Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 30/05/2018
Idee e opinioni

Le brutte abitudini dei manager italiani
Una ricerca Lenovys rivela che viviamo male, usiamo male il tempo, produciamo meno di quello che potremmo. Solo il 40% si dichiara soddisfatto

I manager italiani dormono poco (solo il 26% dorme a sufficienza per iniziare la giornata in piena forma), hanno una forma fisica insoddisfacente (il 66% deve ritrovarla), nel 70% dei casi non riescono a ricaricare le batterie nemmeno in vacanza, e solo 1 su 5 delega regolarmente mansioni ai propri collaboratori.
Inoltre, solo l'8% delle aziende ha riunioni efficienti ed efficaci, solo una su cinque opera per assicurare un buon bilanciamento tra lavoro e vita privata e solo il 5% delle aziende celebra e festeggia i propri risultatati.
Basterebbe questo per concludere che: viviamo male, usiamo male il tempo, produciamo meno di quello che potremmo.
É quanto emerge da una ricerca realizzata da Lenovys su vita e abitudini di 500 manager di grandi aziende italiane. Strumentale alla promozione di un Master in Lean Lifestyle, l'indagine offre spunti interessanti sulla qualità di vita e di integrazione dei manager e, in conseguenza, sulla qualità del loro lavoro. Che si traduce, alla fine, sull'andamento delle rispettive imprese (e quindi del nostro sistema economico).
Tornando alle risposte dell'indagine, è interessante osservare la vastità e la complessità del panel: il campione è composto per il 54% da persone di età compresa tra 30 e 44 anni, il 43% tra 45 e 65, e il 4% meno di 30 anni. L'85% sono manager e il 15% imprenditori. Il 44% del campione delle imprese è composto tra 100 e 1000 addetti, il 15% più di 1000 e il 36% tra 10 e 100. Sul versante del fatturato, il 40% vanta meno di 50 milioni euro, il 25% tra 50 e 100 milioni euro, il 24% tra 100 e 500 milioni euro, e l'11% oltre 500 milioni euro. Ma veniamo ai risultati.
Per oltre il 60% dei soggetti rispondenti alla survey, in azienda non sono incentivate le corrette abitudini alimentari, per oltre il 50% i leader delle rispettive imprese non sono stati sviluppati professionalmente in modo strutturato per divenire insegnanti e coach di altre persone.
Per una quota vicino al 70% del campione, le imprese propongono un universo valoriale ed una visione sufficientemente chiari e motivanti, mentre non superano il 40% quelle che propongono ai propri dipendenti un programma specifico per l'insegnamento della metodologia del problem solving avanzato.

Infine, solo il 40% si dichiara convintamente soddisfatto del modo in cui conduce la propria vita professionale e personale, mentre una buona metà del campione ammette di sorridere non di frequente.
Insomma, ci sarebbe molto ancora da fare sul versante interno. Eppure, stando ad altre indagini, molti fanno a gara per poter entrare in aziende che magari, "in black", costituiscono una buona fetta di quelle che in questa indagine fanno emergere un quadro luci ed ombre dell'ambiente di lavoro.



Idee e opinioni

numero di 30/05/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn