24/06/2020

leisure

Abilitare il cambiamento - Punto e a capo

 

La tecnologia abbiamo imparato che serve a molto, ma va usata con criterio

Uno degli aspetti più interessanti di questo 2020 non è aver visto la tecnologia assumere un ruolo centrale nell'economia, ma come si confonda la tecnologia con la soluzione di tutti i problemi.
Dal punto di vista filosofico, osservare quanto la tecnologia e il digitale siano entrati nei pensieri di tutti, sia per il tempo libero sia per quello lavorativo, potrebbe trarre in inganno.
Mi spiego.
Il digitale è pervasivo, ma non lo è dall'inizio della pandemia, lo era già, solo che ci si accorgeva molto meno di quanto accada oggi la dipendenza dal digitale per tantissime attività.

Abilitare il cambiamento - Punto e a capo

Il digitale è diventato un elemento primario, come l'energia, una spina dorsale su cui si appoggia il business.
Fino a qualche anno fa, tolta la corrente elettrica difficilmente un'attività riusciva a proseguire, ora accade lo stesso con la connessione. Ma accadeva già qualche anno fa, ma non si era sviluppata la percezione. Potrei fare centinaia di esempi, dal supermercato che senza internet non riesce a fare scontrini fino alla centrale elettrica che passa alle operazioni minimali.
Il cambiamento era in atto, il telelavoro era già possibile, ma solo la pandemia ha fatto aprire gli occhi a tutti, anche a coloro che la tecnologia l'hanno sempre osteggiata.
Il rischio di credere che la sola tecnologia possa essere la panacea di tutti i mali è un errore enorme che stiamo correndo.
La tecnologia è un mezzo, uno strumento, che bisogna conoscere e sfruttare.

Serve un'idea e una strategia, non basta riempirsi la bocca di termini e i server di dati.
Anche perché, se non si comprendono i meccanismi del cambiamento, il rischio di commettere errori è enorme, soprattutto con il digitale, perché introducendo dati sbagliati, anche se le soluzioni sono giuste, si ottengono risultati sbagliati.
Per gli imprenditori e manager oggi è l'ora di essere gli abilitatori del cambiamento, ma con cognizione di causa, che significa innanzitutto con cognizione di business, poi della tecnologia. Ma poi, non prima.
@gigibeltrame su LinkedIn e su Twitter 
Podcast su SpotifyiTunes e GooglePodcast

Seguici: 

Il libro ''Digilosofia: la filosofia del digitale'' le sfide della digital transformation
Guarda l'ultima puntata del #LateTechShow .


Iscriviti al canale YouTube

Il libro ''Digilosofia: la filosofia del digitale'' le sfide della digital transformation
Guarda l'ultima puntata del #LateTechShow .


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Sommario di questo numero
Copertina BusinessCommunity.it