Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di Maggio2013
Fare Business

Digital marketing: fondamentale la collaborazione tra CIO e CMO
Gatti (CIONET): Oggi le aziende per essere competitive devono sempre più considerare il proprio cliente attraverso tutti i suoi punti di interazione, siano questi fisici, online o mobile

Marketing e Information Technology sono oggetto di una profonda trasformazione come conseguenza del forte impatto delle tecnologie digitali che determinano un diverso rapporto tra cliente/consumatore e azienda. Da un lato le sfide del marketing e dall’altro i CIO che sono detentori dei processi, delle policy e della sicurezza dell’informazione: il dialogo diventa necessario e crea valore e vantaggio competitivo per le imprese.
Un confronto su queste importanti tematiche aziendali è avvenuto in occasione della tavola rotonda “CMO EXPERIENCE” moderata da Alfredo Gatti (Managing Director di CIONET Italia), e che ha visto protagonisti sei CMO di importanti aziende multinazionali presenti sul territorio italiano: Luigi Caricato, Group Vice President External Communication, Legrand; Alessandro Colafranceschi, SVP Head Global Online & Mobile Banking, Unicredit; Marco Ehmer, Direttore Marketing, BMW Italia; Maria Cristina Farioli, Direttore Marketing, Communications & Citizenship, IBM Italia; Amy Harp, Digital Global Business Development, illycaffè; Pepe Moder, Director of Digital Media, Pirelli Tyres. Le loro esperienze sono state ascoltate da oltre 50 CIO italiani. Un inizio di una più stretta e proficua collaborazione, dopo periodi di incomprensioni o difficoltà di ridefinimento dei ruoli.
“CIO e CMO stanno andando nella stessa direzione e hanno voglia di collaborare, proprio perché oggi le aziende per essere competitive devono sempre più considerare il proprio cliente attraverso tutti i suoi punti di interazione, siano questi fisici, online o mobile”, ha dichiarato Gatti. “Due ruoli chiave all’interno delle organizzazioni, che sempre più concorrono all’innovazione e allo sviluppo del business e che per farlo condivideranno sempre più obiettivi e progetti, assicurando la velocità necessaria, ognuno nei propri ambiti di competenza. Da una parte la governance del progetto dei CMO e dall’altra le best practice e il dominio delle tecnologie per i CIO. Una evoluzione che porterà ad una riflessione sui propri ruoli alla luce della trasformazione in atto in chiave digital”.
Secondo Enzo Bertolini, CIO di Ferrero Group, “il compito a cui sono chiamati il CMO ed il CIO è quello di ottimizzare e rendere efficaci nel loro complesso driver e vettori di forze che tendono a disporsi in un radar alquanto allargato. Si dovrà portare a sintesi fenomeni che tendono a contrapporre esigenze antitetiche: Locale vs Globale, Sperimentazione vs Efficienza, Contenuto vs Piattaforma, Nicchia vs Fattore di scala, Ampiezza del target vs Intensità del contatto, il tutto in un contesto di esperienze che mutano drammaticamente l’orizzonte temporale in cui maturano o tendono a manifestarsi. Anche il modello comunicativo cambia radicalmente, passando da una comunicazione ufficiale di tipo broadband, dall’azienda al consumatore, ad un modello dove l’esperienza e la voce del singolo si fanno valore di testimonianza e trust nei confronti della comunità dei pari, e dove proprio la capacità di ascolto del dialogo in rete diviene valore per l’azienda”.
Ecco quindi che il digitale si rivela fondamentale, non solo a livello di comunicazione, ma anche a livello di marketing strategico, ampliamento e mantenimento del business. Deve poter supportare al meglio quella che è la sempre più complicata ricerca di innovazione e nuovi clienti/mercati. Uno sforzo che richiede grande collaborazione tra CIO e CMO per arrivare ai risultati richiesti. Perchè il digital è diventato un fattore cruciale per l’attività di ogni azienda, almeno quelle sul mercato globale, che è chiamata a sfruttarlo in ogni suo aspetto e potenzialità. Al punto, che c’è già chi afferma che le aziende devono diventare media company per produrre e guidare i contenuti, poichè, come afferma Pepe Moder, “la relazione è l’elemento fondante che oggi governa le azioni digitali, sia per il cliente retail o wholesale. Per costruire una relazione c’è bisogno del dialogo, che si costruisce attraverso i contenuti. Questo diventa l’asset princiale che permette di costruire attraverso il dialogo la relazione”.




Interviste Video:
Alfredo Gatti (Managing Director di CIONET Italia
Il nuovo ruolo del CIO nel digital marketing

Marco Ehmer, Direttore Marketing, BMW Italia
Perchè bisogna ritornare ai fondamentali del marketing per la strategia digitale


Pepe Moder, Director of Digital Media, Pirelli Tyres
Perchè le aziende devono diventare digital company



Fare Business

numero di Maggio2013
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>