BusinessCommunity.it settimanale per imprenditori e manager

10/12/2014

fare

Nasce Piattaforma PMI, la risposta alle difficolta' del credito

 

Banchetti (Eidos Partners): Lo strumento vuole essere un punto di riferimento per aiutare le imprese italiane a superare il credit crunch e reperire nuova finanza per crescere, facendo ricorso a strumenti innovativi quali minibond, finanziamenti europei ecc.

E' online Piattaforma PMI ( www.piattaformapmi.it ), il portale dedicato alla piccola media impresa italiana, nato su iniziativa di Eidos Partners, società indipendente di consulenza finanziaria, e realizzato con il supporto tecnico di Officine CST, gruppo specializzato nella gestione del credito.
Piattaforma PMI è stata sviluppata con l'obiettivo di fornire alle piccole e medie imprese italiane uno strumento semplice ed immediato per promuovere la loro visibilità e facilitare l'accesso a forme alternative di finanziamento quali minibond, finanziamenti europei, fondi strutturali e cessione dei crediti certificati.

Nasce Piattaforma PMI, la risposta alle difficolta' del credito

Il ricorso a questi strumenti alternativi al canale bancario si rende infatti sempre più necessario per garantire la sopravvivenza della piccola media impresa italiana, data la graduale diminuzione dello stock dei prestiti alle imprese da parte delle banche negli ultimi anni.
Le imprese italiane dipendono ancora fortemente dal canale bancario e lo dimostrano i dati diffusi ad ottobre da Banca d'Italia: all'inizio del 2014 i prestiti delle banche coprivano infatti il 40% delle passività finanziarie totali (debiti finanziari e patrimonio) contro il 23% in Francia, il 30% in Regno Unito e il 15% negli USA.
Le imprese che si registrano su Piattaforma PMI possono accedere gratuitamente ad una serie di informazioni su finanziamenti europei, fondi strutturali, crediti certificati e minibond, per i quali in particolare hanno la possibilità di verificare la propria idoneità all'emissione. Una delle finalità della Piattaforma è proprio quella di fornire all'azienda un giudizio preliminare sulla possibilità di emettere con successo un minibond.

Nasce Piattaforma PMI, la risposta alle difficolta' del credito

Un mercato quello dei minibond che in Italia fatica a decollare, come dimostrato da molti osservatori: sono molte le PMI idonee a diventare emittenti di un minibond che ancora non hanno fatto ricorso a questa innovativa forma di finanziamento, circa 3.000 società come evidenziato da una recente ricerca condotta da Eidos Partners in collaborazione con Bureau Van Dijk, società internazionale di company information e business intelligence.
Secondo i dati raccolti emerge che, dall'introduzione del Decreto Sviluppo nel 2013, sono poche le aziende (PMI) che hanno fatto ricorso all'emissione di un minibond, confermando la difficoltà delle piccole imprese ad avvicinarsi a questo strumento finanziario.

Seguici: 

Meno del 25% delle società che hanno emesso un minibond registra ricavi a livello consolidato inferiori a €10 milioni, il 60% di queste ha un Ebitda Margin maggiore del 10%. Le società che al contrario hanno una marginalità inferiore al 5% presentano una cedola media del minibond più alta del campione di circa il 30%. Il rapporto tra la posizione finanziaria netta ed Ebitda medio delle società emittenti è pari a circa 5 che risulta diventare 3,7 se si escludono alcune società immobiliari particolarmente indebitate. Il 30% delle società emittenti ha infine conseguito nel 2013 oltre il 50% dei ricavi all'estero.
Per favorire il dialogo tra le PMI e il mercato dei capitali, Piattaforma PMI consente all'impresa di usufruire di una serie di servizi premium volti al miglioramento del controllo di gestione quali business plan, servizio di rating, consulenza aziendale finanziaria e legale.

Tutti questi servizi vengono forniti alle imprese dai partner della piattaforma: Crif Rating Agency, Cerved Rating Agency, Bureau van Dijk, Almaiura, Mendelsohn Srl, P&P, Financial Innovations, Mazars, Area Europa, Baker&MaKenzie, De Berti Jacchia Franchini Forlani e LS LexJus Sinacta.
Come servizio di base offerto dalla Piattaforma, l'impresa che finalizza la registrazione inserendo i suoi dati ottiene un sintetico investor report che potrà completare con ulteriori informazioni, quali una breve descrizione della sua attività, la sua storia, il logo e la foto dei prodotti. L'azienda ha inoltre la possibilità di stabilire i criteri di visibilità del proprio profilo nella "vetrina" della piattaforma, scegliendo a chi rendersi visibile tra i soggetti iscritti.
Al fine di agevolare il coinvolgimento e la partecipazione delle imprese a Piattaforma PMI, la registrazione e il relativo inserimento dei dati potrà anche essere affidata alla figura di un "mentor" il quale, delegato direttamente dall'impresa, potrà accreditarsi in Piattaforma PMI come sua figura di riferimento. Il ruolo di "mentor" può essere svolto dai consulenti dell'impresa, quali commercialisti e avvocati, da una Banca o da una Sim di riferimento.

Piattaforma PMI è anche un punto di riferimento per gli investitori qualificati per i quali svolge l'attività di selezione delle aziende iscritte attraverso uno screening automatizzato in grado di individuare interessanti opportunità di investimento. Gli investitori potranno accedere ad una serie di servizi premium per meglio analizzare le PMI quali: business valuation, benchmarking, due diligence fiscale e due diligence legale.
"Piattaforma PMI nasce per rispondere alla necessità di fornire un accesso diretto delle piccole imprese italiane a tutti gli strumenti di finanziamento alternativi al canale bancario, che ancora oggi è la fonte preferita dal 66% delle pmi italiane, come evidenziato da un recente rapporto della Commissione Europea", ha commentato Riccardo Banchetti, partner di Eidos Partners. "La Piattaforma vuole essere un punto di riferimento per aiutare le imprese italiane a superare il credit crunch e reperire nuova finanza per crescere, facendo ricorso a strumenti innovativi quali i minibond. Proprio per sostenere la crescita del mercato dei minibond, riteniamo che sia oggi più che mai importante intraprendere tutte le iniziative possibili per favorire lo sviluppo di operazioni di cartolarizzazione, al fine di facilitare l'aggregazione delle piccole emissioni".

Aziende di piccole e medie dimensioni e investitori qualificati potranno incontrarsi in un luogo virtuale a loro dedicato, favorendo lo sviluppo delle proprie attività e usufruendo di un osservatorio privilegiato sul mercato delle emissioni obbligazionarie. Ogni settimana Piattaforma PMI, in collaborazione con Eidos Partners, pubblicherà infatti un'analisi delle emissioni di bond high yield e minibond in Italia per fornire un aggiornamento sull'andamento dei tassi d'interesse e sulle caratteristiche tecnico-legali di questi strumenti finanziari.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it