Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 13/04/2016
Finanza e investimenti

Le preoccupazioni del mercato su Cina e Stati Uniti sono sopravvalutate
Davies (HSBC Global AM): la questione chiave è la misura in cui la crescita più debole stia danneggiando il settore delle imprese. C'è stato un certo calo degli utili societari, ma in gran parte confinato a petrolio ed energia. Il mercato attuale può rappresentare un'opportunità

Commentando le ultime view di investimento del team Multi Asset di HSBC Global Asset Management, Jane Davies, Senior Portfolio Manager, UK Wealth Multi Asset Solutions, ha affermato che gli investitori potrebbero utilizzare l'attuale sentiment cauto sulla la Cina e gli Stati Uniti come una opportunità di investimento.
"Il sentiment del mercato è stato centrato attorno ad un rallentamento della produzione degli Stati Uniti, sulle proiezioni di crescita globale negative guidate dalla caduta dei prezzi del petrolio e dei rendimenti obbligazionari, e dalla Cina. Gli indicatori deboli provenienti da Pechino in merito a settori ciclici, valuta e politica della banca centrale continuano a preoccupare gli investitori. Tuttavia, riteniamo che gran parte di queste preoccupazioni siano esagerate e non prevediamo una recessione globale. Pensiamo anche che il recente mercato sell-off possa aver presentato un'opportunità di acquisto per gli investitori in controtendenza.
La preoccupazione principale nelle ultime settimane è stata il rischio di una recessione negli Stati Uniti. Mentre il settore petrolifero è in recessione, possiamo vedere poche prove di una recessione per tutta l'economia. Non vi è ampio peggioramento nel settore manifatturiero, mentre i dati sui servizi rimangono robusti e il contesto dei consumatori è forte. Le principali recessioni tendono ad essere causate da una stretta sull'offerta di denaro, alti prezzi reali del petrolio e stress del settore finanziario. Queste condizioni non sono attualmente presenti.
Mentre le prospettive di crescita economica globale si sono indebolite, a nostro avviso la questione chiave è la misura in cui la crescita più debole stia danneggiando il settore delle imprese. C'è stato un certo calo degli utili societari, ma gran parte di esso appare ancora confinata ai settori petrolio ed energia. Noi pensiamo che il mercato attuale dei prezzi - che appare pessimista - possa rappresentare un'opportunità per costruire l'esposizione azionaria.
La domanda di Rifugio sicuro, le azioni politiche della banca centrale e i timori di una recessione hanno portato ad un rally sui titoli di Stato dei mercati sviluppati, portando le valutazioni - crediamo - a livelli molto poco attraenti.
In questo contesto, continuiamo a privilegiare azioni e obbligazioni societarie e rimaniamo prudenti sui titoli di Stato dei mercati sviluppati".

Azioni

USA - I titoli azionari statunitensi beneficiano di una ripresa economica durevole del Paese e una Federal Reserve concentrata sulla crescita. Tuttavia, la forte performance post-crisi del mercato azionario, sostenuta dalla politica monetaria '"ultra-allentata", ha abbassato la nostra stima sui rendimenti futuri. La recente fase dei profitti ha rallentato e l'inflazione dei salari degli Stati Uniti sembra essere in aumento.
Europe ex UK - I titoli azionari dell'eurozona dovrebbero vedere il sostegno del programma di QE sostanziale della BCE e della ripresa economica in atto. C'è una potenziale ulteriore espansione del programma in corso, se l'inflazione rimanesse anemica.
Regno Unito - Le valutazioni sono diventati meno attraenti nel tempo. Il prossimo referendum sull'adesione all'UE, oltre ai tassi di interesse potenzialmente in aumento, potrebbe iniettare ulteriore volatilità del mercato nel 2016-17.
Giappone - Le azioni giapponesi rimangono sostenute da una forte corporate governance e hanno aumentato i margini di profitto netto. Ci aspettiamo di vedere più alti guadagni per l'azionario e un ulteriore deprezzamento dello yen, guidato in larga misura della politica monetaria estremamente allentata della Banca del Giappone. Ci riserviamo una visione positiva.
Mercati emergenti - Manteniamo una visione neutrale. Le valutazioni relative in alcuni mercati emergenti hanno un look accattivante. Tuttavia, ci potrebbe essere una certa volatilità a breve termine tra le preoccupazioni su un inasprimento della Fed e un rallentamento economico in Cina.


Reddito Fisso

Titoli di Stato dei mercati sviluppati - Pensiamo che i rendimenti dei titoli di Stato siano ancora troppo bassi. Le nostre aspettative per i rendimenti a lungo termine di questa classe di asset rimangono poco entusiasmanti, soprattutto data la compressione dei rendimenti di base dall'inizio dell'anno.
Obbligazioni corporate globali - I bilanci societari rimangono "in forma" ragionevole nella maggior parte dei settori e i tassi di default sono ancora piuttosto bassi rispetto alla storia. Tuttavia, una politica monetaria degli Stati Uniti più stretta rimane un rischio nel termine più breve.
Immobiliare - Data la nostra prospettiva per i futuri valori locativi nei mercati chiave sviluppati, crediamo che le azioni immobiliari quotate offrano ragionevolmente rendimenti prospettici interessanti di lungo periodo.

 



Finanza e investimenti

numero di 13/04/2016
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>