Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 24/10/2018
Digital Business

Il cloud è la forza motrice per le aziende
Greene (Google): è oggi una tecnologia matura, e l'intelligenza artificiale ha margini per stupirci. La sicurezza è un fattore imprescindibile

Partecipare ad un primo evento sul Cloud di Google a Londra ha assunto un significato particolare. Solitamente questi eventi internazionali godono di una vasta eco se svolti nella Silicon Valley, mentre corrono il rischio di diventare delle copie nel vecchio continente. In realtà, Google Next 18 a Londra è stato un evento interessantissimo proprio per i contenuti, la partecipazione e l'interesse di tanti partner. Ne abbiamo parlato con Diane Greene, CEO di Google Cloud.
"É stato l'evento di Google più grande di sempre per Google Cloud, con oltre 25.000 persone presenti", ha esordito Greene. Nello speech di apertura ha voluto sottolineare il fatto che la tecnologia e il fattore umano sono fondamentali per il successo, e che Google ne è consapevole. "Sappiamo quanto l'ingegneria sia importante in tutto ciò che facciamo - ha proseguito Greene - e all'evento erano presenti più di 3000 ingegneri di Google per fornire chiarimenti, supporto e idee ai partecipanti. Uno sforzo enorme, ma è uno sforzo necessario per fare entrare la tecnologia negli ambienti di business. Oggi la tecnologia è presente in ogni settore, ma soprattutto è la forza motrice fondamentale per le aziende".
Tecnologia, ingegneria, innovazione e business: temi da sempre caldi, ma oggi più che mai è necessario trovare una maniera per fare incontrare le esigenze, ma soprattutto è necessario disporre di tecnologie all'avanguardia. "Abbiamo un cloud che è nato per acquisire le informazioni in maniera efficace, per riorganizzarle e per riproporle in modo intelligente", ha dichiarato Greene. "In fondo, queste nostre esigenze sono le stesse delle aziende clienti, perché le informazioni guidano le loro attività. Credo che Google possa rappresentare un grande aiuto, sia per disporre di soluzioni cloud globali, sia per tecnologie e innovazioni. Abbiamo tanti data center grandi quanto uno stadio da football, centinaia di migliaia di chilometri di cavi in fibra ottica sotto l'oceano, strumenti per il machine learning, strumenti per i big data, soluzioni che possano leggerli come BigQuery, e applicazioni che oggi sono davvero diffusissime come Gmail, Drive, Documenti, Calendar, Maps, ma anche Android o i Chromebook, con annunci costanti nel tempo e prestazioni sempre migliori. Questo è quello che ci viene richiesto dalle aziende, ed è quello per cui tutta Google Cloud lavora costantemente. E se avete degli annunci su Google, quei dati possono essere uniti col resto dei vostri dati e, dulcis in fundo, una tecnologia IA fenomenale e in forte crescita."
Durante i due giorni londinesi si è parlato diffusamente delle tecnologie Google, con i due temi caldi al centro: IA e sicurezza. La sicurezza è la preoccupazione principale per le imprese, e Google l'ha imparato sulle proprie esperienze. Oggi è tra i leader mondiali nella sicurezza a causa degli attacchi che hanno colpito l'azienda negli anni ed è parte integrante di ogni aspetto. La sicurezza di Google Cloud si basa sull'efficienza e ogni server verifica automaticamente tutto ciò che viene immagazzinato e ogni dato viene criptato. Lato intelligenza artificiale, i fondatori di Google hanno compreso fin dal principio che aveva un valore enorme. Oggi risulta essere fondamentale per la reingegnerizzazione di un'attività.
"L'intelligenza artificiale è integrata in tutti i processi di Google", ha dichiarato Greene. "Stiamo incorporando il potere dell'IA in tutto ciò che facciamo e fanno i nostri clienti. Addirittura, con AutoML si può costruire un modello IA senza ricorrere a un esperto di Machine Learning. Ma siamo solo all'inizio di questo viaggio e considerando l'uso che si fa in Google dei cicli di machine learning, credo che stiamo andando incontro a una crescita imponente".
Migliaia di startup aprono il proprio business sulla Google Cloud Platform, indipendentemente dal settore di appartenenza. É un approccio AI-first quello adottato da Google, che sta muovendo il cloud. Solo il cloud garantisce un'affidabilità, una flessibilità e una scalabilità e delle prestazioni senza precedenti. Oggi, otto aziende su dieci hanno una strategia multi-cloud, una struttura che si aggiunge alle infrastruttura on-premise ed è fondamentale che tutto possa funzionare al meglio. Aumenta la complessità informatica da gestire, e in questo contesto si devono interpretare i più recenti annunci di Google, tra cui il Cloud Marketplace. É divento il luogo dove trovare, acquistare e distribuire applicazioni di terze parti basate sulla GCP (Google Cloud Platform), da gestire sia su cloud sia nell'ambiente on-premise. Una piccola rivoluzione tecnica.

Come rivoluzionaria è Smart Reply per Gmail. In pratica, l'applicazione suggerisce risposte intelligenti, scritte da macchine e in automatico, basate sulle abitudini degli utenti, con lo scopo di velocizzare le risposte.
Tante lo novità presentate, tanti casi di successo, su cui ha spiccato Air Asia che ha parlato dell'innovazione come servizio, ma anche tanti italiani che hanno partecipato, partendo da Reply, NetApp ed Eco-Mind.



Digital Business

numero di 24/10/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn