Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   Magazine del 04/03/2020
Leisure

La legge che spinge anche il Pil
Un esame dettagliato delle procedure di allerta, introdotte dal nuovo Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, con attenzione particolare ai profili operativi e agli aspetti critici

Della nuova normativa sulla crisi d'impresa si è scritto molto, e molto si è detto. Alcuni aspetti, a pochi mesi dall'entrata in vigore, destano preoccupazione tra i molti addetti. Eppure, nel suo insieme, parliamo di una disciplina che vorrebbe contribuire all'innalzamento del Pil.
Né è convinto Riccardo Ranalli, dottore commercialista, che nel suo ultimo scritto "Le misure di allerta. Dagli adeguati assetti sino al procedimento avanti all'OCRI", edito da Giuffré Francis Lefebvre, tratteggia le principali novità della normativa.
Premesso che la struttura del testo è quanto mai chiara e di facile consultazione, sebbene tecnica, procedendo con quesiti, risposte e sintesi di estrema chiarezza, l'Autore propone una lettura dinamica della disciplina. Le novità sono inquadrate in un'ottica di sistema, il cui fine, ricordiamolo, è di far emergere quanto prima i segnali incontestabili di una sofferenza finanziaria e, successivamente, definire al meglio come gestire la fase critica.
Se intercettata in tempo, se monitorata nella sua fase di maturazione, la nuova disciplina sulla crisi deve essere vista non solo come pacchetto che tende a salvaguardare ciò che di buono e produttivo resta nell'azienda ma, così facendo, previene il dilagare della piaga dei crediti deteriorati e limitandone l'implosione, salva e rilancia il Pil.
Una legge di sistema, quindi, il cui altro grande merito è di responsabilizzare le diverse professioni che si susseguono al capezzale dell'impresa in crisi. Pensiamo ai professionisti, imprese, banche, creditori pubblici e privati, tutti ora coinvolti a diverso titolo nell'applicazione della disciplina.
Che futuro attendersi quindi? Forse è ancora presto, ma quel che è certo è che lo schema di funzionamento pone al centro il concetto di tempestività di intervento. Un passaggio di mentalità significativo, grazie al quale si misurerà il senso di responsabilità degli imprenditori. Spesso abbiamo letto della difficoltà di immaginare l'imprenditore che fa outing sui propri debiti e conseguenti problemi di tenuta finanziaria della sua azienda. A chi avanza questa critica, possiamo rispondere che, tecnicismi a parte, quella sulla crisi d'impresa è una normativa complessa, che fa giustamente leva sull'orgoglio degli imprenditori e sul loro senso di etica negli affari.

Una bella occasione da non perdere.

Titolo: Le misure di allerta. Dagli adeguati assetti sino al procedimento avanti all'OCRI
Autore: Riccardo Ranalli
Editore: Giuffré Francis Lefebvre
Pagine: XVIII - 284

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Leisure

numero di 04/03/2020
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>