Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 01/02/2017
Sport Business

EURO 2016 ha generato benefici per 1,22 mld di euro per l'economia francese
Un impatto organizzativo di circa 596 mln e quello turistico diretto di 625,8 mln. Senza contare che ha anche portato 74,3 mln di entrate fiscali in più per lo Stato

Ospitare la fase finale di tornei di calcio per nazionali dovrebbe essere sempre un business per l'intero Paese. Difficile forse da comprendere senza scetticismo da parte di chi ha visto cosa è accaduto con Italia 90 o con il mondiale in Sudafrica, senza contare Brasile 2014 e 2016. Però, se l'organizzazione funziona e tutto viene ben pianificato e controllato, la manifestazione può essere un momento di grande impatto sull'economia di una nazione.
E' il caso delle fasi finali di UEFA 2016, disputate in Francia che, secondo un rapporto pubblicato dal Centro per il Diritto ed Economia dello Sport (CDES), avrebbe fornito una spinta per l'economia nazionale pari a 1,22 miliardi di euro.
La relazione afferma che il beneficio economico si scompone in un impatto organizzativo di circa 596 mln, e un impatto turistico diretto di 625,8 mln. Senza contare che ospitare Euro 2016 ha anche generato 74,3 mln di entrate fiscali in più per lo Stato.
I visitatori stranieri totali che hanno frequentato gli stadi e le zone per i tifosi sono stati stimati in 613 mila, con Regno Unito (13,4 per cento), Germania (12,7 per cento) e Svizzera (5,8 per cento) che hanno fornito il maggior numero di visitatori.
Anche per via di questi numeri, Parigi attualmente si è messa in gara per ospitare i Giochi Olimpici e Paralimpici 2024 estivi.

Il ministro dello sport Patrick Kanner ha detto in una conferenza stampa che ospitare grandi eventi sportivi è "un'opportunità".
Un altro studio condotto dal CDES stima che ospitare i Giochi Olimpici a Parigi nel 2024 potrebbe generare circa 10,7 miliardi di euro di benefici economici e creare più di 250.000 posti di lavoro nella regione della capitale francese.



Sport Business


Condividi su LinkedIn numero di 01/02/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI