Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 13/02/2019
Fare Business

LinkedIn: Ferrari, RAI e BPER banca in testa alle candidature dei giovani nell'ultimo anno
Secondo la classifica Most Viewed Jobs 2018, vince il Made in Italy. In generale, le nostre grandi aziende risultano quelle preferite dai professionisti

I giovani vogliono puntare in alto, possibilmente alle realtà più importanti del nostro Paese. E perché no, magari arrivare a far parte dei uno dei brand più importanti al mondo. E chi meglio di LinkedIn, la rete professionale più grande del mondo, può rivelare quali siano queste aziende.
Per questo viene compilata la classifica dei dieci annunci di lavoro (Most Viewed Jobs) che hanno ricevuto più candidature da parte degli oltre 12 milioni di utenti in Italia nell'anno 2018. L'ultima ricerca di LinkedIn offre uno chiaro spaccato degli ambiti professionali più ricercati nel nostro Paese e le aspirazioni dei lavoratori. Dalla classifica emerge come i giovani italiani, nella ricerca di un nuovo lavoro, siano oggi particolarmente attratti dai grandi brand nazionali, in grado di offrire in molti casi ambienti di lavoro stimolanti e particolarmente formativi.
Andando ad analizzare la classifica nello specifico, al primo posto troviamo l'offerta di uno dei marchi italiani più famosi e rispettati nel mondo, la Ferrari, che nel 2018 era alla ricerca di un/a giovane ambizioso/a da formare come Ingegnere Meccanico (Mechanical Engineering Internship), job post seguito dalla RAI, che nel periodo a cavallo tra maggio e giugno cercava aspiranti Impiegati e Assistenti ai Programmi, elemento che conferma l'interesse costante degli italiani per il mondo dello spettacolo; in terza posizione un altro annuncio per lavoratori alle prime armi, con BPER Banca alla ricerca di Profili Junior da inserire in organico.
In questo contesto, è importante notare come il banking/finance, settore particolarmente presente nella Top Ten 2017 della ricerca LinkedIn, ha avuto solo un annuncio nella stessa classifica nel 2018; appena un gradino al di sotto del podio ancora la RAI, con la posizione per Internal Audit; a seguire un'altra importante istituzione italiana come le Ferrovie dello Stato, ricercatissima per una posizione di Assistente direttore dei lavori; sempre un/a assistente, ma in questo caso in ambito Risorse Umane (HR Assistant), ricercato/a dalla famosa catena di supermercati italiana Esselunga; anche nel 2018, Gucci torna in classifica con la ricerca di Events Assistant al settimo posto, a dimostrazione di come la moda sia ancora uno degli ambiti di maggiore appeal nel nostro Paese; questa posizione è seguita da un altro annuncio della casa del cavallino rampante (Ferrari), che al ritorno delle vacanze estive era alla ricerca di un/a Retail Marketing Specialist: chiudono la speciale classifica due posizioni per figure professionali più formate, con lo Studio Fuksas alla ricerca di un Architetto e BMW (unico brand non italiano nella Top 10), alla ricerca di un Area Manager.
L'insieme delle prime posizioni aperte in Italia nel 2018 dimostra chiaramente l'interesse dei lavoratori della penisola, soprattutto i più giovani considerando le posizioni "entry level" dei primi 8 posti della classifica, per le grandi aziende del nostro Paese, a dispetto dei trend degli ultimi anni che hanno portato le preferenze verso brand internazionali consolidati. E questa considerazione si consolida ancora di più prendendo in esame tante altre posizioni aperte anche nelle parti più "basse" della classifica (Top 50), con i ricercatissimi job post di altri marchi italiani di rilievo come Intesa Sanpaolo (alla ricerca di un Business Analyst, al 17mo posto), Campari (con il job post per Assistant Brand Manager al 19mo posto), Luxottica (con Creative Team: Editorial Strategist al 24mo posto), Eataly (con Event & Communication Manager al 27mo posto) e Ferrero (con una posizione aperta di Junior Brand Manager al 29mo posto).

"Anche quest'anno, l'analisi dei Most Viewed Jobs in Italia offre diversi e originali spunti di interesse, alcuni dei quali inaspettati, e dimostra la grande varietà di ambiti professionali e formativi presenti su LinkedIn" afferma Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn. "Dopo diversi anni in cui i nostri grandi marchi nazionali sono stati messi in ombra dalle filiali locali di grandi gruppi stranieri, c'è un evidente ritorno al Made in Italy, e una crescente fiducia da parte dei lavoratori italiani, soprattutto i più giovani, verso le opportunità di formazione e crescita offerti dalle nostre realtà di business. Considerando le prime dieci, e poi cinquanta, posizioni della classifica, per ognuno dei settori presenti la piattaforma di LinkedIn offre diverse opportunità per tutti i professionisti che hanno voglia di mettersi alla prova nell'odierno mondo del lavoro".



Fare Business

numero di 13/02/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>