Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 04/11/2015
Leisure

Relazioni Pubbliche Digitali, attenzione all'infatuazione
Il testo di Venturini condensa suggerimenti davvero utili ed essenziali su cosa è realmente utile e necessario fare, quali approcci seguire e quali percorsi di analisi seguire per capire davvero la necessità, e conseguentemente intraprendere i passi nella giusta direzione

Una professione di per sé non sempre chiara, la cui percezione varia con il tempo. Un'attività che come accade sovente in altri settori degli investimenti viene ridotta non appena le avvisaglie di una crisi economica colpiscono i bilanci.
Eppure, le relazioni pubbliche costituiscono un ganglio vitale nella dinamica dell'impresa, davvero capaci di produrre effetti benefici sia nel breve sia nel lungo periodo.
Ebbene, anche questa area di attività ha subito l'effimero fascino della rivoluzione digitale. Orde di giovani professionisti si sono gettati nell'onda lunga della rete, proponendo approcci consulenziali ammantati di social, web e net communication.
Chi a questo fenomeno ha dedicato pagine attente di concreata riflessione è Roberto Venturini, uomo di comunicazione, il quale ha messo nero su bianco in "Relazioni pubbliche digitali. Pensare e creare progetti di blogger, influencer e community", edito da Egea, la sua proposta per un uso funzionale e coerente degli strumenti social per la comunicazione.
Il testo merita di essere letto e studiato proprio per il suo approccio. Poche roboanti teorie, poca mania di grandezza, solo una buona dose di buon senso e conoscenza della materia di cui si parla.
Ne risulta quindi un lavoro che condensa efficacemente suggerimenti davvero utili ed essenziali su cosa è realmente utile e necessario fare, quali approcci seguire e, soprattutto, quali percorsi di analisi seguire per capire davvero la necessità e conseguentemente intraprendere i passi nella giusta direzione. Tenendo sempre ben in mente da un lato, non solo i rischi che possono derivare da una comunicazione smaccata, poco credibile e inquinata da finalità commerciali; dall'altro che è lo strumento che è cambiato ma senza un'adeguata conoscenza di cosa sia davvero il governo della relazione, la conoscenza dei fondamentali della professione, difficilmente si otterranno risultati.

Se non delle chimere, delle rapide ed effimere iniziative destinate a fallire.

Titolo: Relazioni pubbliche digitali. Pensare e creare progetti di blogger, influencer e community

Autore: Roberto Venturini

Editore: Egea

Pagine: 192

Federico Unnia - Consulente in comunicazione



Leisure

numero di 04/11/2015
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>