Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 02/05/2018
Finanza e investimenti

Perché scegliere le strategie multi asset
Naumer (AllianzGI): i risparmiatori hanno beneficiato di un approccio a lungo termine ed evitato gli errori più comuni. La nuova generazione di strategie multi asset punta su un'allocazione dinamica

Sbagliare è umano, anche nel processo di investimento. Occorre una buona dose di autodisciplina per evitare errori comuni legati ad inerzia, comportamento in linea con "il gregge", eccessiva fiducia o avversione alle perdite. Un nuovo studio di AllianzGI dimostra che i fondi multi asset possono aiutare gli investitori a non cadere in queste trappole.
"La nostra ricerca evidenzia che la raccolta netta dei fondi multi asset è rimasta stabile nelle fasi di rialzo e di ribasso dei mercati, rafforzando l'autodisciplina degli investitori e supportando la stabilità dei loro investimenti", spiega Hans-Jörg Naumer, Head of Global Capital Market Analysis and Thematic Research di AllianzGI.

L'ascesa del multi asset in Europa e il ritardo degli USA

Fra il 2002 e il 2017, in Europa, 870 miliardi di euro netti si sono riversati nei fondi multi asset, seguiti dai fondi obbligazionari (504 miliardi), azionari (44 miliardi) e di altro tipo (220 miliardi). Ciò significa che in quest'area negli ultimi 15 anni più di un euro su due è stato investito in fondi multi asset. Negli USA il comparto multi asset ha raccolto 1.139 miliardi di euro, ma i risparmiatori hanno preferito l'azionario (2.107 miliardi) ed il reddito fisso (2.065 miliardi).
Secondo Naumer, "In Europa si guarda ai fondi multi asset non in sostituzione di altri tipi di fondi, ma come ad una asset class a sé: i flussi verso questi prodotti mostrano una scarsa correlazione con la raccolta delle strategie azionarie e obbligazionarie. Gli investitori, inoltre, sfruttano i fondi multi asset in modo molto selettivo per gestire l'asset allocation, come si può vedere dalla relativa sovra/sottoponderazione basata sui flussi. Negli USA, invece, emerge uno scenario differente".

Fondi multi asset come strumento di asset allocation

La maggiore domanda di fondi multi asset si riflette non solo nel volume dei flussi, ma anche nelle posizioni, vale a dire nell'allocazione complessiva degli investitori, indicata dalla distribuzione del patrimonio dei fondi fra azioni, obbligazioni, strumenti del mercato monetario e, naturalmente, fondi multi asset.
Ciò è particolarmente evidente in Germania, dove la percentuale di fondi multi asset nei portafogli è aumentata nel corso del periodo osservato dal 12% al 32%, contro un incremento dal 21% al 26% in Europa. Negli USA, la quota del multi asset sul totale è cresciuta molto lentamente, da un modesto 6% al 13%. Se consideriamo l'evoluzione del mercato parallelamente al comportamento degli investitori ed esaminiamo l'allocazione attiva, ovvero il sovra/sottopeso rispetto all'insieme del mercato, il processo decisionale appare ancora più chiaro.
Alberto D'Avenia, Country Head Italia di AllianzGI, conferma il trend: "Il multi asset è ormai un investimento "core" e centrale di molti portafogli. Vediamo aumentare costantemente il numero di clienti che investono in molteplici asset class interessanti tramite le nostre soluzioni multi asset a gestione attiva. La nostra offerta ampia e diversificata è in grado di soddisfare ogni esigenza e questo vale anche per i clienti istituzionali".

Il futuro del multi asset

La diversificazione è la chiave della gestione del portafoglio. Sfortunatamente, la diversificazione tradizionale presenta una grave mancanza: non funziona proprio quando servirebbe di più, ovvero nei periodi di maggiore instabilità dei mercati. Oggi la ricerca di nuove soluzioni è ancora più importante, alla luce dei crescenti timori per le prospettive di intensa volatilità in un momento di incertezza politica e macro-economica, nonché la difficoltà di generare rendimenti in un contesto di tassi di interesse bassi o addirittura negativi.

Secondo Thomas Zimmerer, Global Head of Multi Asset Product Specialists di AllianzGI, "siamo convinti che l'introduzione in portafoglio di strategie di asset allocation dinamica possa aiutare gli investitori a gestire tali rischi e offra una nuova fonte di rendimento ulteriore rispetto alla selezione titoli e all'asset allocation tradizionale. Adottando un sofisticato processo di investimento che individua e reagisce ai trend in atto fra le varie asset class e a loro interno, ricorriamo ad una vasta gamma di approcci di asset allocation dinamica per ottimizzare la diversificazione dei portafogli, ridurre il rischio e migliorare il potenziale di rendimento".



Finanza e investimenti

numero di 02/05/2018
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn