BusinessCommunity.it

26/05/2024

economia

Italia, la fiducia nel Paese continua a salire

Osservatorio ANIMA: il 30% degli investitori pensano che l'Italia si trovi in una posizione migliore rispetto a un anno fa

L'opinione degli italiani sulla situazione del paese continua a migliorare, secondo l'edizione primaverile dell'Osservatorio ANIMA 2024. Realizzato in collaborazione con le società di ricerche di mercato Eumetra e Dogma Research, lo studio rileva una crescente fiducia nel paese, sia tra i bancarizzati che tra gli investitori. Il 23% dei bancarizzati e il 30% degli investitori pensano che l'Italia si trovi in una posizione migliore rispetto a un anno fa, in netto miglioramento rispetto all'autunno. Le attese per il futuro sono anch'esse positive, sebbene con una certa prudenza: il 22% dei bancarizzati e il 29% degli investitori si aspettano un miglioramento della situazione nei prossimi 12 mesi. Tuttavia, non mancano note negative. L'inflazione resta una preoccupazione per l'85% dei bancarizzati e l'82% degli investitori.

CRESCE LA PROPENSIONE AL RISPARMIO, CALA L'AVVERSIONE AL RISCHIO


Nonostante l'aumento dei prezzi, le famiglie che riescono ad accantonare parte del reddito sono in aumento. Tra i bancarizzati, il dato passa dal 53% al 57%, mentre tra gli investitori questo dato cresce dal 72% al 77%.

In questo contesto, le scelte in materia di investimenti vedono una crescita della preferenza per i prodotti finanziari, prima opzione per il 55% dei bancarizzati e per il 74% degli investitori. L'avversione al rischio è in calo: la percentuale di chi pensa che non sia un buon momento per investire nei mercati finanziari cala dal 52% al 45%.

SODDISFAZIONE PER I PROPRI INVESTIMENTI, REALISMO SULLE PERFORMANCE ATTESE


Fra gli investitori, cresce la ricerca di rendimenti interessanti, mentre cala la priorità alla protezione del capitale investito. Contemporaneamente, cresce il numero di chi si dichiara soddisfatto dei propri prodotti di investimento. Tuttavia, le aspettative sui rendimenti nei prossimi cinque anni non sono particolarmente ottimistiche: il 24% si aspetta un rendimento nullo o negativo, il 69% un rendimento positivo ma inferiore al 5%, e solo il 7% un rendimento superiore al 5%.

CONSUMI SOSTENIBILI, MA ANCHE ATTENZIONE AI RENDIMENTI


Gli italiani tornano ad assegnare maggiore rilevanza alle decisioni di consumo sostenibili e a basso impatto socio-ambientale.

Tuttavia, esaminando le risposte di chi è posto di fronte alla scelta fra sostenibilità e rendimento finanziario, il numero di chi privilegia l'una o l'altra scelta arrivano quasi ad equivalersi.

Sfiducia in netto calo, gli italiani tornano ad investire


La fiducia degli italiani nel paese continua a crescere, nonostante le preoccupazioni per l'inflazione. In questo contesto, aumenta la propensione al risparmio e cala l'avversione al rischio.

Investimenti, la preferenza per i prodotti finanziari cresce


Cresce la preferenza per i prodotti finanziari tra i bancarizzati e gli investitori, mentre cala l'avversione al rischio.

Soddisfazione in aumento, ma cautela sulle performance attese


Cresce la soddisfazione per i prodotti di investimento, ma le aspettative sui rendimenti non sono particolarmente ottimistiche.

Consumi sostenibili, ma attenzione anche ai rendimenti


Gli italiani tornano ad assegnare maggiore rilevanza alle decisioni di consumo sostenibili e a basso impatto socio-ambientale, ma la scelta tra sostenibilità e rendimento finanziario resta una sfida.




La ricerca di rendimenti interessanti cresce tra gli investitori


La ricerca di rendimenti interessanti cresce tra gli investitori, mentre cala la priorità alla protezione del capitale investito. 
 

 

Homepage

Copyright © 2009-2024 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it