere, se non per il fatto che continueranno ad essere considerate il problema, e non la soluzione.
Un'altra possibilità è che vengano sviluppate altre tecnologie per la riduzione del carbonio e che le tecnologie esistenti diventino economicamente più accessibili prima del previsto e/o che varie regioni siano disposte a imporre un prezzo del carbonio più elevato.
Una maggiore spinta a muoversi verso la parte discendente della curva economica dei costi aiuterebbe le organizzazioni e le società a compiere il salto.

Ad oggi non siamo dove dovremmo essere.
Tuttavia, c'è sempre più consapevolezza che è necessario fare di più.
La politica dei governi potrebbe anche influenzare la velocità del cambiamento nelle compagnie petrolifere e alterare i modelli di consumo, attraverso requisiti di cattura del carbonio o incentivi finanziari per i consumatori, che potrebbero promuovere il passaggio alle energie alternative.
Per esempio, il pacchetto climatico "Fit for 55" proposto dall'Unione Europea prevede l'imposizione di un prezzo sulle emissioni causate dalle spedizioni e dai trasporti aerei, e il divieto di vendita di nuove automobili con motore a combustione interna entro il 2035.
Le compagnie petrolifere hanno diverse potenziali aree su cui concentrarsi nell'ambito delle energie alternative.
Per esempio, la catena di valore delle energie rinnovabili ha una struttura simile a quella del settore energetico.

Tuttavia, gli asset sono diversi: potrebbe trattarsi della produzione di energia (ad es.
costruzione di parchi eolici offshore), del trasporto di una particolare forma di energia alternativa come l'idrogeno (ad es.
costruzione di condutture) o della distribuzione finale ai clienti (per es.
stazioni di ricarica per veicoli elettrici).
Mentre le grandi compagnie petrolifere europee hanno puntato sull'eolico e il solare, le controparti di Chevron ed Exxon Mobil dispongono di tecnologie di cattura del carbonio che possono sfruttare a loro favore.
L'idrogeno e i biocarburanti offrono un'ulteriore gamma di potenziali opportunità.
Infine, se il mondo dovrà raggiungere l'obiettivo di azzeramento delle emissioni nette di carbonio entro il 2050, saranno necessari investimenti massicci nelle fonti di energie alternative.
Questa potrebbe essere un'enorme opportunità per le grandi compagnie petrolifere - sempre che riescano a trovare un vantaggio interessante a livello di costo in una di queste aree.

Darren Peers, Analista di investimenti azionari di Capital Group



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it