Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 20/06/2018
Leisure

Anche in finanza, historia magistra vitae
Perché dobbiamo solo imparare dalla bancarotta di Firenze del 1345. Ci sono tutti i segni delle crisi bancarie e finanziarie di oggi

Cicerone la sapeva lunga. Guardare a quanto avvenuto ad altri, in epoche diverse, contesti anche differenti dal nostro, per capire quali errori non ripetere. Evidentemente nella Toscana di oggi (e chi parla è mezzo sangue aretino, con un legame affettivo e familiare molto stretto alla grande Banca Etruria che fu) pochi hanno studiato o letto De Oratore, in cui è contenuta la frase suddetta (o meglio, l'estrapolazione che si è fatta di una frase più ampia).
Tutto ciò premesso non cambia però il succo: possibile che dalle vicende passate non si siano tratti gli insegnamenti conseguenti? MPS prima, Banca Etruria poi. Insomma, repetita iuvant verrebbe da dire.
Un recentissimo scritto, di cui si caldeggia insistentemente l'acquisto e la lettura, è 1345. La bancarotta di Firenze. Una storia di banchieri, fallimenti e finanza, di Lorenzo Tanzini, edito da Salerno Editore. Si tratta di un'avvincente ricostruzione storica di una serie di fallimenti a catena, avvenuti nella prima metà del 1300, che portarono al crollo di quello che ai tempi era il sistema creditizio e finanziario più importante dell'Europa.
Una serie di rovesci, frutto dell'intreccio diabolico tra potere, elite finanziaria, mondo politico e popolo semplice, i cui effetti portarono al fallimento di quelle che oggi potremmo chiamare merchant banks. Un batter d'ali che a distanza di poche migliaia di chilometri genera uno tsunami capace di far fallire un'intera città e il suo sistema economico.
Una ricostruzione da mettere letteralmente i brividi, se letta ricordando quanto avvenuto negli anni a noi più vicini e che riafferma l'imponderabile legame che unisce la ricchezza di pochi, i risparmi di molti, le scelte azzardate, il cerchio ristretto di amici e compari, e gli effetti che a pioggia travolgono un sistema economico.
La prefazione lo spiega bene e con toni thriller: "dal grande gioco internazionale della guerra e delle finanze regie al panico sui mercati: la storia del grande crack degli anni '40 del Trecento è ricostruita in parallelo con la crisi della finanza pubblica che causò la bancarotta di Firenze. Le cronache dell'epoca restituiscono con toni drammatici la ricerca di provvedimenti di emergenza per rassicurare i creditori senza annientare l'imprenditoria cittadina, mentre la nascita di un sistema di debito pubblico (il cosiddetto 'Monte') diventa la chiave per il finanziamento della Repubblica e per l'uscita dalla perversa spirale di quel fatidico 1345. Affiora cosi una complessa strategia di salvaguardia della credibilità degli operatori fiorentini, destinata a modificare i rapporti tra cittadini e Stato fino a costituire la nuova etica civica del primo Rinascimento".

Assolutamente da leggere.

Titolo: 1345. 1345. La bancarotta di Firenze. Una storia di banchieri, fallimenti e finanza
Autore: Lorenzo Tanzini
Editore: Salerno
Pagine: 172
@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Leisure

numero di 20/06/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn