Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 21/11/2018
Cover story

De Gregorio (3M): innovazione e sostenibilità sono nel nostro DNA

Migliaia di prodotti lanciati in centinaia di mercati diversi: dall'automotive alla sanità, dall'interior decoration alla sicurezza, fino all'industria e all'energia

Oltre un secolo di storia, una cultura aziendale fatta di innovazione di processo e prodotto, e un numero incredibile di marchi e brevetti. Sempre con un occhio attento all'ambiente. Questa è 3M la multinazionale americana che opera ormai in quasi tutti i comparti dell'economia. Ne abbiamo parlato con Gianfranco De Gregorio, Business Leader per Industria, Elettrici ed Energia 3M Italia.

La vostra è un'azienda ha una storia che parte da molto lontano.

3M nasce negli Stati Uniti nel 1902 come società mineraria. Il nome 3M sta infatti per "Minnesota Mining and Manufacturing". È stato grazie alle nostre radici in questo settore che siamo arrivati a creare la prima carta abrasiva impermeabile, impiegata per ridurre le polveri sospese nei processi di produzione dell'industria automobilistica. A questo prodotto fece velocemente seguito il nastro per mascheratura, quello utilizzato per verniciare le automobili in colori diversi. Con questi due prodotti 3M aveva compiuto il primo passo verso la diversificazione.
Un elemento specifico della nostra cultura aziendale, sin dal 1948, è la libertà data a ricercatori e scienziati di 3M di dedicare il 15% del proprio tempo a esplorare nuove idee, ossia a lavorare a progetti che hanno il potenziale di generare effettivo valore ma che non rientrano nelle attività quotidiane assegnate dai rispettivi supervisori.
Spesso ci viene chiesto come facciamo a misurare il valore di questo tempo. La verità è che non lo misuriamo affatto. Per noi si tratta di un concetto, più che di una "concessione" di tempo. Se qualcuno ritiene che un'idea sia fattibile e possa offrire vantaggi reali ai nostri clienti, noi vogliamo che questa idea venga studiata e approfondita invece che soffocare il pensiero creativo. La regola del 15% è indicativa di una cultura improntata al permesso di esplorare, esprimere la propria creatività e uscire dagli schemi del pensiero convenzionale. Consente di ritagliarsi uno spazio all'interno del lavoro di tutti i giorni e tiene vivo l'entusiasmo che spinge a trovare nuove soluzioni alle sfide dei nostri clienti. Questa è la cultura che sta alla base di migliaia di prodotti lanciati da 3M nel corso degli anni.

3M è una multinazionale particolarmente attiva su più mercati. Quali sono i principali driver dell'azienda?

La scienza 3M è presente praticamente ovunque. Serviamo centinaia di mercati diversi, vale a dire ambiti nei quali disponiamo di tecnologie, competenze, esperienza e conoscenze specifiche che ci permettono di generare valore per i clienti che operano in quei mercati e settori, dall'automotive alla sanità, dall'interior decoration alla sicurezza, fino all'industria e all'energia.
Oltre ad alcune specifiche linee industriali, risaltano in termini economici gli ambiti Sicurezza e Salute.

Entrando più in profondità: l'automotive è un comparto chiave per 3M?

Il settore automotive è storico per 3M, considerando che proprio da lì è iniziata la diversificazione degli ambiti di interesse dell'azienda negli anni 20 del secolo scorso. Oggi lavoriamo con le case automobilistiche in tutto il mondo per affrontare insieme il tema del risparmio energetico attraverso l'alleggerimento dei materiali e degli autoveicoli in generale. Il nostro contributo passa attraverso l'utilizzo di adesivi e sigillanti in grado di sostituire viti e rivetti, e le 3M Glass Bubbles. Queste ultime sono sfere cave di vetro, di dimensioni microscopiche, che vengono impiegate per alleggerire i materiali sui veicoli e renderli quindi più efficienti pur mantenendone la resistenza.
I nuovi trend orientano inoltre la nostra ricerca verso le soluzioni di elettrificazione, veicoli a guida autonoma e smart cities, e portano con sé tantissime nuove possibilità. Un esempio in questo senso è rappresentato dai fluidi Novec, prodotti utilizzati come alternativa efficace e sostenibile alle sostanze fortemente inquinanti impiegate per il raffreddamento dei data center o l'estinzione degli incendi. Oggi 3M sta studiando un'evoluzione dei liquidi Novec appositamente sviluppati per le batterie delle auto elettriche, con l'obiettivo di mantenerle costantemente alla temperatura di massima efficienza e garantire quindi un maggior rendimento e un minor consumo di elettricità.
Sempre parlando di mobilità elettrica, 3M è in grado di offrire una vasta gamma di soluzioni per l'isolamento sonoro e termico, che rendono l'abitacolo più sicuro e confortevole garantendo al contempo un elevato grado di efficienza del veicolo grazie alla loro leggerezza.

Qual è il vostro approccio al mercato e quali sono i vostri punti di forza?

3M guarda costantemente al futuro, per essere certa di saper rispondere alle esigenze future e alle grandi sfide che la nostra società è chiamata a fronteggiare. Per fare questo, è necessario innanzitutto conoscere e comprendere le principali problematiche del pianeta, come l'invecchiamento demografico, la scarsità delle risorse idriche e il crescente fabbisogno di energia, per poi sviluppare prodotti ma anche tecnologie che ci permettano di realizzare soluzioni per il futuro.

3M in Italia: come siete organizzati?

3M è in Italia dal 1964 e la sede è a Malaspina-Pioltello (Milano), in un ecobuilding firmato dall'architetto Mario Cucinella.
Oltre alla sede principale, 3M ha un ufficio a Roma, due stabilimenti, un centro distributivo europeo, un laboratorio dedicato alle tecnologie elettriche, un Customer Innovation Center, e sei Technical Centers - per un totale di circa 700 dipendenti. In Italia ha inoltre sede il Design Center europeo dell'azienda.


"Poniamo la scienza al centro di tutto ciò che facciamo" è il vostro claim. Ricerca e sviluppo: come si articola e quanto conta per 3M?

3M conta nel mondo 8.500 ricercatori, a cui si aggiungono 8.000 specialisti tecnologici che ogni giorno portano le innovazioni 3M dai laboratori al mondo esterno, realizzando nuove applicazioni che rispondono alle necessità specifiche dei clienti. Gli investimenti dell'azienda in ambito ricerca e sviluppo sono continui e ammontano al 6% del fatturato globale su base annuale: questo è uno dei punti inderogabili della strategia della Corporation che ha generato un portfolio di 113 mila brevetti attivi in questo momento.

3M è conosciuta nel mondo consumer per moltissimi prodotti. Quanto pesa per voi questo comparto?

Alcuni dei nostri marchi più famosi (Scotch, Post-it, Scotch Brite, Futuro) sono vere e proprie icone nel mondo consumer, come lo sono anche numerosi prodotti utilizzati per semplificare l'organizzazione del lavoro, pulire e proteggere la casa, dedicarsi al miglioramento domestico con risultati professionali, e per la cura della salute. In valori assoluti il consumer è tra le aree di presidio stabile dell'azienda.
Sempre in tema di salute, le nostre innovazioni dedicate trovano applicazione negli ospedali, nelle sale del pronto soccorso e nelle cliniche dentali in tutto il mondo, soprattutto in ambito di prevenzione delle infezioni, soluzioni dentali e ortodontiche, cura delle ferite e persino gestione delle strutture sanitarie.
Un esempio di innovazione è lo stetoscopio Littmann di 3M che, sfruttando la tecnologia Bluetooth, permette al medico di ascoltare il battito del cuore di un paziente da qualsiasi parte del mondo, con applicazioni sorprendenti. Basta pensare che lo stetoscopio è stato recentemente utilizzato per effettuare una diagnosi su un astronauta nella Stazione Spaziale Internazionale ed è impiegato da molti medici negli Stati Uniti per aiutare le vittime di ictus nelle comunità rurali.


Che cosa significa sostenibilità per voi?

Noi crediamo profondamente di avere non solo una responsabilità nei confronti dei nostri stakeholder, ossia quella di far crescere e prosperare l'azienda, ma anche la responsabilità di operare in maniera corretta, impegnandoci a proteggere l'ambiente, sia fisico che sociale, agendo con la massima integrità e trasparenza.
Sono quattro i principi fondamentali che ispirano il nostro operato: gestione dell'impatto ambientale delle nostre attività, supporto alle comunità in cui viviamo e lavoriamo, rigorosa adesione a prassi aziendali etiche a tutti i livelli della nostra organizzazione, e sviluppo di prodotti che aiutino i nostri clienti a gestire il proprio impatto sull'ambiente.
In aggiunta al nostro lavoro volto a migliorare l'effetto di 3M sull'ambiente, ci impegniamo a trovare soluzioni innovative anche per limitare l'impatto ambientale dei nostri clienti attraverso, ad esempio, una tecnologia che permette di ridurre i consumi di energia, o con prodotti studiati appositamente per essere smaltiti in maniera ecosostenibile.
Oltre ai già citati fluidi 3M Novec e 3M Glass Bubbles, che garantiscono una maggiore sostenibilità ambientale, un altro esempio di soluzioni che abbiamo sviluppato per i nostri clienti è quello dei Window Films di 3M, che grazie alla funzione di controllo solare limitano la trasmissione del calore verso l'interno o verso l'esterno degli edifici riducendo il consumo di energia da parte degli impianti di riscaldamento e condizionamento dell'aria.
Non sorprende, quindi, che 3M sia da sempre riconosciuta fra le aziende più sostenibili ed etiche al mondo, come confermato anche dal Dow Jones Sustainability Index, in cui 3M è stata inserita quest'anno per la diciannovesima volta consecutiva.

 



Cover story

numero di 21/11/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn