Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 29/11/2017
Finanza e investimenti

Investire sul clima: falsi miti e vere opportunità
Sørensen e Padberg (Nordea AM): quella a cui stiamo assistendo è una rivoluzione nell'atteggiamento verso l'ambiente. E a fare da apripista sono consumatori e aziende

La popolarità delle tematiche climatico-ambientali è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, in linea con la consapevolezza che questo trend secolare gode del supporto di molteplici driver. Nonostante ciò, nella mente degli investitori persistono fraintendimenti difficili da sradicare.
Il primo riguarda il fatto di considerare gli investimenti in energia pulita l'unica soluzione possibile per affrontare le sfide ambientali e climatiche ignorando l'universo di opportunità enorme offerto dell'efficienza di materiali e/o di energia.
Il secondo equivoco sta nel ritenere che tali aree richiedano investimenti di lunghissimo periodo e spesso di scarso ritorno per gli investitori. Anche in questo caso si trascura l'esistenza di aziende che proprio grazie allo sviluppo di soluzioni economicamente incentivanti per chi le adotta generano profitto e performance per chi vi investe.
Cosa è cambiato dunque? Prima della crisi finanziaria, gli investimenti in clima e ambiente erano generalmente trainati da sussidi e nuove regolamentazioni. Oggi, invece, investire in soluzioni climatiche è una scelta economicamente razionale sia per il consumatore sia per le aziende. Da un lato le imprese hanno compreso come la sostenibilità sia un elemento vitale per essere e rimanere competitivi. Dall'altro, la società nel suo complesso sta sostenendo a gran voce le iniziative pro-ambiente. Nonostante ciò, i mercati non hanno ancora iniziato a studiare e a dare la giusta attenzione all'impatto di questa tematica sui flussi di cassa di una società.
In Nordea abbiamo sviluppato un fondo di investimento che benefici in modo olistico delle opportunità di questo trend secolare. Al momento abbiamo identificato tre aree d'investimento.
La prima, nella quale non investiamo in modo significativo poiché molte aziende in questo segmento non generano ancora profitti sostanziali, riguarda le realtà che investono in energie alternative.
La seconda area, quella più interessante, punta dritta verso soluzioni che migliorano l'efficientamento energetico e delle risorse. Un esempio è Hexcel Corp, tra i leader nella produzione di fibra di carbonio. Questo materiale offre importanti vantaggi rispetto ad alluminio e acciaio, essendo più leggero e resistente. Tali caratteristiche lo rendono ideale per i velivoli commerciali di nuova generazione, come i nuovi Airbus A380 e Boeing 787 Dreamliner, che sono costruiti per il 50% in fibra di carbonio e possono risparmiare così il 20% di carburante rispetto agli aerei di pari dimensione. Si abbassa così quello che è il costo più oneroso per le compagnie aree, per il bene degli azionisti. Il titolo Hexcel ha decuplicato il suo valore dal 2009, una performance decisamente più elevata di quanto fatto dal mercato nello stesso periodo.
La terza e ultima area, infine, è quella che comprende aziende in grado di offrire soluzioni volte alla protezione e alla salvaguardia dell'ambiente, nel continuo sforzo per migliorare la qualità di prodotti e servizi.
Gli investitori preoccupati delle ripercussioni delle decisioni dei leader politici di frenare o accelerare gli investimenti in clima e ambiente hanno un impatto minimo sulle aziende in cui investiamo. La decisione di Trump ad inizio anno non hanno avuto alcun impatto sulle aziende che operano in questo settore, sebbene sia stata una decisione negativa per le energie alternative. Tuttavia, va ricordato che il supporto politico è solo uno degli elementi che sta soffiando sulle vele di questo trend secolare, ma che ci sono driver ben più importanti, come ad esempio l'incentivo economico. Rimaniamo convinti che quella a cui stiamo assistendo sia una rivoluzione nell'atteggiamento verso clima e ambiente. E a fare da apripista sono proprio consumatori e aziende.


Thomas Sørensen e Henning Padberg, portfolio managers della Global Climate and Environment strategy di Nordea Asset Management



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 29/11/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI