Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 15/03/2017
Digital Business

I pagamenti digitali tramite app fanno crescere le aziende
Olynick (NTT Data): le imprese dovrebbero operare per fornire un'esperienza di pagamento fluida, offrendo prodotti e processi innovativi

Le aziende che crescono più in fretta sono spesso quelle che accettano pagamenti via mobile. E' ciò che emerge da una recente indagine condotta su un totale di 2.300 soggetti tra aziende e consumatori negli Stati Uniti d'America, in Gran Bretagna, Germania, Scandinavia, Giappone, Cina, India, Kenya, Sudafrica e Brasile.
Lo studio intitolato "Future of Money", condotto per NTT Data e Ingenico ePayments da Oxford Economics e Charney Research ha rilevato che il 42% delle aziende che hanno una crescita annuale del fatturato superiore all'11% propone una app che supporta acquisti e pagamenti, mentre solo il 32% di chi cresce più lentamente ne dispone.
"Un terzo dei consumatori pensa che il mobile diventerà la forma di pagamento dominante nei prossimi 10 anni e al tempo stesso ben il 70% è preoccupato per il furto di dati. Le società devono quindi prepararsi a questo grande cambiamento, che in Europa avrà come acceleratore la normativa PSD2 che entrerà in vigore da gennaio 2018", afferma Mauro Giorgi, SVP Financial Services NTT Data Italia. "Vincente sarà chi avrà la migliore Customer Experience. A Malta con la soluzione Myney, abbiamo dimostrato il vantaggio competitivo ottenibile dall'innovazione nei pagamenti".
I pagamenti via mobile sono anche associati a una rapida crescita dei profitti. La ricerca, che ha esaminato 2000 clienti e 300 dirigenti d'impresa in 10 regioni del mondo ha rivelato che il 43% delle imprese i cui profitti crescono dell'11% o più offrono una app per i pagamenti. Invece, solo il 34% delle aziende con una crescita dei profitti inferiore offre app di questo tipo. Tra le società con una crescita nulla o negativa dei profitti, solo l'8% offre la possibilità di pagamento tramite app.
Seppur con un divario leggermente meno accentuato, il 51% delle aziende a crescita rapida vende beni e servizi online, mentre solo il 47% di quelle a crescita lenta lo fa.
Questi risultati sottolineano la necessità per le aziende di fare dell'innovazione dei pagamenti una parte integrante della loro strategia di crescita", ha dichiarato Peter Olynick, Retail Banking Senior Practice Lead di NTT Data Consulting in America. "Le imprese dovrebbero operare per fornire un'esperienza di pagamento fluida offrendo prodotti e processi innovativi. Tali sforzi incideranno positivamente sulla soddisfazione del consumatore, faciliteranno il commercio al di là delle frontiere nazionali e renderanno l'esperienza dello shopping più efficiente".

L'uso delle criptomonete e l'adozione dei mobile wallet coincidono

- Il 48% delle aziende accetta pagamenti via mobile e accetta anche le criptomonete, mentre sono solo il 7% non accetta pagamenti via mobile.
- Il 9% dei consumatori dice di possedere e usare criptomoneta, mentre i pagamenti via mobile rappresentano meno dell'8% della spesa globale dei consumatori.
- Una società su 4 già riceve pagamenti in moneta virtuale, soprattutto nei settori tecnologici e bancari.

I pagamenti elettronici incoraggiano la crescita delle vendite internazionali

- Tra le società con una crescita dei profitti superiore all'11%, il 56% si rivolge a un mercato internazionale, cosa che è vera solo per il 44% delle loro controparti a crescita più lenta.
- Le aziende che vendono prodotti e servizi al di là delle loro frontiere dichiarano di ricevere il 53% del loro fatturato da pagamenti elettronici, inclusi quelli effettuati via mobile app.

- Quelle che vendono solo sul mercato domestico ottengono il 58% del loro fatturato da pagamenti in contanti, assegni o carte di credito fisiche.

I Paesi in via di sviluppo indicano il futuro della moneta

- I consumatori nei mercati emergenti usano i mobile payment due volte tanto rispetto ai Paesi sviluppati per viaggi, svago, videogiochi, elettrodomestici e abbigliamento.
- Il 58% dei consumatori dei paesi in via di sviluppo fanno pagamenti via mobile almeno una volta a settimana, percentuale che scende al 39% nei paesi sviluppati.
- In Kenya e in Cina l'adozione dei pagamenti mobile è stata più veloce: l'83% dei consumatori in Kenya e il 70% di quelli cinesi pagano via mobile almeno una volta a settimana.
 



Digital Business


Condividi su LinkedIn numero di 15/03/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI