Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 30/01/2019
Fare Business

Solo il 20% delle aziende è sicura della completa compliance alle normative europee
Bitteleri (Commvault): l'80% dei professionisti IT però ritiene che i regolamenti sulla protezione dei dati porteranno benefici alla propria azienda

La messa a norma di molte direttive internazionali, specialmente quelle targate UE, ha comportato per moltissime aziende, dalle più grandi a quelle piccolissime, una serie di adempimenti che hanno messo a dura prova chi se ne è materialmente occupato. É vero che si è dato sicuramente impulso alla digitalizzazione e, in un certo grado, anche alla security, ma anche creato una qualche incertezza sull'esser realmente a norma.
Su queste tematiche, Commvault, azienda che opera nella protezione dei dati e nella gestione delle informazioni, ha reso noti i risultati di una ricerca condotta durante il Data Protection World Forum, svoltosi a novembre 2018 a Londra. L'indagine ha coinvolto esperti e professionisti IT di tutta Europa, e ne ha raccolto le opinioni sullo stato attuale delle normative sulla protezione dei dati.
Dai risultati è emerso che quattro manager IT su cinque ritengono che le esigenze di conformità alle normative, come il GDPR, porteranno benefici a lungo termine per le proprie organizzazioni, ma solo uno su cinque è sicuro che la propria azienda abbia raggiunto il rispetto completo delle leggi.

Alcuni dei risultati più significativi

a) Secondo quasi due terzi dei coinvolti (64%) le sfide tecnologiche come la migrazione al cloud, l'integrazione con i sistemi legacy e la gestione di dati non strutturati erano fonte di preoccupazione, ma i processi aziendali in evoluzione e i requisiti culturali necessari per adottare metodi conformi rappresentavano un problema ancora più significativo.
b) Nonostante questo, quattro manager su dieci (37%) hanno affermato che accetterebbero una maggiore regolamentazione dei dati, in quanto potrebbe consentire un potenziamento a lungo termine dell'attuazione di metodi di gestione delle informazioni all'interno delle loro aziende.
c) Quasi un intervistato su cinque (17%) ha affermato di non ritenere le sanzioni previste in caso di mancata conformità abbastanza rigide da convincere le aziende a eseguire i cambiamenti necessari e riconoscere il vero valore di business potenziale.

"Molte aziende stanno ancora affrontando difficoltà nella gestione delle normative, ma oggi è più importante che mai focalizzarsi sui principi chiave di una gestione efficace di dati, non solo da una prospettiva tecnologica, ma anche culturale e di processo," sottolinea Vittorio Bitteleri, Country Manager di Commvault Italia.

"I benefici del monitoraggio dei dati fanno riferimento a quattro semplici punti chiave: sapere quali dati si possiedono, dove sono archiviati, come sono protetti e in quale modo vengono utilizzati. La conformità richiede modifiche all'approccio operativo e culturale, ma è evidente che una migliore gestione dei dati non è solo una priorità di business e legale, ma anche tecnologica", conclude Bitteleri.



Fare Business

numero di 30/01/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->