BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager

28/07/2021

idee

Le imprese europee alla sfida dell'employee experience

 

Edoardo Cesarini (Willis Towers Watson): per avere successo devono iniziare a costruire una coraggiosa strategia di miglioramento collegata alla strategia di business e basata su un modello consolidato

Man mano che le aziende passano a nuove modalità di lavoro, si contano sempre più organizzazioni in Europa occidentale che stanno dando massima priorità al miglioramento dell'employee experience, secondo una nuova survey realizzata da Willis Towers Watson.
Tuttavia, sebbene i datori di lavoro riconoscano che ci vorrà tempo per adattarsi alla nuova realtà e che questo richiederà un modello di lavoro ibrido, molti non sono pronti ad affrontarne le sfide.

Le imprese europee alla sfida dell'employee experience

Quasi tutte le aziende (91% del totale) hanno dichiarato che migliorare l'employee experience sarà un'importante priorità nel corso dei prossimi tre anni, un forte incremento rispetto al 40% del periodo pre-pandemia.
Le motivazioni sono molte: la maggior parte dei partecipanti crede che un'employee experience positiva sia un fattore chiave per il benessere dei dipendenti (81%), l'engagement (74%), la produttività (68%) e l'attraction e retention dei talenti in azienda (67%).

Ci vorrà tempo per adattarsi pienamente alla realtà post-pandemia

Secondo la ricerca, solo il 9% ritiene che la pandemia abbia sufficientemente rallentato per poter porre fine alle politiche e ai programmi temporaneamente messi in atto per l'emergenza sanitaria.
Il resto dei partecipanti ha indicato che sarà pronto a farlo durante la seconda metà di quest'anno (42%), oppure nel 2022 e negli anni a venire (49%).

Seguici: 

Inoltre, mentre i datori di lavoro si aspettano che la proporzione dei dipendenti che lavorano principalmente da remoto scenda dall'attuale 51% al 21% nel corso dei prossimi tre anni, prevedono che un dipendente su tre (34%) lavorerà in modalità ibrida in ufficio e da remoto, raddoppiando l'attuale proporzione (17%).
"Che sia a causa di iniziative da parte del datore di lavoro, quali riduzioni dello stipendio e licenziamenti, o a causa del lavoro virtuale e di difficoltà personali per alcuni dipendenti, la pandemia ha messo in evidenza delle carenze di molte aziende", ha commentato Edoardo Cesarini, Amministratore Delegato di Willis Towers Watson Italia, che ha aggiunto: "migliorare l'employee experience è quindi diventato un imperativo per le aziende.

Richiederà tempo e porrà delle sfide che molti al momento non sono pronti ad affrontare".
Infatti, quasi nove aziende su dieci (87%) riconoscono che la nuova realtà del mercato del lavoro richiederà un modello ibrido per diversi ruoli lavorativi.
Tuttavia, molte non sono pronte a realizzare ciò.
Solo quattro su dieci partecipanti nell'Europa occidentale (42%) stanno programmando di adattare i percorsi di carriera in risposta ai cambiamenti della modalità in cui il lavoro viene svolto e una percentuale simile (39%) sta ridefinendo i pacchetti di Total Rewards al fine di tener conto di differenti profili professionali.
Oltre la metà delle aziende (57%) dichiara flessibilità riguardo a dove e quando il lavoro viene svolto.
L'uso della digitalizzazione per trasformare l'employee experience in modo radicale sarà fondamentale nel corso dei prossimi tre anni secondo una ampia quota di partecipanti (75%).

E gli ambiti in cui le aziende hanno dichiarato di essere interessate a migliorare l'employee experience, migliorando l'offerta o modificando alcuni elementi dei loro programmi per venire incontro ai bisogni dei loro dipendenti, includono: learning & development (63%); formazione manageriale (61%); inclusion & diversity (61%) e organizzazione flessibile del lavoro (59%).
Secondo Cesarini, "nel guardare al futuro dell'era post-pandemia, sarà critica la capacità delle imprese di porre attenzione all'employee experience.
Per avere successo, devono iniziare a costruire una coraggiosa strategia di miglioramento collegata alla strategia di business e basata su un modello consolidato.
Inoltre, possono passare alla fase realizzativa - adattando programmi e politiche che tengano conto del lavoro flessibile, lavorando sulla equità retributiva, migliorando l'erogazione dei benefit e i programmi per il benessere, supportando i propri dipendenti in un contesto di lavoro più flessibile e agile, adeguando i programmi di Total Rewards per andare incontro ai bisogni di una forza lavoro sempre più diversificata
".


la copertina di BusinessCommunity.it


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it