Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 23/01/2019
Finanza e investimenti

Consumi: crescono di oltre 21 miliardi le spese per beni durevoli
Bardazzi (Findomestic): il settore casa (+2%) va meglio dei veicoli (+1%), l'eCommerce vola a 27,4 miliardi (+16%), il credito al consumo (+3,9% nel 2018) da sette anni in positivo

Nel 2018 il mercato dei beni durevoli vale 83 miliardi e 203 milioni, distribuiti fra il settore dei veicoli (53%) e quello della casa (47%) come rileva l'Osservatorio Findomestic 2018. Se i consumi totali sono cresciuti in valore mediamente dell'1,8% nell'ultimo quinquennio, il mercato dei durevoli è migliorato in media del 4,7%, rivelandosi il più dinamico con un'incidenza sui consumi totali passata dal 6,8% del 2014 al 7,7% del 2018. Ne abbiamo parlato con Claudio Bardazzi, responsabile dell'Osservatorio Findomestic.

Quali sono state le principali evidenze del rapporto 2018?

La venticinquesima edizione dell'Osservatorio Findomestic evidenzia come i consumi degli italiani siano in crescita oramai da cinque anni, e come anche nel 2018 sono stimati chiudere con un incremento della spesa delle famiglie del 2%. Le famiglie italiane dovrebbero aver speso 21 miliardi di euro in più rispetto al 2017.
All'interno dei consumi totali, i mercati dei beni durevoli (quelli studiati dal nostro Osservatorio) ricoprono una quota di circa 8 punti percentuali e sono stimati chiudere l'anno con una crescita della spesa delle famiglie dell'1,5%.
All'interno della categoria dei "durevoli" le performance sono tuttavia eterogenee. Nel 2018 segna il passo il mercato dell'auto nuova, un mercato che in un contesto di incertezza economica soffre anche la concorrenza del canale dell'usato. Quest'ultimo comparto vede in effetti crescere il valore del mercato stesso del 3%, in un anno in cui sono state particolarmente vivaci le promozioni legate al "Chilometro zero" e veicoli provenienti dal noleggio.
Ma quello che emerge dal nostro Osservatorio è come la spesa degli italiani torni a spostarsi dal mercato veicoli al mercato casa.
Ne approfitta in questo senso il mercato del mobile, che cresce ancora una volta, approfittando sia della ripresa del mercato immobiliare, sia degli effetti del bonus mobili.
Ma il mercato all'interno dell'area "casa" che mostra la crescita più evidente è quello della tecnologia consumer, in un'era (quella del consumatore connesso) in cui i consumatori sembrano orientarsi sempre di più verso beni connessi alla rete, beni multifunzionali, beni di fascia premium.

Qual è il settore che identificate come più promettente per il 2019?

Sicuramente pensiamo che si confermerà la performance della tecnologia consumer, un settore all'interno del quale nel 2018 sono state particolarmente vivaci le vendite di prodotti digitalmente molto evoluti, prodotti di qualità elevata. Prodotti come gli smartphone, anche di taglio superiore agli 800 euro, o gli auricolari senza fili, gli aspirapolvere con telecamera integrata, le asciugatrici con pompa di calore ecc.

Ma tra i beni tecnologici c'è una curiosità: il mercato dei droni ha evidenziato una crescita importante, raggiungendo un fatturato in pochi anni superiore ai 24 milioni di euro.

Che peso ha e avrà l'eCommerce?

Il mercato dell'eCommerce ormai dagli inizi degli anni 2000 vede una crescita esponenziale. É arrivato a crescere nel 2018 del 16% riguardo all'anno precedente. Gli acquisti online offrono oggi un contributo importante all'interno della categoria dei Beni durevoli, soprattutto all'interno del mercato dell'elettronica e dell'informatica. Infatti, in questo settore gli acquisti online valgono già oggi il 17% dell'intero mercato.



Finanza e investimenti

numero di 23/01/2019
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->