Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 15/02/2017
Digital Business

Marketplace: prospettive ottimistiche a livello mondiale
Sicard (MarkMonitor): i Paesi emergenti hanno un enorme potenziale. L'India è solo agli albori, Cina e Russia hanno ancora enormi possibilità, in Africa si prevede una crescita del 100% nei prossimi cinque anni

In tutto il mondo l'eCommerce sta esplodendo. Il totale delle vendite online sarà quasi raddoppiato nei prossimi quattro o cinque anni e nel 2020 rappresenterà il 12,5% del totale delle vendite, rispetto al 7,5% di oggi. Questa crescita fenomenale sta attirando un vasto numero di rivenditori online. Milioni di retailer sono già online in tutto il mondo e, del volume totale di 3,5 milioni di dollari previsto per il 2020, ci si aspetta che i marketplace arriveranno a detenerne quasi il 40%.

Nuovi marketplace

Mentre marketplace online noti, come Alibaba, Amazon e eBay, mantengono la loro posizione dominante, nuove regioni e nuove piattaforme appariranno come conseguenza della crescita nei mercati emergenti dell'utilizzo di Internet.
Infatti sono un esempio alcune catene statunitensi come Sears, NewEgg e WalMart che stanno cercando di sfruttare questa opportunità in crescita. Walmart, ad esempio, ha recentemente annunciato il suo acquisto di Jet.com per 3,3 miliardi di dollari.
I Paesi emergenti hanno un enorme potenziale di vantaggio sulla crescita nei marketplace online. Per esempio, l'India ha solo il 34,8% di penetrazione internet su un totale di popolazione di 1,3 miliardi, e ciò significa centinaia di milioni di potenziali consumatori in attesa di connessione alla rete. Due dei 10 siti più trafficati in India sono proprio dei marketplace: Amazon e Filpkart.
Sanjeev Aggarwal di Helion Venture Partner afferma: "L'India non ha mai avuto un sistema di commercio organizzato, quindi il salto che avverrà (verso l'eCommerce) è abbastanza convincente e questo per l'India sarà il giorno zero del passaggio al digitale".
Nonostante sia difficile sapere quale player prevarrà, i brand devono mantenere l'attenzione sulle tendenze. La sfida, con così tanti nuovi marketplace sulla scena, è sapere che approccio adottare. Noi raccomandiamo ai brand di cercare il traffico web e monitorare i grandi player in tutte le regioni e identificare dove si verificano le vendite. I brand possono anche seguire gli sviluppi nelle vendite di beni contraffatti attraverso le denunce dei clienti al proprio customer service center che spesso segnalano un picco di attività fraudolente nei nuovi marketplace.

Regioni in crescita

L'Asia ha a lungo goduto di una meritata reputazione come regione con un enorme potenziale di crescita online, un mercato del valore di 1,4 trilioni di dollari previsto nel 2020. Cina e India sono infatti i mercati con più rapida crescita nel mercato dell'eCommerce mondiale. Oggi, il commercio elettronico in Cina rappresenta il 16,4 per cento delle vendite totali del retail a fronte di una media mondiale del 7 per cento.
La Cina ha una grande influenza sul panorama dell'eCommerce in Russia dove ci sono 80 milioni di utenti internet e si prevede una crescita oltre il 50 per cento nei prossimi cinque anni, con entrate che ammonteranno a 50 miliardi di dollari.
Il sito di eCommerce più utilizzato in Russia è Alibaba, con oltre il doppio del volume di vendita del russo Yanex, secondo in classifica. Infatti, oltre il 70 per cento di tutto il commercio elettronico transfrontaliero russo proviene dalla Cina. Nei giorni di picco vengono infatti importati oltre un milione di pacchi! Le categorie più popolari di beni che acquistano i russi dalla Cina includono abbigliamento, prodotti per bambini e cellulari. Questi acquisti stanno crescendo con tassi a doppia cifra. 

Un mercato emergente invece trascurato è l'Africa. In questa regione si prevede infatti una crescita del 100 per cento nei prossimi cinque anni. I ricavi sono destinati a crescere oltre i 35 miliardi nel 2020 dai 18,7 miliardi dell'ultimo anno. Quando si tratta di shopping online è la Nigeria ad essere in testa, con il 65 per cento di utenti che acquistano online. Il Mobile shopping è molto importante in Africa dal momento che i consumatori sono più a loro agio a fare acquisti tramite dispositivi mobile.

Jerome Sicard, Regional Manager per il Sud Europa, MarkMonitor



Digital Business


Condividi su LinkedIn numero di 15/02/2017
Torna al SOMMARIO






SEGUICI