BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager

09/06/2021

leisure

I social e il cimitero degli account di cui nessuno si preoccupa nell'economia dell'attenzione - Punto e a capo - @gigibeltrame

 

Molti social hanno tanti iscritti ma gli utenti attivi sono pochi. Però le aziende non lo capiscono


Quante volte sentite pronunciare la frase "quanti follower hai"?
Il concetto di micro-influencer è diventato sempre più interessante per molte aziende, soprattutto piccole, che vogliono comunicare.
Il problema non è che manchino gli strumenti o le occasione, ma piuttosto latita la capacità di comprendere chi sono i follower di un determinato account, quindi il target.
Niente di nuovo sotto il sole, nel senso che è sempre stato difficile comprendere chi è il lettore di un quotidiano o il telespettatore di un determinato canale.

I social e il cimitero degli account di cui nessuno si preoccupa nell'economia dell'attenzione - Punto e a capo - @gigibeltrame

Il problema vero è che molti si affidano al numero di follower, soprattutto su Instagram.
Il numero di follower non è un dato significativo, perché se tutto va bene, ma davvero tutto bene, al massimo solo un 10-15% dei follower di un profilo vedrà un messaggio perché la piattaforma è selettiva.
A questa percentuale dobbiamo aggiungere il numero impressionante di account dormienti tra i follower, perché questo è un fenomeno per niente trascurabile.
Anzi, il numero di account dormienti è incredibilmente alto, soprattutto in considerazione che un utente può avere più account collegati e quindi il numero si disperde.
Per questo motivo, quando qualcuno mi chiede cosa conviene fare, è unire a una campagna di comunicazione fatta con influencer e micro-influencer anche una campagna pubblicitaria sulla piattaforma.

Da un lato, si otterranno contatti organici, dall'altra si ottengono contatti che arrivano dalla pubblicità, ma sono del tutto simili.
A quel punto, bisogna essere bravi a gestire quei contatti, coinvolgerli e catturare la loro attenzione.
Siamo proprio nel campo dell'economia dell'attenzione, riuscire a "rubare" qualche secondo alle persone che potrebbero essere interessati a voi, ai vostri prodotti e ai vostri servizi.
Siccome parliamo di attenzione, che ve ne fate di follower che non partecipano e che sono dormienti?

Seguici: 

Niente: è un numero, ma non ha un valore reale.
Anzi, i follower possono essere facilmente acquistati, ma se poi non sono attivi a cosa servono?
Meglio pochi follower ma che vi seguono, interagiscono con voi e vi permettono di costruire una comunità rispetto a tanti che non solo non partecipano, ma nemmeno vedono i vostri messaggi.
La questione è semplice: se il 15% dei miei follower vede i miei post, avere account disinteressati abbassa la percentuale di persone interessate che potranno vedere quel messaggio, quindi è controproducente.
Eppure, ovunque vi giriate, vedete persone che sfoggiano il numero di follower come se fosse qualcosa di straordinario.
Qualcuno l'ha definita l'economia dell'effimero, io preferisco inserirla nell'economia dello spreco.


la copertina di BusinessCommunity.it

Iscriviti al canale YouTube

Il libro ''Digilosofia: la filosofia del digitale'' le sfide della digital transformation
Guarda l'ultima puntata del #LateTechShow .


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it