Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 08/03/2017
Finanza e investimenti

L'incertezza politica scuote l'Europa e i mercati
Boye (Saxo Bank): Olanda, Francia e Germania si preparano alle elezioni, e forse toccherà anche all'Italia. Lo spread Francia/Germania a 10 anni è il più alto dalla crisi del 2011-2012

Proprio nel momento in cui l'Eurozona vive una fase di ottimismo che potrebbe mettere fine alla crescita stagnante degli ultimi anni, l'instabilità politica sembra metterla nuovamente a dura prova.
Siamo partiti la scorsa estate con il referendum sulla Brexit e quest'anno si terranno le elezioni parlamentari e/o presidenziali in Olanda (15 marzo), Francia (23 aprile) e Germania (24 settembre).
Inoltre, anche in Italia potremmo trovarci di fronte ad elezioni anticipate. In questo caso, due terzi dell'Eurozona dovrebbero recarsi alle urne nel corso dell'anno. I riflettori sono ora puntati sulla Francia, dove la possibile vittoria del candidato populista Marine Le Pen sarebbe spianata dalla proposta di misure protezionistiche, così come è avvenuto con l'elezione di Donald Trump negli USA lo scorso novembre.
Tuttavia, probabilmente perché gli investitori non vogliono essere colti nuovamente di sorpresa, lo spread Francia/Germania a 10 anni è al massimo dai tempi della crisi dell'Eurozona del 2011-2012.
Nel frattempo, anche la Germania si trova sotto pressione. Lo scorso weekend la SPD è stata data per la prima in leggero vantaggio rispetto alla CDU della Merkel.

Non occorre sottolineare che questo desta ulteriori preoccupazioni sulla stabilità dell'Eurozona, dove la Merkel ha rappresentato l'unica costante nel periodo di volatilità, crisi del debito, problematiche relative all'immigrazione e, più recentemente, esito inatteso del voto Brexit.

Michael Boye, Fixed Income Trader di Saxo Bank



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 08/03/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI