BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager

04/09/2019

fare

Trade war: a rischio scambi commerciali per circa 1.500 miliardi di dollari

 

Tesch (Atradius): inversione di tendenza nell'andamento delle insolvenze a livello mondiale. Il 2019 sarà il primo anno in cui si registreranno aumenti, dopo la decrescita post crisi

Una possibile escalation globale della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe costare al commercio mondiale, da qui alla fine del 2020, circa 1.500 miliardi di dollari per mancati scambi commerciali. La cifra corrisponde all'azzeramento del valore dell'export dell'Italia per circa tre anni.
Dopo un decennio di costanti miglioramenti, il clima di incertezza che caratterizza il commercio mondiale potrebbe far aumentare i livelli d'insolvenza a livello mondiale oltre il 2% già ipotizzato. A trainare quest'impennata a livello aggregato sarà quasi esclusivamente l'Europa occidentale (+2%).

Trade war: a rischio scambi commerciali per circa 1.500 miliardi di dollari

Si ridisegnano al contempo le direttrici export dei principali partner commerciali del gigante orientale, vale a dire Giappone, Taiwan, Vietnam e Sud Corea, che hanno già visto un significativo decremento dell'export verso la Cina, in alcuni casi a livelli pari al 20% dell'export verso il mercato cinese. E' il caso del Vietnam che ha registrato un incremento delle proprie esportazioni verso gli Stati Uniti, aiutato dal costo del lavoro competitivo e dai settori orientati all'export, in particolare il tessile.
"Le politiche rimangono ancora incerte e le relazioni commerciali restano tese, di conseguenza le insolvenze sono in rialzo. Le nostre previsioni - commenta Andreas Tesch, Chief Market Officer di Atradius - mostrano un rallentamento della crescita del commercio mondiale quest'anno con una leggera ripresa nel 2020, ma con aumento dei fallimenti aziendali del 2% nel corso del 2019".

Seguici: 

"In questo contesto difficile per il commercio mondiale, il principale rischio per le imprese è che diventino più vulnerabili, soprattutto nell'indebitamento finanziario. Per questo motivo - aggiunge Massimo Mancini, Country Manager Italia di Atradius - è importante che le aziende fornitrici diano una valutazione accurata della solvibilità dei loro clienti, soprattutto di quelli all'esportazione. Ciò avvalendosi delle informazioni creditizie più aggiornate, per evitare che gravi problemi di cassa possano danneggiare la loro attività. Le informazioni, e le valutazioni previsionali della solvibilità della clientela rappresentano il valore aggiunto della assicurazione dei crediti commerciali, che costituisce oggi lo strumento più efficace a difesa del credito di fornitura".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it